Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Prima Pagina del 30 novembre 2019

Prima Pagina del 30 novembre 2019
Ascolta l'audio
con Agnese Pini

Mihajlovic, il trapianto, la moglie e Vasco Rossi. L'alfabeto di Sinisa

Bologna, 30 novembre 2019 - Un’ora e mezza a ruota libera, sotto la visiera di un cappello rosso che solo a volte permetteva di nascondere le lacrime. Ecco l’alfabeto di Sinisa Mihajlovic, del suo primo discorso pubblico dopo il trapianto, ieri nella sala stampa del Dall’Ara, affiancato dai medici che l’hanno curato in questi mesi. Dove parlava di schemi ed errori arbitrali, ieri Sinisa si è aperto a tutti.
 

A come Arianna . La moglie: «E’ stata sempre con me, ogni giorno in ospedale, è l’unica persona che conosco ad avere più palle di me».

B come Bambini . «Alcuni piccoli malati mi hanno mandato i loro disegni, qualcuno anche un videomessaggio a cui ho risposto. Mi hanno dato forza».

C come Cure . «Non puoi battere la malattia solo con il coraggio, servono le medicine. Devo prendere 19 pillole al giorno. Alcune sono così grosse che sembrano supposte».

D come Dieta . «Ho perso 13 chili la prima volta che ho fatto la chemioterapia, 9 la seconda».

E come Eroe . «Non sono un eroe, sono un uomo, con le sue fragilità. Ma non mollo».

F come Felice , come Fenucci. L’ad ieri era al suo fianco: «Sono strafelice di riaverlo qui. Mihajlovic ha rafforzato il sentimento di fraterna amicizia che ci lega a lui».

G come Giuste , le persone che l’hanno curato: «Ho capito subito che ero finito nelle mani giuste».

H come Hellas . «Quando sono andato in campo a Verona ero in uno stato umano non presentabile. Sembravo un morto che camminava, ero 72 chili. Mi girava la testa, ma l’ho dovuto fare per dimostrare che amavo il mio lavoro e per la gente che mi ha voluto bene».

J come Joey . «Da Saputo ai magazzinieri, tutta la società mi è stata vicina. Non hanno mai avuto dubbi e mi hanno fornito tutto quello che serviva per allenare dall’ospedale».

K come Ko . «Come ho detto il primo giorno: ho rispettato la malattia, ma l’ho affrontata come faccio sempre, a testa alta».

I come Influenza . «Nei giorni del trapianto non potevo parlare alla squadra, ho avuto tra i 39 e i 40 di febbre per due settimane. Sapevo che ne avrebbero risentito».

L come Luglio . Era il 13 quando Sinisa parlò l’ultima volta: «Sono stati 4 mesi tosti, ma ho conosciuto medici straordinari e persone meravigliose».

M come Mamma . «A Natale verrà mia madre dalla Serbia, non vedo l’ora di mangiare i suoi piatti».

N come Nuovi . «Ho un’età in cui non posso farmi nuovi amici, ma la malattia mi ha fatto ritrovare quelli che avevo perso, anche se non era colpa mia».

O come Obiettivo . «Quando ero dentro pensavo un giorno per volta, poi ti guardi indietro e scopri che sono diventati venti e ti fai forza».

P come Panchina d’oro. Molti colleghi della serie A vorrebbero assegnarla a lui: «Se è per il mezzo miracolo che abbiamo fatto l’anno scorso, mi fa piacere. Se è per la malattia, non mi interessa».

Q come Quadrato . «Non ho mai avuto molta pazienza, adesso cercherò di averne di più».

R come Riposo . «Dopo i due giorni di allenamento di questa settimana ero stanco, ma sarò presente ogni volta che potrò».

S come Sapori . «Non li sento più, se mangio una bistecca o un pezzo di cartone è uguale».

T come Tanjga . E’ il nome dell’assistente, sosia di Liam Neeson, che lo ha sostituito in panchina: «Miroslav per me è come un fratello, capisce di calcio e sa dire in faccia le cose. Non è uno yes-man. Anche a lui ho detto che mi aspettavo di più, come da tutto lo staff. Ma sono troppo bravi ragazzi, altrimenti avrebbero fatto loro il primo allenatore».

U come Uniti . «Voglio ringraziare tutti, anche quelli che hanno pregato per me. Prima dividevo la gente, ora ho unito anche i tifosi avversari».

Vasco . «Come direbbe lui, eh già: sono ancora qua».

Z come Zero . Gli alibi che saranno concessi alla squadra d’ora in poi: «Da adesso tutti dovranno dare il 200 per cento. Chi non lo fa, non gioca».

Doriano Rabotti - Il Resto del Carlino

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Prima pagina dell'8 agosto 2020

Prima pagina dell'8 agosto 2020

08/08/2020

con Luca Mastrantonio

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 7 Agosto 2020

Prima Pagina del 7 Agosto 2020

07/08/2020

Con Luca Mastrantonio

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 6 agosto 2020

Prima Pagina del 6 agosto 2020

06/08/2020

Con Luca Mastrantonio

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 5 Agosto 2020

Prima Pagina del 5 Agosto 2020

05/08/2020

I giornali del mattino letti e commentati da Luca Mastrantonio del "Corriere della Sera".

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per