Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Zoom scatti dal web

Zoom scatti dal web

La poetica di Shirin Neshat

«L’Occidente dovrebbe imparare a riconoscere i due islam che convivono in ogni Paese musulmano. Non c’è solo quello fanatico che purtroppo è colto al volo dalle masse più povere e disperate. In Turchia, in Egitto, in Iran... c’è anche un islam secolare che lotta per i principi condivisi dalle democrazie. E che ha fretta di essere riconosciuto». 
S. Neshat

Compie 62 anni il 26 marzo Shirin Neshat artista visiva iraniana che vive tra il suo paese d’origine e New York. È conosciuta e apprezzata in tutto il mondo per le sue immagini e i suoi corti incentrati per lo più su una riflessione intorno alla condizione femminile della donna iraniana. Shirin Neshat per molti anni ha avuto il divieto di mettere piede nel suo paese per aver appunto messo al centro dei suoi lavori, in modo  riflessivo, ma anche critico, il racconto sulle donne in Iran. Famose sono le sue immagini di mani, piedi e volti di donne, autoritratti, su cui Shrin Neshat scrive  a mano secondo una tradizione del suo paese. Ritratti di corpi di donne, ma anche uomini e bambini, interamente ricoperti da scritte in calligrafia persiana. Ma anche video che trattano sempre il problema del rapporto tra generi. È del 2009 il suo primo lungometraggio: Donne senza uomini, con il quale ha vinto nel 2009 il Leone d'Argento per la miglior regia al 66º Festival di Venezia, dove era già nota per essere stata premiata nel 1999 alla Biennale d’arte veneziana.
 Nel 2017 con Looking For Oum Kulthum, storia della più grande cantante araba, che con le sue canzoni ha ispirato e mosso tante ‘’primavere arabe’’ ,è stata in corsa nel 2017 al Concorso nella sezione delle Giornate degli Autori alla 74° Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia. 

A  cura di Francesca Vitale  
 

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per