Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Non è un Paese per Giovani

I miei viaggi in treno

I miei viaggi in treno
Ascolta l'audio
Ernesto dorme. Stavolta però sono certo che dormirà poco, perché gli ho messo addosso una pressione che lo agita molto. La carrozza è piena e ho accanto a me una signora che non ho ancora guardato, eppure sono passate già due ore.
Ernesto dorme. Stavolta però sono certo che dormirà poco, perché gli ho messo addosso una pressione che lo agita molto. La carrozza è piena e ho accanto a me una signora che non ho ancora guardato, eppure sono passate già due ore. La guardo in diretta per voi... avrà 66/67 anni, capelli naturalmente tinti, di quel rosso scuro che sembra sangue raggrumato, un paio d'orecchini che ciondolano insieme alle orecchie, completo marrone da donna sicura di sé… però, però, però, attenzione, ha un paio di calze davvero particolari. La suoneria del telefono da medico, di quelle discrete ma efficaci. Un paio di stivali di velluto bordeaux con tacco basso. Ma le calze sono un indizio. Le avrà pur scelte, o forse gliel'ha regalate qualcuno. Ha la fede, anzi due. Una color oro giallo e una oro bianco. Che abbia avuto due mariti, uno è morto e l'altro è vivo? Ci sta, perché ha quel piglio da vedova che si riconosce. Ernesto dorme. Accanto ad Ernesto, invece, un ragazzotto sui 37 molto bello e vestito alla avvocato milanese. Lo è credo. Perché ho inteso che parlava di studio, di cause, di andare in tribunale, ha già detto due volte "in buona sostanza" e "obtorto collo", se non è un avvocato cos'è? Un pazzo, un maniaco. Uno che parla così senza essere laureato in legge va arrestato. La signora con le calze strane è andata in bagno, Ernesto s'è svegliato. Ciao Erne', come va? Ao' manco posso chiude l'occhi ormai. Stavo a se ti' la musica. See vabbè. La musica dei sogni. In fondo al vagone c'è una donna con gli occhiali super colorati. Sono vistosissimi. Occhiali vistosissimi è una battuta alla Cervelli. La rinnego subito. Ernesto va al bagno. Solo ora vedo che il pavimento del treno è puntinato di bianco. Odio accorgermi in ritardo di certi dettagli. Mi fa male il polpaccio e la schiena, non saprei a chi dare la priorità. E' un periodo molto brutto questo, però, proprio perché brutto, ha il suo fascino. E' un tipo, diciamo così. Ernesto legge il menù. Ahia, anche se sono le sette ora partono i maccheroncini al pomodoro stai a vedere, eh? I viaggi in treno quando sono così abituali diventano introspettivi e intimi. Non so mai se mettermi per il verso di marcia o di spalle alla corsa. Occhialetti sprint s'è alzata. Ha un bel fisico, da palestra, da 200 squat a sera. Si sgranchisce ed è comunque garbata. Sono solo quegli occhialetti che la fregano. Come le calze strane dell'altra. Le tradiscono, non sono loro. Non gli stanno bene addosso. E' un fatto primario. Io guardo molto, è vero, ma anche loro, santo Dio, perché stuzzicarti con quegli occhiali?! Lo fai apposta, perché vuoi che io dubiti di te? Forse mi vuoi tenere alla larga. Ecco se questo è il tuo intento, con quegli occhialetti da Arlecchino, ci sei riuscita. Ma forse a te piacciono proprio, e lì si va sul gusto personale e io mi fermo. Non inseguo più. Anzi, agevolo la mia dipartita da codesto consesso. Il gusto personale è sacro. Non si discute. Anche se io penso che l'estetica sia piuttosto oggettiva. Siamo arrivati. Ci alziamo tutti. Solo il ragazzotto avvocato non si alza. Stai a vedere che mi sono sbagliato? Non è di Milano ma di Torino. Infatti saluta garbatamente ma resta seduto e prosegue. Che errore ho fatto! Ma certo è torinese, di quelli che lavorano tutta una vita per comprarsi la casa in collina. Ora vado in albergo, sono stanco. Chissà perché poi.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

02/06/2020

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

01/06/2020

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

29/05/2020

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

26/05/2020

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per