Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Prima Pagina del 31 ottobre 2019

Prima Pagina del 31 ottobre 2019
Ascolta l'audio
con Manuela Perrone

Il memoriale della Scozia per la strage delle streghe

Per ignoranza e interessi morirono 2.500 donne. «Colpite perché vulnerabili».Un monumento nazionale a distanza di quasi 300 anni dall’ultima esecuzione

 

 

Vennero imprigionate, torturate e uccise a migliaia. La loro colpa presunta: essere in rapporto col demonio, praticare la magia nera. In altre parole, la stregoneria. La realtà dei fatti: essere donne in un universo sottomesso al potere maschile.

La caccia alle streghe che imperversò in Europa tra il Quindicesimo e il Diciottesimo secolo può essere giustamente definita il primo femminicidio di massa. E il pozzo nero di quella strage orrenda fu la Scozia: dove le esecuzioni furono in proporzione cinque volte più numerose che nel resto d’Europa. Ora, quasi 400 anni dopo l’ultimo martirio, avvenuto nel 1727, a Edimburgo stanno pensando di espiare – in parte – quanto commesso dai loro avi e onorare la memoria delle vittime: erigendo un monumento nazionale alle cosiddette “streghe”. Furono almeno 2500 le persone messe a morte in Scozia per stregoneria: i maschi non erano immuni dalla persecuzione, ma l’85 per cento delle vittime furono donne. E molte altre migliaia vennero processate e torturate. “Per un Paese di così piccole dimensioni è impressionante”, ha commentato al Guardian Julian Goodare, professore all’università di Edimburgo e autore, assieme a Louise Yeomans, di un database sulla caccia alle streghe. L’accanimento degli scozzesi si spiega con diversi fattori, in particolare il rigorismo morale assunto dalla riforma protestante in quella regione, che si coniugava a una atavica misoginia. Ma a dare il sigillo supremo dell'autorità alle persecuzioni ci aveva pensato lo stesso sovrano di Scozia, Giacomo IV  - che poi salì al trono d'Inghilterra - il quale era notoriamente ossessionato dalla stregoneria tanto da pubblicare in prima persona un trattato sulla demonologia. "Giacomo IV fornì la legittimazione iniziale - ha commentato lo storico - ma credo che il tutto sarebbe avvenuto comunque a causa della intensità della Riforma scozzese".  

(…)

 

Luigi Ippolito – il Corriere della Sera

 

 

 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Prima Pagina del 23 gennaio 2021

Prima Pagina del 23 gennaio 2021

23/01/2021

con Paolo Valentino

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 22 gennaio 2021

Prima Pagina del 22 gennaio 2021

22/01/2021

Con Paolo Valentino

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 21 gennaio 2021

Prima Pagina del 21 gennaio 2021

21/01/2021

Con Paolo Valentino

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 20 gennaio 2021

Prima Pagina del 20 gennaio 2021

20/01/2021

con Paolo Valentino

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per