Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Pagina 3

Imprevisto

Imprevisto
Ascolta l'audio
Pagina 3 con Nicola Lagioia
Cinema | Alla mostra del Cinema di Venezia ben cinque italiani in gara, mai così tanti registi dal 1984: il ritorno di Sorrentino, poi Mario Martone, Gabriele Mainetti, i fratelli d’Innocenzo e il film sotterraneo di Michelangelo Frammartino che per il direttore Barbera “ha la bellezza assoluta del diamante puro”. Da Diversi giornali e su la Repubblica articoli di Arianna Finos e un’intervista al regista de “Il buco”.

Giustizia | Il caso dei lavoratori-schiavi a Grafica Veneta, sotto inchiesta per la grave situazione di illegalità e con diverse ordinanze di custodia cautelare, mette in luce le aberrazioni esistenti nel mondo dell’editoria e impone una riflessione, per estensione, sulle reali condizioni di lavoro nelle tipografe, nelle case editrici, nelle librerie, nella galassia di traduttori e redattori. Dal il Fatto Quotidiano.

Ritratti | Un ritratto del maestro indiscusso del noir italiano Giorgio Scerbanenco: le origini nella Russia zarista, la scoperta del suo talento da parte di Cesare Zavattini dagli anni Trenta, gli anni Sessanta con il personaggio del Duca Lamberti in una Milano ‘dolente’. La vita dell’instancabile e multiforme indagatore dei più oscuri moti dell’animo umano è ricostruita nel libro della figlia Cecilia “Il fabbricante di storie”. Matilde Quarti, su Kobo Blog.

Saggi / 1 | In “Estetica dell’improvvisazione” il filosofo Alessandro Bertinetto indaga il meccanismo cardine della nostra creatività nelle arti: l’improvvisazione, che, in ambito artistico ma non solo, è una modalità fondamentale dell’esperienza ed è legata alla contingenza in una coincidenza tra invenzione e performance. Marco Belpoliti su Robinson, la Repubblica.

Libri | “Nella narrazione della propria infanzia si deve evitare la progressione lineare”: Roberto Calasso in due volumi narra, con un ritmo rapsodico imprevisto, un mondo che ritorna per rivelazioni, la nascita di Adelphi, l’affinità elettiva con Bobi Bazlen l’ispiratore e fondatore “imprendibile” del marchio che “preferiva parlare di ciò che si riconosce dal suono”. Paolo Di Stefano su La Lettura, Corriere.

Oltre la diretta 27/7/2021

Saggi /2 | Susan Sontag in “Malattia come metafora” (Nottetempo) riflette sulle figure e le metafore della malattia, e nota come le parole che circondano il cancro o l’Aids operino un’inconfessata immaginazione punitiva che travolge malattia e malato. Spesso la retorica della performance, esondando dal campo economico, entra nelle relazioni sociali e malattia e peccato vengono accostati in un processo di colpevolizzazione di chi è vulnerabile. Paolo Crosato su Left.

Intervista | Per l’australiano Michel Taussig, uno dei più grandi antropologi viventi, “stiamo vivendo in un’epoca di ri-incantamento della natura”, non pensata come realtà passiva. Oggi c’è la possibilità di ricostruire l’epicità della natura, del suo carattere indipendente che ci sfugge e aggiunge parlando del suo ultimo libro “Mastery of non Mastery in the age of meltdown”: “e qui torna la magia, che è un tentativo di controllare l’incontrollabile”. Franco La Cecla su Avvenire.

Ambiente | Il silenzio sta diventando un bene rifugio, “gli ecosistemi più in salute sul pianeta sono anche i più silenziosi”. Il silenzio ha una funzione molto importante per il Pianeta come dimostra la storia dell'ecologo dei suoni Gordon Hempton. Ferdinando Cotugno su Rivista Studio

Capolavori | Nel 1981 il musicista ingegnere Paolo Fazioli fondava l’omonima fabbrica di pianoforti, in un mix sapiente di artigianato e innovazione. Un libro fotografico per il quarantennale rievoca l’affascinante storia e la progressiva affermazione internazionale che vede gli strumenti oggi insediati in concorsi come lo Chopin di Varsavia, con testimonianze, tra gli altri, di Daniil Trifonov e Angela Hewitt. Raffaele Mellace su Domenica Sole 24 Ore.

Il brano che accompagna la puntata è “One For ‘Grew” di Robert Glasper, dall’album “In My Element” del 2007. Con Robert Glasper al piano, Vicente Archer al contrabbasso, Damion Reid alla batteria.

 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Tutto è connesso

Tutto è connesso

24/09/2021

Pagina3 con Edoardo Camurri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Piegando la freccia del tempo

Piegando la freccia del tempo

23/09/2021

Pagina 3 con Edoardo Camurri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Questa notte ho sognato

Questa notte ho sognato

22/09/2021

Pagina3 con Edoardo Camurri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Un'impresa eccezionale

Un'impresa eccezionale

21/09/2021

Pagina3 con Edoardo Camurri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per