Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Qui comincia

Armando Punzo, Un'idea più grande di me, Conversazioni con Rossella Menna

Armando Punzo, Un'idea più grande di me, Conversazioni con Rossella Menna
Ascolta l'audio
con Attilio Scarpellini
Armando Punzo, Un'idea più grande di me, Conversazioni con Rossella Menna, Luca Sossella editore.

in conduzione: Attilio Scarpellini
reiga: Federico Vizzaccaro


Sono trent’anni che mi chiudo ogni giorno in questa stanza. Per la prima volta, oggi, mi è sembrata una cosa enorme. Gli inizi sono sempre prossimi alla fine, quando cominci pensi che tutto possa finire un attimo dopo”. Invece in quella stanza del Carcere di Volterra in cui è entrato per la prima volta nel 1988, Armando Punzo ci torna ogni giorno da una vita, per fare teatro con i detenuti-attori della sua Compagnia della Fortezza. “Se ho scelto di fare il mio teatro in questa stanza – ha chiarito tante volte il regista – non è perché mi interessi il carcere. Anzi. A me interessa solo chi riesce a sentirsi libero in un carcere, chi riesce a decrescere, depotenziarsi, sminuirsi, farsi talmente piccolo da passare come pensiero altro attraverso le sbarre della prigione. Il carcere reale è metafora concreta di un carcere più ampio in cui tutti viviamo. Entrare qui dentro significa varcare un limite che esiste anche nel mondo fuori, ma che in carcere è visibile in modo abnorme. Il teatro diventa uno strumento perfetto per straniarlo. Perché quel limite altro non è che l’uomo. Sono io”. Forte della sua ricerca concreta e circoscritta sul rapporto tra limiti e resistenza, in trent’anni di spettacoli nati in una cella di tre metri per nove e presentati nel cortile assolato della prigione medicea, il regista, drammaturgo e attore ha ottenuto i massimi premi e riconoscimenti italiani ed europei, facendo della Fortezza un riferimento imprescindibile nella storia del teatro contemporaneo, una compagnia che attira migliaia di spettatori a ogni nuovo debutto e calca i più prestigiosi palcoscenici del Paese.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Quel giorno sulla luna di Oriana Fallaci

Quel giorno sulla luna di Oriana Fallaci

13/08/2020

Come un bambino curioso la scienza va avanti, scopre cose che non sapevamo, provoca cose che non immaginavamo: ma come un bambino incosciente non si chiede mai se ciò che fa è bene o è male.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Essere nell'eterno per vivere nel tempo, Gli "Scritti di Londra" di Simone Weil di Sabina Moser

Essere nell'eterno per vivere nel tempo, Gli "Scritti di Londra" di Simone Weil di Sabina Moser

12/08/2020

Il compito che l'autrice di questo saggio si è proposto è di mostrare il persistere fino al nostro tempo dei mali sociali, morali e culturali che nella prima metà del Novecento avevano determinato la crisi irreversibile della civiltà europea e che Simone Weil si era impegnata a mettere in luce.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Libereso il giardiniere di Calvino di Libereso Guglielmi

Libereso il giardiniere di Calvino di Libereso Guglielmi

11/08/2020

Sono proprio un figlio della foresta. Io sono uno dei primitivi, io mi sento primitivo e vorrei esserlo ancora di più.."dalla prefazione di Nico Orengo >>

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Pietre della memoria, Omaggio al Parente

Pietre della memoria, Omaggio al Parente

10/08/2020

L'esposizione temporanea è dedicata a Michelangelo, e in particolare al profondo legame che Gabriele d'Annunzio nutriva per il genio di Caprese a tal punto da considerarlo «il Parente».

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per