Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Scuola sotto esame: 4 milioni di studenti al via

Scuola sotto esame: 4 milioni di studenti al via
Ascolta l'audio
con Luca Mastrantonio
Tornano in classe da oggi quasi quattro milioni di studenti, la metà della popolazione scolastica. È il primo esame per il piano di rientro messo a punto dal governo Draghi per garantire una scuola in presenza e in sicurezza come da mesi vanno ripetendo il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e lo stesso presidente del Consiglio. Evitare il ritorno alla didattica a distanza e assicurare un anno di lezioni senza interruzioni per recuperare il tempo perso, sono gli impegni assunti dall’esecutivo. Quello che accadrà davvero è un’incognita, dipenderà dal livello dei contagi dopo il rientro, dall’efficacia del rafforzamento dei trasporti e dalle scelte delle singole Regioni che, come lo scorso anno, potrebbero mettere in difficoltà il governo.
Per la riuscita del piano di rientro l’esecutivo conta innanzitutto sulla campagna vaccinale. Oltre il 93% del personale scolastico ha ricevuto almeno la prima dose - o quella unica. «Ritrovarsi a scuola è una gioia grandissima», ha scritto il ministro Bianchi in una lettera inviata alla comunità scolastica ringraziando tutti e augurando «un sereno anno di lavoro e crescita, insieme». A tornare in classe oggi saranno gli studenti di 9 regioni: Abruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Umbria, Veneto, oltre a quelli della Valle d'Aosta e della provincia di Trento. Per la ripartenza il governo ha stanziato quasi 2 miliardi, una cifra inferiore a quella prevista lo scorso anno dal secondo governo Conte.
Il governo è sicuro che sia sufficiente mentre per i sindacati e le associazioni di genitori e presidi si doveva fare di più. I presidi avevano chiesto un rafforzamento del personale Ata per gestire in modo più rapido le complesse operazioni di verifica del Green Pass da quest’anno obbligatorio per il personale scolastico e per i genitori. La piattaforma per il controllo automatico dovrebbe essere rilasciata stamattina. Troppo tardi secondo i presidi per iniziare a usarla subito. Bisognerà prima verificarne il funzionamento quindi il primo giorno di scuola nella gran parte degli istituti avverrà con il controllo manuale e quindi con il rischio di file e ritardi nell’inizio delle lezioni. I problemi principali si registreranno nelle scuole dell’infanzia dove torneranno un milione e 330 mila bambini, come segnala Tuttoscuola. In questa fascia di età è normale la presenza dei genitori all’inizio dell’attività scolastica, il controllo manuale dei certificati sarà un’operazione complessa.
I sindacati chiedevano maggiori investimenti nel personale per ridurre l’affollamento nelle classi, un rischio per la sicurezza sanitaria in un anno in cui è stato eliminato il distanziamento tra gli studenti. Secondo Cittadinanzattiva «sono quasi 17.000 le classi con oltre 25 alunni, appartenenti nel 55% dei casi agli Istituti di II grado. Una situazione che va sanata una volta per tutte», sostiene Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva, che chiede al governo e al ministro Bianchi di abrogare il decreto Tremonti-Gelmini, che consente fino a 30 alunni per classe nelle scuole secondarie di I e II grado, per ritornare ovunque ai parametri stabiliti dalla normativa antincendio che fissano il numero massimo in 25 alunni (26 con l’insegnante).
E già oggi inizieranno le prime proteste. È fissata una mobilitazione della Rete degli studenti davanti al Ministero dell’Istruzione e a più di cinquanta scuole nelle maggiori città, «per denunciare l'assenza di certezze sul rientro scolastico». Ed è previsto anche uno sciopero del personale scolastico aderente al sindacato Anief.

Flavia Amabile - La Stampa

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta La protesta No Pass non ferma l'Italia. Fiori per gli agenti
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Quando la democrazia garantisce i diritti di chi li calpesta
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Alitalia, ultimo volo: ora tocca a Ita

Alitalia, ultimo volo: ora tocca a Ita

14/10/2021

Con Stefano Feltri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Se il supereroe si dichiara bisessuale

Se il supereroe si dichiara bisessuale

13/10/2021

Con Stefano Feltri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per