Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Qui comincia

INGE MORATH. LA VITA LA FOTOGRAFIA

Ascolta l'audio
La prima retrospettiva italiana di Inge Morath (1923-2002), Viaggiatrice instancabile, poliglotta, donna dai poliedrici interessi e di profonda cultura, la prima fotoreporter donna entrata a far parte della famosa agenzia fotografica Magnum Photos.

Mostra del giorno: INGE MORATH. LA VITA LA FOTOGRAFIA,  a cura di Marco Minuz, Brigitte Bluml-Kaindl, Kurt kaindi,  SILVANA EDITORIALE- Museo di Roma in Trastevere, Fino al 19/01- La prima retrospettiva italiana di inge Morath (1923/2002) Prima fotorepoorter donna entrata a far parte della Magnum Photos. INFO: http://www.museodiromaintrastevere.it/it/mostra-evento/inge-morath
In conduzione: Attilio Scarpellini
Regia e consulenza musicale: Federico Vizzaccaro
Consulenza letteraria: Claudia Marsili
La prima retrospettiva italiana di Inge Morath (1923-2002), Viaggiatrice instancabile, poliglotta, donna dai poliedrici interessi e di profonda cultura, la prima fotoreporter donna entrata a far parte della famosa agenzia fotografica Magnum Photos. Viaggiatrice instancabile, poliglotta, donna dai poliedrici interessi e di profonda cultura, Morath nasce a Graz, in Austria, nel 1923. Non teme barriere culturali, linguistiche o geografiche: la sua conoscenza di diverse lingue straniere le permetteva di analizzare in profondità ogni situazione e di entrare in contatto diretto con la gente.
rapporti lavorativi con personalità quali Ernst HaasRobert Capa e Henri Cartier-Bresson, contribuiscono a chiarire l’evoluzione professionale della Morath e il personale stile fotografico nutrito degli ideali umanistici successivi alla Seconda Guerra Mondiale, ma anche della fotografia quale "momento decisivo" come la definì Cartier-Bresson. Attraverso le sue fotografie si ripercorrono le tappe dei suoi principali reportage geo-etnografici, includendo anche la nota serie di curiosi ritratti con le maschere del disegnatore Saul Steinberg.  La mostra si sviluppa in 12 sezioni che ripercorrono tutte le principali esperienze professionali e umane della Morath, attraverso circa 140 fotografie e decine di documenti originali. Compaiono anche immagini, realizzate da grandi maestri come Henri Cartier-Bresson e Yul Brinner, che ritraggono Inge Morath in diversi momenti della sua carriera.
A Roma, Inge ritorna invece nel 1960 per un lavoro su commissione: fotografare la bellissima attrice e modella Rosanna Schiaffino, che immortala all’interno della sua abitazione romana.
Nei pochi anni che intercorrono tra i due momenti romani, Inge Morath si è ormai affermata. Il suo sviluppo è stato graduale. Dopo l’esordio come traduttrice e scrittrice in Austria, aveva iniziato a scattare nel 1952. L’anno successivo, grazie a Robert Capa, comincia a lavorare per Magnum Photos a Parigi.

Il suo primo importante reportage, datato 1953, è dedicato ai “Preti operai”. È di questi anni l’incontro con Henry Cartier-Bresson, con cui inizia un sodalizio decennale che ne segna l’esistenza. Proprio nel 1960, l’anno del ritratto di Rosanna Schiaffino, Inge accompagna infatti Cartier-Bresson a Reno, per lavorare sul set de Gli Spostati, pellicola con Marilyn Monroe e Clarke Gable diretta da John Huston. Qui scatta uno dei suoi più bei ritratti: una Marilyn quasi scomposta che sola, lontana dal set, prova dei passi di danza.
Durante le riprese Inge conosce lo scrittore e drammaturgo Arthur Miller, sceneggiatore della pellicola, che diventa suo marito nel 1962.
Che si trattasse di celebrità o di gente comune, di singole persone o di comunità, le sue sono immagini che sanno cogliere le intimità più profonde dei soggetti.
Riesce a fissare l’anima di grandi artisti – da Henri Moore, a Alberto GiacomettiJean Arp, Pablo Picasso – e di scrittori come André MalrauxDoris LessingPhilip Roth e celebrità come Igor StravinskijYul BrynnerAudrey HepburnMarilyn MonroePierre CardinFidel Castro. Immortala l’anima dei luoghi.

Imperdibili le sue foto della casa di Boris Pasternak, della biblioteca di Puskin, della casa di Cechov, degli studi di artisti permeate dallo spirito delle persone che vi avevano vissuto.
Inge Morath è stata, soprattutto, una viaggiatrice. Nel corso della sua carriera ha realizzato reportage fotografici in Spagna, Medio Oriente, Stati Uniti, Russia e Cina, tutti preparati con cura maniacale. La sua conoscenza di diverse lingue straniere le ha permesso di analizzare in profondità ogni situazione e di entrare in contatto diretto e profondo con la gente. Preparazione, conoscenza, empatia. Così può giungere al momento magico, quello della «chiusura dell’otturatore. Un momento di gioia, paragonabile alla felicità del bambino che in equilibrio in punta di piediimprovvisamente e con un piccolo grido di gioia, tende una mano verso un oggetto desiderato

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Sostakovic compositore d'avanguardia di Fernando Vincenzi

Sostakovic compositore d'avanguardia di Fernando Vincenzi

16/02/2020

Šostakovič compositore d'avanguardia è un saggio musicologico – ricchissimo di esempi e riferimenti inediti – ma anche una profonda riflessione sull'arte. Quel che emerge dalla poetica e dall'etica di Šostakovič è un mondo enigmatico ma infinitamente affascinante, estraneo alla norma dell'omologazione, che abbraccia l'insondato.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Boom!!! Dal fumetto americano al Neopop

Boom!!! Dal fumetto americano al Neopop

15/02/2020

L'esposizione ripercorre l'evoluzione e la storia del comic americano (presentando anche esempi di fumetti europei e giapponesi), in un percorso fatto di storie, di personaggi che nati ad inizio Novecento come strisce sui giornali, continuano ancora oggi a coinvolgere le nuove generazioni attraverso la realtà aumentata

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Esengo. Pratiche musicali liturgiche di Alessandro Cosentino

Esengo. Pratiche musicali liturgiche di Alessandro Cosentino

14/02/2020

Il volume è il risultato di una ricerca etnomusicologia condotta nella comunità congolese dal 2013, primo di una serie di monografie dedicate ad altri luoghi di culto frequentati da immigrati nella città di Roma. Esengo, realizzato in forma dialogica, si apre con un'introduzione storica del cristianesimo in Congo per poi focalizzarsi sulla storia della preziosa realtà congolese della chiesa della Natività

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta La mente delle piante di Umberto Castiello

La mente delle piante di Umberto Castiello

13/02/2020

Le piante ricordano, si muovono, decidono, si orientano e interagiscono tra loro; non solo: possono essere opportuniste, generose, truffaldine. Uno sguardo insolito e affascinante nella vita segreta del mondo vegetale, molto più complesso, attivo, sensibile e a noi vicino di quanto crediamo.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview

Nessun risultato per