Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Prima Pagina del 15 ottobre 2020

Prima Pagina del 15 ottobre 2020
Ascolta l'audio
Con Jacopo Zanchini

Tripoli. Arrestato in Libia il trafficante di uomini Bija

 

L'uomo è stato accusato dalla Corte dell'Aja di crimini contro i diritti umani per essere tra i maggiori organizzatori del traffico di migranti

 

Più che un arresto sembra la cronaca di una consegna concordata. Abdurahman al Milad, quel comandante Bija al centro di scandali e negoziati indicibili sulle due sponde del Mediterraneo, è stato bloccato ieri mattina in un sobborgo di Tripoli. Un fermo dai contorni ancora poco chiari.

Bija sarebbe stato tratto in arrestato dalla “rada” una delle “polizie” fedeli al redivivo ministro dell’interno Bashagha. Questi era stato dimissionato alcune settimane fa dal premier, a sua volta dimissionario, al-Serraj. Una cacciata sgradita alla Turchia, principale sponsor militare del governo di Tripoli, ottenendo così il reinsediamento di Bashagha.

Dall’aprile del 2019 il guardacoste, poi promosso “supervisore” del porto petrolifero di Zawyah, era destinatario di un mandato di cattura del procuratore generale di Tripoli. L’ordine non era mai stato eseguito, lasciando Bija libero di comandare la milizia al-Nasr durante le battaglie contro le fazioni arruolate dal generale Haftar, che dalla Cirenaica ha invano tentato per oltre un anno la conquista della capitale.

Nei giorni scorsi diversi emissari delle milizie che controllano il territorio da Tripoli al confine con la Tunisia, hanno negoziato con il governo centrale che intende creare una sorta di federazione delle bande armate allo scopo di centralizzare il controllo dei gruppi combattenti.

Bija è uno dei pezzi pregiati della trattativa. Una pedina ingombrante, accusata dall’Onu di essere al centro del traffico di esseri umani, coinvolto direttamente nel contrabbando di petrolio e nella gestione del campo di prigionia ufficiale di Zawyah.

Il trafficante nel maggio 2017 prese parte a una riunione sull’immigrazione al Cara di Mineo, in provincia di Catania, tra le autorità italiane e quelle libiche come emerse proprio da un’inchiesta di Avvenire. Pochi giorni prima anche il Centro di Alti Studi del Ministero della Difesa lo indicava tra i principali boss della tratta e del contrabbando. Le autorità italiane, dunque, avevano sufficienti notizie su di lui.

Un anno dopo, il 7 giugno 2018, il Consiglio di sicurezza dell’Onu dispose sanzioni internazionali su Bija e altri suoi complici.

L’incontro in Italia rientrava in un progetto comune del governo italiano e delle agenzie umanitarie Onu. La serie di riunioni facevano parte di un progetto finanziato dalla Comunità europea che prevedeva “visite di studio” in Italia da parte di una delegazione libica, i cui componenti venivano proposti dagli stessi libici ma “approvati” dalle autorità di Roma. Bija ottenne il visto dall’ambasciata italiana a Tripoli presentando il suo passaporto legalmente concesso da Tripoli e con il quale già in passato aveva viaggiato in Europa da giovane studente dell’accademia militare libica.

Si di lui ci sono almeno tre inchieste in Italia. Alcune riguardano anche l’ipotesi di operazioni illecite con il coinvolgimento di funzionari pubblici.

Nei mesi scorsi il tribunale di Messina ha condannato a 20 anni di carcere ciascuno tre torturatori nordafricani arruolati proprio dalla milizia di Bija per seviziare i migranti del campo ufficiale di Zawyah.

                                                                                                                                                       Nello Scavo - Avvenire 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Prima Pagina del 22 ottobre 2020

Prima Pagina del 22 ottobre 2020

22/10/2020

Con Walter Passerini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 21 ottobre 2020

Prima Pagina del 21 ottobre 2020

21/10/2020

con Walter Passerini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 20 ottobre 2020

Prima Pagina del 20 ottobre 2020

20/10/2020

con Walter Passerini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 19 ottobre 2020

Prima Pagina del 19 ottobre 2020

19/10/2020

con Walter Passerini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per