Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Piazza Verdi

"Si vive una volta sola, ma se lo fai bene…"

Ascolta l'audio
"Si vive una volta sola, ma se lo fai bene…"

“Si vive una volta sola, ma se lo fai bene, una volta è abbastanza.” (Mae West)

Nelle note di copertina del suo nuovo lavoro discografico Filippo Mineccia cita Shakespeare, che definì la passione amorosa come “la più saggia di tutte le follie”; di essa cade vittima anche il paladino Orlando, eroe cavalleresco che rappresenta uno dei miti più antichi del Medioevo romanzo. Un eroe pieno di ardore e intemperanza giovanile, così fuori dagli schemi, pur nel desiderio di difesa che lo vede impegnato nella lotta titanica a sostegno della Francia e della fede cristiana, da spingerlo in una sfida senza barriere e limiti, specchio di un valore che si vota al sacrificio. Filippo Mineccia per realizzare il suo Orlando sceglie pagine poco note, alternate ad altre dove i termini di paragone potrebbero anche essere rischiosi. Spicca ovviamente Orlando come protagonista, ma da altri canti ariosteschi sono tratti gli episodi che narrano dell’incantesimo che tiene legato Ruggiero nell’isola di delizie della maga Alcina e delle nozze fra Ruggiero e Bradamante. Intrecci e legami che, come detto, declinano l’eroismo intingendolo di languido desiderio amoroso, secondo un’estetica vocale barocca mirata a cogliere la dimensione dell’impeto sentimentale che pervade lo spirito guerriero, smussandone i lati belligeranti a favore della delicatezza e della compassionevole pietà.

“Lavoro, salute, cultura e benessere rendono viva una città e passano tutti attraverso l’Educazione. Da sempre, il Teatro è lo strumento per l’educazione dell’essere umano prima, e del cittadino poi. Strumento antichissimo ma anche sempre “contemporaneo”, sempre capace di evolversi con l’Uomo. Per questo il progetto che coltiviamo è quello di creare al Nuovo Teatro Faraggiana anche un Centro di Educazione, una Scuola di Umanità “del Terzo Millennio”. Il Nuovo Teatro Faraggiana è lo spazio ideale per questo. Piccolo e grande “il giusto” per una città come la nostra. Con una storia che ce lo consegna anche per questo scopo. Un gioiello da far “vivere”. La partecipazione dal basso del comitato “Il-Faraggiana-è-anche-mio”, che ha visto mettere insieme operatori culturali dalle più diverse competenze in città (artisti, teatranti, musicisti, architetti, gente di cinema, insegnanti, ricercatori), dice come agiremo all’interno di questo spazio: proponendo e cercando risorse per realizzare un luogo dinamico, ciascuno mettendo in campo le proprie forze, integrandole con quelle degli altri.” Con questo Manifesto si presenta Il Nuovo Teatro Faraggiana di Novara e oggi approfondiremo la materia con la sua direttrice artistica Lucilla Giagnoni.

Con queste parole l’arpista Davide Burani presenta il suo nuovo progetto discografico: “Il 48 è diventato per me un numero magico! Ho affrontato lo studio dei “48 Études ou Fantaisies” di François Joseph Dizi in età giovanile come molti altri studenti, dato che è previsto nei programmi dei Conservatori italiani ed esteri, ma li ho riscoperti solo ultimamente, grazie alla curiosità di rileggerli suscitata dal ricordo della loro brillantezza, efficacia ed originalità: si tratta di una vera e propria antologia che affronta diversi aspetti della tecnica arpistica riuscendo a coniugarla con una spiccata vena melodica che trasforma ogni studio in un vero e proprio brano. Avvinto, quindi, dalla loro dolcezza espressiva, mi sono lasciato trasportare di pagina in pagina, riuscendo a realizzare il sogno dell'incisione integrale che maturavo da tempo.”

Paola Piacenza ci parla di Songs My Brothers Taught Me per la regia di Chloe Zhao.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Terza parte

Terza parte

01/05/2021

"Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento…"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Seconda parte

Seconda parte

01/05/2021

"Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento…"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta "Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento…"

"Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento…"

01/05/2021

"Il lavoro dovrebbe essere una grande gioia ed è ancora per molti tormento…"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Terza parte

Terza parte

24/04/2021

"Sono i premurosi giardinieri che fanno fiorire la nostra anima"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per