Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Radio3 Suite - Magazine

Novità editoriali: "Il viaggio di Veronica" e "I volti del potere"

Novità editoriali:
Ascolta l'audio
Fabio Cifariello Ciardi con Ferdinando Scianna per il volume "Il viaggio di Veronica. Una storia personale del ritratto fotografico" I Monica D'Onofrio intervista Paolo Matthiae per il volume "I volti del potere. Alle origini del ritratto nell'arte dell'Oriente antico"
Ferdinando Scianna, Il viaggio di Veronica. Una storia personale del ritratto fotografico, UTET
Secondo un vecchio ma efficace cliché, la prima fotografa della storia fu santa Veronica. La leggenda narra che vedendo Cristo piegato sotto il peso della croce, ricoperto di sudore e sangue, Veronica si sia avvicinata e gli abbia asciugato il viso con un panno, sulla cui tela rimasero impressi i tratti di Gesù. Ecco, allora, il primo ritratto “fotografico” della storia. Bisognerà aspettare l’inizio dell’Ottocento per un procedimento chimico e meccanico in grado di rivaleggiare con la Veronica, quando in pochi mesi, quasi in contemporanea, Niépce e Daguerre, Fox Talbot e Bayard arrivano a mettere a punto l’invenzione fatale che Sir John Herschel battezza col nome di fotografia. I primi ritratti fotografici servono per catalogare e studiare le tribù indigene di Asia e Africa, ma anche a Lombroso per mettere a punto il concetto di fisiognomica criminale e a Galton per cercare sostegno alle sue idee sull’eugenetica. Nel frattempo, per l’apparato burocratico statale la fotografia diventa una risorsa indispensabile, da declinare in milioni di ritratti in formato tessera, già prima che la propaganda la sfrutti per raccontare e sostenere il potere. Ma se da un lato il ritratto viene usato per analizzare e incasellare gli esseri umani, dall’altro sono presto evidenti le potenzialità estetiche di questa tecnica rivoluzionaria. Nadar la eleva all’altezza dell’arte figurativa classica, aprendo la strada ai grandi fotografi di ritratto: da Margaret Cameron a Lewis Hine, da Dorothea Lange a Richard Avedon, fino ai capolavori di Cartier-Bresson, “il Mozart della fotografia”.
Al telefono Ferdinando Scianna

Paolo Matthiae, I volti del potere. Alle origini del ritratto nell’arte dell’Oriente antico, Einaudi
Da sempre le grandi civiltà preclassiche dell’Oriente mediterraneo, dall’Egitto alla Mesopotamia, dall’Anatolia alla Siria all’Iran, sono state fonte d’ammirazione per l’imponenza colossale di celebri opere architettoniche, dalle Piramidi di Giza alla Torre templare di Babilonia al centro cerimoniale di Persepoli. Questa dimensione monumentale ha contribuito da sola a definire agli occhi dell’Occidente l’elemento distintivo e il limite fatale di tutta l’arte orientale antica, cioè la sua immutabilità e ripetitività ossessiva e straniante. Risalente a una sorta di età preistorica, l’espressione artistica di quelle civiltà, cosí dedita al meraviglioso, sarebbe stata del tutto estranea al rapporto con la Storia, che con le sue costanti trasformazioni sarebbe divenuta prerogativa fondamentale ed eccellenza dell’arte greca, romana e tardoantica. In realtà, nella prospettiva di Paolo Matthiae, proprio il ritratto, forma espressiva realistica e quindi storica tra tutte, costituí fin dagli inizi del III millennio a.C. una dimensione specifica di tutte le culture artistiche dell’Oriente antico.
Intervista di Monica D’Onofrio a Paolo Matthiae
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Novità discografica

Novità discografica

11/04/2021

Stefano Valanzuolo presenta una novità discografica

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Napoli & Rossini di questa luce un raggio. Atti del convegno internazionale di studi

Napoli & Rossini di questa luce un raggio. Atti del convegno internazionale di studi

10/04/2021

Stefano Valanzuolo con Antonio Caroccia e Paolo Giovanni Maione per Napoli & Rossini di questa luce un raggio. Atti del convegno internazionale di studi

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Herbert Blomstedt

Herbert Blomstedt

09/04/2021

Andrea Penna conduce Sotto la lente dedicato a Herbert Blomstedt

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Novità editoriali: "Cuba Danza" e "Il gesto sacro" I Festival dei Due Mondi I Ascolti per Baudelaire

Novità editoriali: "Cuba Danza" e "Il gesto sacro" I Festival dei Due Mondi I Ascolti per Baudelaire

09/04/2021

Andrea Penna con Elisa Guzzo Vaccarino, per il volume "Cuba Danza. Dalla danza classica e contemporanea ai balli tradizionali e popolari" I con Monique Veaute per la presentazione del Festival dei Due Mondi di Spoleto I Ascolti dedicati a Charles Baudelaire in occasione dei 200 anni dalla nascita del poeta I con Sergio Massironi, Beatrice Basile per il volume "Il gesto sacro. Una conversazione con Mario Botta"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per