Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Piazza Verdi

Rosa

Rosa
Ascolta l'audio
La coltivazione della rosa è alla portata di tutti purché si tengano presenti alcune esigenze della pianta. La rosa si adatta a qualsiasi suolo, leggero o pesante, silicio o argilloso, purché sia lavorato profondamente e ben concimato. Le piante vanno collocate a dimora alla distanza suggerita dallo sviluppo della varietà che si coltiva. Tutte le varietà rifiorenti si potano alla fine dell'inverno, per non costringerle a gettare nuovi germogli.
Perché Beethoven? Una video-riflessione personale sulla Sonata op.53 Waldstein
Gabriele Carcano, testo e pianoforte Duilio Meucci, regista. Alla vigilia del 250enario beethoveniano, che vedrà tutte le stagioni del mondo festeggiare il genio di Bonn, il giovane pianista italiano Gabriele Carcano lo omaggia con un personalissimo video-domanda. Protagonista della musica colta europea, solista stimato e fine camerista, Gabriele Carcano dimostra con questa produzione una modernità di approccio originale e personalissima nel porgere il repertorio classico all’attenzione del pubblico generalista, senza scendere a facili compromessi, ma con una contemporaneità fresca e consapevole dei nuovi linguaggi. Con un montaggio musicale che unisce diversi momenti della Sonata op.53 Waldstein così da creare una narrazione che ne sottolinei gli elementi salienti, Carcano compie un omaggio coraggioso, ma necessario, perché questo anniversario beethoveniano non rimanga solo una celebrazione di forma rinchiuso nel solito cenacolo dei frequentatori abituali delle sale da concerto, ma un’occasione di riflessione tra musicisti e pubblico, non più mondi separati, ma vero e proprio popolo in ascolto e ricerca: Perché Beethoven? Domanda che prelude alla sua partecipazione alla serie di concerti dedicati all’integrale delle sonate beethoveniane, che da gennaio a maggio animerà la stagione della Società del Quartetto a Villa Necchi a Milano, oltre a punteggiare la sua intensa attività live in tutt’Italia, Europa e Giappone.
E oggi Gabriele Carcano aprirà la puntata di sabato 15 febbraio. 
Partendo dalle ultime pagine de “L’idiota” di Dostoevskij, Alberto Oliva e Mino Manni immaginano un incontro tra i due protagonisti dopo la fine del testo, una resa dei conti finale che ripercorre le pagine più salienti e va anche oltre. I Demoni portano così avanti la loro esplorazione del grande autore russo in chiave di universale e crudele riflessione sulle conseguenze della Bellezza sull’animo umano. Senza pietà, ma con infinita compassione, come insegna Dostoevskij nei suoi romanzi, in cui non giudica mai i suoi personaggi, ma lascia che ne emerga il lato oscuro in tutto il suo fascino. Con questo spettacolo L’Associazione I Demoni, fondata da Alberto Oliva e Mino Manni, prosegue il suo approfondimento su Fedor Dostoevskij, che l’ha vista realizzare negli scorsi anni cinque spettacoli tratti da questo autore: La Confessione, Ivan e il diavolo, Il Giocatore, Il Topo del sottosuolo e Delitto e castigo. In occasione di quest’ultimo lavoro, la compagnia ha pubblicato il libro Prospettiva Dostoevskij (Cue Press) che raccoglie i cinque adattamenti che precedono questo nuovo capitolo. Oggi con noi tutto il cast.
Paola Piacenza ci porta al cinema con “Il lago delle oche selvatiche” regia di Yi'nan Diao.
