Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Gettoni di Letteratura

Vita da archeologa

Vita da archeologa
Ascolta l'audio
"L'edificio della spedizione, costruito in mattoni, si stende sul lato orientale di una collinetta e comprende una cucina, un soggiorno che diventa sala da pranzo, un piccolo ufficio, un laboratorio, un magazzino, una camera oscura. Noi dormiamo in tende. Sulla porta dell'edificio c'è un cartoncino su cui è stampato in caratteri cuneiformi 'Beit Agatha' ovvero la casa di Agatha".
Questa casa di Ninive una delle più famose città della Mesopotamia, ora Iraq, è sua come lo sono quella lussuosa a Londra e quella storica a Torquay. Ma cosa ci fa Agatha Christie a Ninive? «Dovevo scoprire che tipo di persona ero e se davvero avrei finito per dipendere dagli altri come a volte ritenevo», una dipendenza psicologica non economica visto che ormai i suoi libri l’hanno resa ricca e famosa. Prende un treno per Istanbul, poi verso la Siria per arrivare agli scavi di Ur (l’attuale Iraq). Lì conosce Leonard Wooley, un archeologo britannico che secondo lei: «Vedeva con gli occhi dell’immaginazione e il luogo diventava realmente per lui quello che era stato migliaia di anni prima». E intraprende questo avventuroso viaggio sull’Orient express che la porta dall’Europa all’Asia. Vede la città di Ur splendida affascinante, le ziggurat immerse nell’oceano di sabbia. E qui conosce Max Mallowan, un giovane archeologo che lavora per Wooley, e nonostante la differenza di età (lei ha 14 anni più di lui) si innamorano e decidono di sposarsi.
Max Mallowan, archeologo, quando conosce Agatha Christie, già divorziata, per convincerla a ricambiarla, pare che abbia detto: «Un archeologo è un marito ideale. Più invecchi, più si interessa a te». E conferma che aveva sempre desiderato sposare una donna più vecchia di lui. Convolano a nozze l’11 settembre del 1930 a Edimburgo, e nel romanzo Delitto in cielo della Christie, un personaggio racconta a un amico che una signora vive sola a Londra perché il marito, archeologo, sta in Medio Oriente: «Povera cara, chissà quanto deve soffrire. Lui mi sembra un barbaro» commenta un personaggio. E il protagonista ribatte: «Mi sembra che tu non abbia idea della forza di carattere delle donne di oggi» così scherza Agatha sul suo nuovo ménage in uno dei suoi romanzi. Infatti Agatha, che accompagnava spesso il marito nelle sue spedizioni archeologiche, utilizzò spesso quei viaggi come sfondo a molti dei suoi romanzi ambientati in Medio Oriente. 

E sceglie infatti di seguire Max nella missione degli scavi di Ninive, e per provare che non sarà di peso alla missione archeologia viene sottoposta a un test: viene portata sotto la pioggia a camminare su terreni scoscesi per capire se avrebbe scelto le scarpe giuste, se si sarebbe stancata subito se avrebbe tollerato cibi esotici e strani. Agatha passa l’esame, mangia tutto ed è brava a scarpinare. A quel punto può affrontare il viaggio: in treno e nave da Londra a Rodi, ancora nave sino ad Alessandretta, in Turchia. Poi in auto fino ad Aleppo, e otto ore in macchina per raggiungere Mosul. Coraggiosa e determinata Agatha Christie affronta questo viaggio infinito e complesso: «Il convoglio era privo di gabinetti». Poi sull’Orient Express fino a Baghdad. Arriva in ritardo di alcuni giorni ma Max la attende senza alcuna preoccupazione. Agatha, a signora bene vittoriana diventa una risoluta anticonformista. E con il marito e l’equipe di archeologi impara a pulire e fotografare i reperti, li cataloga, li imballa. E finiranno quasi tutti al British Museum.
Scrive: «A poco a poco emerse una testa che il fango aveva conservato per duemilacinquecento anni, la più grande mai trovata, con i capelli neri e le labbra colorate, con lo stesso sorriso enigmatico delle fanciulle dell’Acropoli».
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Il primo Poirot

Il primo Poirot

07/10/2019

"Era un ometto dall'aspetto straordinario, alto meno di un metro e sessantacinque, con un portamento eretto e dignitoso. La testa era a forma di uovo, costantemente inclinata da un lato. Le labbra erano ornate da un paio di baffi grigi, alla militare. Il suo abbigliamento era inappuntabile. Penso che un granello di polvere gli avrebbe dato più fastidio di una ferita, eppure questo elegantone, che zoppicava leggermente, era stato ai suoi tempi uno dei funzionari migliori della polizia belga. Come investigatore, aveva un fiuto straordinario. Poteva vantare al suo attivo numerosi trionfi, era riuscito a risolvere casi davvero complicati".

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Agatha fa surf

Agatha fa surf

08/10/2019

C'è una foto che rivela che la scrittrice di gialli Agatha Christie fu una delle prime persone, in Gran Bretagna, a provare a surfare stando in piedi

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Sparita nel nulla

Sparita nel nulla

09/10/2019

È il 3 dicembre del 1926 quando Agatha litiga per l'ennesima volta con suo marito Archie. Era stato un matrimonio felice, ma lui col tempo si è innamorato della sua segretaria, quindi vuole lasciare la moglie e chiedere il divorzio.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Vita da archeologa

Vita da archeologa

10/10/2019

"L'edificio della spedizione, costruito in mattoni, si stende sul lato orientale di una collinetta e comprende una cucina, un soggiorno che diventa sala da pranzo, un piccolo ufficio, un laboratorio, un magazzino, una camera oscura. Noi dormiamo in tende. Sulla porta dell'edificio c'è un cartoncino su cui è stampato in caratteri cuneiformi 'Beit Agatha' ovvero la casa di Agatha".

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per