Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Zoom scatti dal web

Zoom scatti dal web

La Val Pusteria di Carlo Piatti

«Ho sentito spesso parlare delle Dolomiti come di una ‘fiaba della natura’. Sono arrivato a Dobbiaco in macchina alle 7.30 di sera dell’11 agosto. Mi sono trovato di fronte ad un enorme pascolo trascurato che poteva certamente essere un affascinante giardino alpino»

Così lo scrittore Peter Altenberg descrive nel 1912 Dobbiaco nell’Alta Val Pusteria, un prato pieno di sassi da una parte della vallata, un paese ai piedi delle montagne dall’altra parte. Cos’è che spingeva artisti e teste coronate provenienti da metropoli illuminate a trascorrere le vacanze in mezzo a questa natura selvaggia? Altenberg lo spiega così: Dobbiaco si trova alle porte delle Dolomiti. Bisogna solo salire la strada per alcuni chilometri ed ecco che si apre la porta ad un mondo incantato, quello dei Monti pallidi. Solo a cavallo tra i due secoli ci si è resi conto della bellezza di questo paesaggio. Prima, questa terra povera ed arida con il suo terreno calcareo poco fertile era una zona di sopravvivenza per pochi. Altenberg scrisse: «Vidi questa strada bianca in mezzo al bosco e ne rimasi affascinato. Vidi boschi nella luce del tramonto ed un’enorme roccia luminosa.» Erano in molti che la pensavano in questo modo, e che rimasero affascinati da questo mondo fiabesco, la cui bellezza era rimasta intatta. Con l’inaugurazione della ferrovia, la Südbahn, e del piccolo e modesto Südbahnhotel, l’Alta Pusteria divenne la mecca dell’alta società viennese. E non solo per l’alta borghesia della capitale austro-ungarica: gli ospiti provenivano da tutto il mondo. (…) L’anno del boom fu il 1912 quando in Val Pusteria, si dava appuntamento non solo la nobilità e la borghesia, ma anche gli artisti dell’epoca. Arthur Schnitzler e Hugo von Hofmannsthal (1874-1929) soggiornarono a Monguelfo, la Famiglia Richard Strauss (1864-1949) a Sillian, Gustav Mahler a Dobbiaco – nei loro bagagli il mondo intellettuale delle metropoli (…)

(Nina Schröder Val Pusteria: uno scenario culturale di inizio Novecento)

Tutte le immagini pubblicate e i diritti sono del fotografo Carlo Piatti
  
A cura di Francesca Vitale

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per