L’immigrazione, il pregiudizio razziale, la giustizia sono temi che solcano la contemporaneità e scuotono le coscienze. Per questo la compagnia Teatro dei Borgia, confermando il proprio impegno per l’Arte Civile, sceglie di raccontare la vicenda di due migranti italiani, Bartolomeo Vanzetti (Valerio Tambone) e Nicola Sacco (Raffaele Braia), due ultimi, due umili, vittime e simbolo di ogni discriminazione e ingiustizia. “Cabaret Sacco &Vanzetti” è la storia dei due anarchici italiani immigrati negli Stati Uniti negli anni dieci del secolo scorso e transitati da Ellis Island (come tanti giovani oggi emigrano dai loro Paesi e transitano da Lampedusa), che dopo sette anni di carcere vengono condannati alla sedia elettrica, vittime di un processo farsa e di un crimine giudiziario. Attraverso gli strumenti del teatro, il linguaggio del cabaret, gli sketch e i canti, la storia viene sottratta alle trappole della retorica e del melodramma e la restituita al piano del mito. Raffaele Braia e Valerio Tambone, istrionici e infaticabili, rivivono gli scontri, l’amicizia e gli anni di carcere di Nicola e Bartolomeo danzano, cantano a cappella e narrano le tappe della vicenda giudiziaria, inquadrandola nello scenario storico e politico del tempo. Oggi con noi dal vivo per una breve anteprima.
Caro Gianni, Come in uno specchio… Quanto lontana sembra questa tua fotografia dall’enigma di Bergman.” Così Mimmo Paladino esordisce commentando l’immagine probabilmente più iconica del maestro della fotografia, In Vaporetto (Venezia, 1960). E, conclude, “è una fotografia che nella nebbia, con un sapiente gioco di specchi, cerca di catturare un raggio di sole”. 
Fino al prossimo 5 aprile a Forma Meravigli, Milano, la mostra di Gianni Berengo GardinCome in uno specchio”. Fotografie con testi d’autore, un progetto espositivo prodotto da Contrasto in collaborazione con Fondazione Forma per la Fotografia. Un omaggio a Gianni Berengo Gardin che viene proposto nella sua città d’adozione, Milano, nell’anno del suo novantesimo compleanno.
Aparticle è una Band dalla matrice fortemente elettrica. Con la presenza di chitarra, Rhodes e organo, propone una sintesi personale di jazz, rock ed improvvisazione. Nei brani a firma di Michele Bonifati e Giulio Stermieri, la scrittura stessa è un luogo di profonda condivisione e di confronto, dove le idee proposte da ciascuno dei due compositori sono elaborate minuziosamente fino a che entrambi non si sentano pienamente rappresentati da tutto il materiale prodotto. Le prove ed i concerti sono però il vero luogo della continua costruzione di Aparticle come gruppo, verificando o confutando sul campo quanto del materiale preordinato effettivamente crei la dimensione ottimale per l’espressione di ciascuno. Questa consapevole apertura alle effettive esigenze di ognuno, anche in contrasto con le idee compositive di partenza, è tra gli aspetti che più hanno permesso ad Aparticle di raggiungere in breve tempo il suono personale e unitario di una band. Il nuovo album “The Glamour Action” nasce sperimentando subito dal vivo nuove soluzioni nei suoni e nella scrittura. Appare presto chiara ai quattro una direzione che, ancor più che nel disco d’esordio, guarda alla musica afroamericana e trova nell’elemento ritmico il suo centro espressivo. A testimonianza di una crescita nel tempo di Aparticle come una band, il nuovo album vede la scrittura non più esclusivamente affidata a Bonifati e Stermieri, ma raccoglie composizioni di tutti i suoi membri e rappresenta così l’incontro di quattro storie umane e musicali in profonda relazione.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Pentagramma

Pentagramma

30/05/2020

Pentagramma

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta I giorni da Falcone a Borsellino

I giorni da Falcone a Borsellino

23/05/2020

I giorni da Falcone a Borsellino

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Il cielo su torino

Il cielo su torino

16/05/2020

Il cielo su Torino

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Per l'anniversario del ritrovamento del corpo di Aldo Moro

Per l'anniversario del ritrovamento del corpo di Aldo Moro

09/05/2020

In occasione dell'anniversario del ritrovamento del corpo senza vita di Aldo Moro Piazza Verdi dedica alla figura dello statista italiano l'intera puntata.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per