Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Nave Gregoretti, il giudice assolve Salvini

Nave Gregoretti, il giudice assolve Salvini
Ascolta l'audio
Con Stefano Zurlo
"Non luogo a procedere, il fatto non sussiste". Il leader leghista: "Quando tornerò al governo farò la stessa cosa"

Per il gup Nunzio Sarpietro l'operato dell'ex ministro dell'Interno è stato una legittima conseguenza di insindacabili scelte politiche e non costituisce reato


CATANIA - Non luogo a procedere. Il processo penale per il caso Gregoretti a carico di Matteo Salvini finisce qui, nell'aula bunker di Bicocca a Catania dove il giudice delle indagini preliminari Nunzio Sarpietro ha letto la sua decisione. Con la quale ha comunicato alle parti che non ci sono, a suo avviso, gli elementi per mandare l'ex ministro dell'Interno davanti ad un tribunale per rispondere dei reati di sequestro di persona e abuso d'ufficio per aver tenuto bloccati 164 migranti salvati nel 2019 sulla nave Gregoretti della Guardia costiera italiana nell'attesa che i Paesi europei solidali formalizzassero la loro disponibilità ad accogliere parte dei migranti.
Differenze con Open Arms
Un verdetto che significa molto per Matteo Salvini e non soltanto perchè è diametralmente opposto a quello pronunciato tre settimane fa dal gip Lorenzo Iannelli a Palermo, dove invece Salvini dovrà tornare a settembre per il processo che lo vedrà sul banco degli imputati a rispondere degli stessi reati ma per i migranti soccorsi qualche mese dopo dalla Open Arms e fatti sbarcare poi a Lampedusa solo dopo l'intervento del procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio.
Salvini: "Quando torno al governo farò lo stesso"
Il leader leghista, subito dopo il verdetto, ha detto ai giornalisti: "Quando gli italiani torneranno a votare e mi restituiranno la responsabilità di governo farò esattamente la stessa cosa perchè l'immigrazione come quella di lamepdusa con 3mila sbarchi in un fine settimana porta il caos e l'italia non ha bisogno di caos in questo momento". Poi, rivolto agli alleati della attuale maggioranza, ha aggiunto: "Spero che la sentenza sia utile agli amici del Pd e del M5S, le battaglie si vincono o in Parlamento o nelle campagne elettorale".
Gregoretti: Salvini agì con il consenso di tutto il governo
Il verdetto di Catania per Salvini vale doppio perché è in qualche modo nel merito. Il gip Sarpietro infatti ( che adesso entro 30 giorni dovrà depositare l'ordinanza motivando la sua decisione) ha di fatto svolto un piccolo processo chiamando a testimoniare in aula nei mesi scorsi l'ex premier Giuseppe Conte, gli ex ministri Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli e l'attuale ministro dell'Interno Luciana Lamorgese e degli Esteri Luigi Di Maio. E dalle testimonianze ha avuto la conferma che la politica migratoria di Salvini, come da sempre affermato dal leader della Lega, faceva parte del contratto di governo ed era dunque condivisa dagli alleati dell'esecutivo anche se poi la responsabilità delle decisioni operative (come ad esempio assegnare il porto di sbarco alle navi di soccorso dei migranti) era solo di Salvini e da lui fu esercitata senza coinvolgere con alcun atto formale il Consiglio dei ministri. Ma - evidentemente - per il gip Sarpietro, l'operato di Salvini è stata una legittima conseguenza di insindacabili scelte politiche e non costituisce reato.

Da qui la decisione di dichiarare il non luogo a procedere nei confronti di Salvini come per altro sollecitato oltre che dal difensore del leader della Lega, Giulia Bongiorno, anche dalla Procura della Repubblica che ha sempre tenuto ferma la decisione del procuratore Zuccaro di chiedere l'archiviazione del caso poi finito in un'aula di giustizia solo per l'intervento del Tribunale dei ministri. Quest'ultimo di diverso avviso, ha chiesto e ottenuto dal Senato l'autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini.

Alessandra Ziniti - la Repubblica 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Prima Pagina - «Per i tumori un anno perso ora dobbiamo recuperare»
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Tra i senza diritti dove comandano i kapò

Tra i senza diritti dove comandano i kapò

19/06/2021

con Alessia Lautone

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Green Pass, Draghi firma il decreto con cui l'Italia gioca d'anticipo
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Usa-Russia, prove di dialogo

Usa-Russia, prove di dialogo

17/06/2021

Con Alessia Lautone

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per