Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Prima Pagina - "L'università ora è la principale cassa di risonanza del nichilismo".

Prima Pagina -
Ascolta l'audio
con Massimiliano Panarari
“A volte si dice che le grandi ideologie siano scomparse ed è vero. Ma il bisogno ideologico della società è costante. Non è più soddisfatto dal fascismo o dal comunismo, ma da ideologie molto più elementari e probabilmente più invasive anche nella misura in cui non vengono viste: la cancel culture…”. Jean-Luc Marion ha aspettato tanto, tanti tomi su Heidegger e Husserl, prima di immergersi nell’attualità. Ora lo fa in uno straordinario libro-confessione, A Vrai dire, pubblicato in Francia dalle Editions du Cerf. 
È l’accademico francese di maggior successo negli Stati Uniti. Ha una biografia intellettuale sterminata ma che può essere sintetizzata così: fondatore dell’edizione francese di Communio (la rivista ideata dall’allora professor Joseph Ratzinger), insignito da Papa Francesco del Premio Ratzinger 2020, membro dell’Académie française (al posto del cardinale Lustiger), allievo di Hans Urs von Balthasar, docente di Metafisica alla Sorbona (ha preso la cattedra di Emmanuel Lévinas) ed è uno degli specialisti mondiali di Cartesio. Gilles Deleuze lo invitò, alla fine della sua vita, a condividere un budino di riso (l’unico cibo che poteva ancora mangiare) per discutere di Dio senza essere, una delle maggiori opere di Marion. 
Insegnando anche in America (a Chicago, erede di Paul Ricoeur), oggi Marion ha un grandangolo speciale sulla crisi in corso. “Viviamo sotto questa ossessione tautologica e cieca per l’identità vuota ed è per questo che le liti sull’identità stanno diventando pervasive”. La classe politica non ha più il controllo. “Non sono più stupidi di prima, ma non hanno più il controllo delle cose. Lo strato di neve è scivolato e siamo rimasti bloccati nella valanga e non siamo riusciti a fermarla. Quello che stiamo vivendo è definito più come una decadenza”. Parla di Islam. “Il problema è che il mondo musulmano sta appena cominciando a sistemare il suo rapporto con la modernità, da qui le convulsioni che sta vivendo. Il problema è sapere fino a che punto l’Islam può integrarsi. Ma non è nella sua costituzione originale, poiché il Corano rifiuta per principio qualsiasi ‘associazione’. Questa logica binaria, con me o contro di me, è portata all’estremo dall’islamismo”.
L’Europa, dice, sta uscendo dai binari. “Sta cadendo fuori dalla storia, questo non è contestabile oggi. Detto questo, le società di altri continenti che pensano di essere libere da questo stesso declino mi sembrano molto ingenue, nella misura in cui credono di sfuggire al destino globale del nichilismo. Si convincono che si tratta di un virus locale, che devasta solo solo il piccolo capo occidentale dell’Eurasia e che non li riguarda. Gli Stati Uniti hanno sempre giurato che il nichilismo non sarebbe arrivato da loro, che sarebbero rimasti immuni. Ma ora è successo e sono soggetti a una variante che è tanto più scatenata perché è stata trattenuta per così tanto tempo. La Cina è abbagliata dal suo enorme boom materiale e dal suo sogno irresistibile, senza vedere la linea di faglia che sta scavando allo stesso tempo, che rappresenta un gigantesco vettore di contagio”. 
Siamo sempre alle prese con il nichilismo, scrive Marion. “Nietzsche disse nel 1886 che sarebbe durato due secoli, quindi ne abbiamo ancora un buon terzo”. 
E l’Europa è la regione che più di ogni altra lo sperimenta. “Ci sono molte ragioni per questo status di precursore. Guerre religiose, imperiali, coloniali e mondiali? Siamo noi. Eresie, ideologie, utopie follie totalitarie? Siamo noi. Siamo nell’epicentro della catastrofe. Siamo nel cuore del reattore atomico.
La scrittrice e studiosa italiana Andrea Marcolongo è stata invitata dalla Columbia University a discutere dell’importanza del latino e del greco. Sta parlando della sua carriera e dei suoi libri, quando uno studente chiede: “Come puoi leggere Omero se era razzista e misogino?”. La connessione internet è buona, ma Marcolongo teme di aver capto male: “Mi dispiace, non capisco il suo punto di vista”. Lo studente ripete la domanda: “Ho avuto l’impressione che avessimo letto due autori diversi”, dice Andrea Marcolongo al Figaro. L’Università è dunque il cuore della crisi. Marion ricorda gli anni Sessanta in cui ha iniziato a formarsi come filosofo. “Il marxismo era la musica di sottofondo del mondo accademico. Né meno, né più”. Ora è diverso. Ora è anche peggio. “Ieri l’Università era ideologizzata, ma sulla base di un corpus condiviso di grandi autori. Althusser e Aron non leggevano Karl Marx allo stesso modo, ma era Marx che facevano leggere ai loro studenti. E avrebbero riso del fatto che ora stiamo censurando Omero per fare un’analisi postcoloniale della guerra di Troia. L’Università non fa eccezione al nichilismo imperante e ne è la principale cassa di risonanza”.

Giulio Meotti – Il Foglio
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Tutti gli statali in ufficio da metà ottobre. Ma lo smart working sopravvivrà
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Dell'Utri assolto al processo Stato-mafia. Assolti anche i carabinieri
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta L'elogio del cinghiale

L'elogio del cinghiale

23/09/2021

Con Angela Azzaro

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Senza Green pass stop allo stipendio: nel decreto spariscono le sanzioni.
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per