Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Prima Pagina - Stop al Cashback

Prima Pagina - Stop al Cashback
Ascolta l'audio
con Mario Sechi
Regressiva, inutile, in grado solo di favorire i benestanti, penalizzando invece la popolazione meno abbiente. Una misura che costa 4,5 miliardi di euro allo Stato e di cui non sembra evidente alcun tipo di ritorno, meno che meno quello di una riduzione dell'area di evasione fiscale. Sono bastati cinque minuti a Mario Draghi in consiglio dei ministri per seppellire il cashback di Giuseppe Conte e Rocco Casalino e fare ammutolire Fabiana Dadone, che poverina aveva annunciato sui social la grande battaglia che avrebbe dato nell'occasione e invece è stata zitta trattenendo pure il respiro per evitare una figuraccia. Per sei mesi l'Italia ha buttato via miliardi di euro solo grazie a Casalino che cercava di lucidare l'immagine già appannata e ormai esangue di Conte: soldi di tutti sprecati solo nella speranza di fare crescere artificialmente i “like” all'ex premier.
Faceva ridere anche con una certa amarezza vedere - ovviamente sempre sui social - la ministra delle politiche giovanili Dadone impartire lezioni di economia a uno come Draghi e pure sparare una sonora castroneria sostenendo che nel 2020 (era durato 20 giorni soli) il cashback aveva portato 1,2 miliardi di euro in più nelle casse dello Stato. Ieri il presidente del Consiglio con pazienza ha spiegato che la “misura  rischia di accentuare la sperequazione tra i redditi, favorendo le famiglie più ricche, con una propensione al consumo presumibilmente più bassa” e che “non esiste alcuna obiettiva evidenza della maggiore propensione all’utilizzo dei pagamenti elettronici da parte degli aderenti al Programma. Quasi il 73 per cento delle famiglie già spende tramite le carte più del plafond previsto dal provvedimento. È invece improbabile che chi è privo di carte o attualmente le usa per un ammontare inferiore al plafond possa effettivamente raggiungerlo, perché la maggior parte di loro non può spendere quelle cifre”. [...] continua sul  sito

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Sudan, golpe dei militari: arrestato il premier Hamdok. Sangue sulle proteste
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Chi ha fatto danni non faccia spallucce

Chi ha fatto danni non faccia spallucce

25/10/2021

Alla fine il nuovo amministratore delegato di Unicredit ha alzato l'asticella ad un livello tale che il Tesoro ha dovuto rompere le trattative per la cessione del Monte dei Paschi di Siena

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta La provocazione di Erdogan, cacciati 10 ambasciatori occidentali
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Bonus edilizi, proroghe ma con aliquote ridotte

Bonus edilizi, proroghe ma con aliquote ridotte

23/10/2021

Con Enrico Fontana

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per