Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Piazza Verdi

"La felicità è un'opera d'arte. Maneggiare con cura."

Ascolta l'audio
"La felicità è un'opera d'arte. Maneggiare con cura."

“La felicità è un’opera d’arte. Maneggiare con cura.” (Edith Wharton)

Direttore d’orchestra con una profonda vocazione alla coralità, stimato filologo musicale in perpetua ricerca, fondatore dell’Orchestra e Coro Ghislieri, divulgatore, l’ex matematico Giulio Prandi prosegue in questa difficile primavera la sua carriera tra i mille ostacoli che la pandemia impone, per mantenere sano in tutti i sensi, il suo figliolo prediletto, ormai eccellenza internazionale nel cuore del Collegio Ghislieri, e portare la sua consolidata esperienza nell’ambito della musica antica e barocca al servizio di altre realtà, come nel prossimo debutto alla testa dei complessi areniani al Filarmonico di Verona in un repertorio decisamente poco frequentato da una Fondazione di forte tradizione ottocentesca. Il 2 aprile invece Pavia, il Teatro Fraschini, Prandi e il suo Ghislieri saranno protagonisti di uno dei più prestigiosi e solidi festival di musica sacra nel mondo: i celebri Misteria Paschalia di Cracovia ospiteranno infatti sulla loro piattaforma in streaming, non potendo accoglierli come previsto sul loro palco, il suo Mattutino de’ Morti di Davide Perez, repertorio sul quale Prandi oggi non ha rivali per continuità di studio e frequentazione. E nemmeno il Concertgebouw di Amsterdam ha voluto rinunciare al contributo di Prandi e del Ghislieri nonostante i tempi, così in streaming dalla loro piattaforma il 29 maggio si avranno due capisaldi di quella scuola napoletana e iberica di cui Giulio Prandi è ormai considerato interprete di spicco nel contesto internazionale.

Ogni viaggio ha un motivo stabile, un appiglio a cui attaccare i nostri sogni, qualcosa per cui vale la pena partire, lasciare tutto. Ma ogni sogno, come ogni viaggio, presenta anche un lato fragile, incerto, contro cui spesso naufragano le speranze. Un lato in cui la solidità’ della terra sotto i nostri piedi lascia spazio alla fragilità’ del vetro di cui spesso sono costituite le nostre realtà’ e le realtà di chi attraversa il mare per una vita migliore. Suoni, ambientazioni, melodie d’ispirazione mediterranea e sonorità’ del jazz contemporaneo europeo, corrono, in questo progetto, lungo lo stesso filo sonoro cercandosi, incontrandosi, dialogando e perdendosi dentro spazi più’ ampi e meditativi o in ritmi frenetici e scomposti. Tromba e Oud marcano le atmosfere Mediterraneo - Europee, mentre il trio amalgama il flusso sonoro cercando continuità’ di dialogo tra suggestioni e immagini, solo apparentemente, lontane tra loro.” Con queste parole Mauro Sigura presenta il nuovo album Terravetro del Mauro Sigura Quartet che vede la partecipazione di Luca Aquino alla tromba.

"Ho più jeans di Bruce Springsteen e meno inferni di Leonard Cohen. Questo album è il mio sguardo sul mondo su questo brutto tempo che non smette di piovere. Diavoli storti è la canzone che non avrei mai voluto scrivere”: così Marcello Murru, poeta e autore tra i più ricercati della canzone italiana, presenta il suo nuovo album pubblicato dopo dieci anni di silenzio. Un lavoro (prodotto da Valerio Vigliar che ha composto le musiche e curato gli arrangiamenti) composto da nove brani dalle atmosfere “noir”, intimo. Lo stile di Murru, e la sua vita, trascorsa a metà fra il teatro e la canzone d’autore, sono magistralmente descritti dal decano dei giornalisti musicali (scomparso lo scorso dicembre) Cesare G. Romana: «Una voce roca e amara, che rammenta grandi irregolari della musica come Waits, Cohen, Conte. Come loro, Murru narra voglia e rabbia di vivere con la chiaroveggenza dei grandi outsider, tanto estranei ai meccanismi del mondo da conoscerli più a fondo di tutti».

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Terza parte

Terza parte

10/04/2021

"Si vive una volta sola, ma se lo fai bene…"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Seconda parte

Seconda parte

10/04/2021

"Si vive una volta sola, ma se lo fai bene…"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta "Si vive una volta sola, ma se lo fai bene…"

"Si vive una volta sola, ma se lo fai bene…"

10/04/2021

"Si vive una volta sola, ma se lo fai bene…"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Terza parte

Terza parte

03/04/2021

"La vita è come una dimora con molte stanze…"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per