Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Vite che non sono la tua

Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

"Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte" di Ascanio Celestini - Quattro persone che abbiamo conosciuto quando non erano più vive. Quattro morti finiti sui giornali. Tutto quello che è accaduto prima resta nascosto al di là di un confine. La notizia li allontana da noi, li trasforma in personaggi di un racconto che non ci riguarda. Io sono andato a registrare la voce di chi li ricorda vivi. Di chi gli stava accanto prima dell'evento che li ha massacrati. La mamma di Federico, la sorella di Giuseppe, i genitori di Davide e Giulio. L'ho trascritta e rimessa un po' in ordine. Poco. Per non razionalizzare troppo un disordine che racconta lo spaesamento, la rabbia e le paure. Aggirando la cronaca giornalistica e giudiziaria, abbiamo bisogno di tornare al contesto nel quale erano ancora vivi con la loro esistenza anonima e ordinaria. Federico che prende lezioni di guida dalla mamma, Davide che gioca a pallone e sogna di diventare come Totti, Giuseppe che s'è lasciato con la moglie e gioca col cibo a tavola con la sorella, Giulio studente modello che legge Topolino. E allora ci accorgiamo che Federico, Davide, Giuseppe e Giulio sono come noi. Come i nostri figli e i nostri fratelli. E la violenza che li ha colpiti ci riguarda direttamente. Non possiamo posare una lapide sulla loro vita per nasconderli. L'elaborazione del lutto che passa attraverso il racconto della loro vita ci mostra quattro corpi sui quali vediamo, come dicono i genitori di Giulio Regeni, "tutto il male del mondo".
Aggiornata il 31 Maggio
  1. Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

    Federico Aldrovandi

    Rai Radio 300:30:00
  2. Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

    Davide Bifolco

    Rai Radio 300:30:00
  3. Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

    Giuseppe Uva

    Rai Radio 300:30:00
  4. Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

    Giulio Regeni

    Rai Radio 300:30:00
Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte

"Rumore di fondo. Mi cercarono l'anima a forza di botte" di Ascanio Celestini - Quattro persone che abbiamo conosciuto quando non erano più vive. Quattro morti finiti sui giornali. Tutto quello che è accaduto prima resta nascosto al di là di un confine. La notizia li allontana da noi, li trasforma in personaggi di un racconto che non ci riguarda. Io sono andato a registrare la voce di chi li ricorda vivi. Di chi gli stava accanto prima dell'evento che li ha massacrati. La mamma di Federico, la sorella di Giuseppe, i genitori di Davide e Giulio. L'ho trascritta e rimessa un po' in ordine. Poco. Per non razionalizzare troppo un disordine che racconta lo spaesamento, la rabbia e le paure. Aggirando la cronaca giornalistica e giudiziaria, abbiamo bisogno di tornare al contesto nel quale erano ancora vivi con la loro esistenza anonima e ordinaria. Federico che prende lezioni di guida dalla mamma, Davide che gioca a pallone e sogna di diventare come Totti, Giuseppe che s'è lasciato con la moglie e gioca col cibo a tavola con la sorella, Giulio studente modello che legge Topolino. E allora ci accorgiamo che Federico, Davide, Giuseppe e Giulio sono come noi. Come i nostri figli e i nostri fratelli. E la violenza che li ha colpiti ci riguarda direttamente. Non possiamo posare una lapide sulla loro vita per nasconderli. L'elaborazione del lutto che passa attraverso il racconto della loro vita ci mostra quattro corpi sui quali vediamo, come dicono i genitori di Giulio Regeni, "tutto il male del mondo".

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per