Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Prima Pagina del 9 dicembre 2019

Prima Pagina del 9 dicembre 2019
Ascolta l'audio
con Daniela Preziosi

ll rischio di scordare la Shoah

La morte di Pietro Terracina, uno degli ultimo sopravvissuti di Auschwitz, come me, è start la prima notizia che mi è stata comunicata ieri mattina appena sveglia. Ed è stato come se si sgretolasse un altro pezzo della nostra storia. 
Perdonerete se sono così pessimista, mi spiace soprattutto per i giovani che mi scrivono lettere meravigliose e per tutte le persone dolcissime che mi applaudono o mi fermano per strada, ma io credo che si coltivi troppo poco la memoria e che, con la nostra scomparsa, tutto finirà. Senza Piero, io oggi mi sento più sola.

Vedete, io penso che quando saremo morti tutti, intendo sia noi vittime che i nostro carnefici, tutto ciò che è stato rischia di andare perduto. Parlo anche dei carnefici perché so che qualcuno di loro è ancora vivo e ha scritto memorie oscene – uno di questo libri si intitola “Bei tempi” e potete ben immaginare a che razza di tempi si riferisse – ma paradossali visto che alla fine confermano ciò che i negazionisti, appunto, negano. 
Ciò nonostante, quando noi ci saremo più, nel giro di pochi anni i fatti di quella tragedia del Novecento che fu la Shoah appariranno sempre più lontani, si ridurranno prima a un capitolo sui libri di storia, poi a una riga, infine neppure quello. [...]

Lo so, da me forse ci si aspetterebbe una parola di conforto, ma io, con quello che accade in questi anni dopo tutto il tempo che è passato, non riesco ad essere ottimista. SI dice che chi non conosce la propria storia è condannato a ripeterla. Io preferisco usare le parole di Primo Levi: “comprendere è impossibile, ma conoscere è necessario”. E la conoscenza è l’unica luce che ci può dare speranza in questo mondo di ignoranza sempre più diffusa. 

Liliana Segre - La Stampa

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Prima Pagina del 19 settembre 2020

Prima Pagina del 19 settembre 2020

19/09/2020

con Flavia Perina

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 18 Settembre 2020

Prima Pagina del 18 Settembre 2020

18/09/2020

Con Flavia Perina

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 17 Settembre 2020

Prima Pagina del 17 Settembre 2020

17/09/2020

Con Flavia Perina

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 16 Settembre 2020

Prima Pagina del 16 Settembre 2020

16/09/2020

Con Flavia Perina

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per