Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

Prima Pagina del 28 agosto 2019

Prima Pagina del 28 agosto 2019
Ascolta l'audio
con Francesco Specchia

Da Scelba a Salvini, da Siniscalco a Tria: Viminale ed Economia, i ministeri-trappola

Tutti vogliono i due ministeri. L’Interno porta con sè una maledizione che colpisce il titolare: l’ultimo è il leader della Lega. L’accorpamento di Tesoro, Bilancio e Finanze ha creato una sorta di ambasciata Ue in Italia che spesso è fonte di contrasti con il premier

Sembra incredibile che l’accordo faticosamente raggiunto da Di Maio e Zingaretti lunedì, abbia rischiato di saltare già nella notte sulla lista dei ministri. In particolare, su due caselle, l’Interno e l’Economia, da cui, sulla base dell’esperienza, qualsiasi politico ragionevole dovrebbe tenersi lontano, tali e tante sono le insidie connesse a questi incarichi. Il Viminale, in particolare, si porta indietro la maledizione di colpire il responsabile alle spalle e a volte anche tempo dopo che ha lasciato l’incarico. Un destino al quale, a ben vedere, neppure Salvini è riuscito a scampare. Dure a morire, non a caso è la leggenda dei traslochi degli ex-ministri, accompagnati da quintali di carte da portare via, a futura memoria e come protezione da scandali a scoppio ritardato. A dispetto, infatti, della sua intestazione l’Interno ha sempre avuto una consistente propaggine esterna e una sorta di doppio comando, per cui la parte più alta della struttura doveva barcamenarsi tra le esigenze politiche del responsabile “pro-tempore” italiano e la fedeltà di sempre all’alleato straniero: gli americani che negli anni della guerra fredda, ma anche dopo, consideravano l’Italia una sorta di protettorato, il Vaticano che non ha mai rinunciato alla sua “informale” tutela, i vari pezzi del mondo arabo tra i quali solo il mitico colonnello Giovannone sapeva districarsi.

(…)
Marcello Sorgi – La Stampa

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Prima Pagina del 4 luglio 2020

Prima Pagina del 4 luglio 2020

04/07/2020

con Norma Rangeri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 3 luglio 2020

Prima Pagina del 3 luglio 2020

03/07/2020

Con Norma Rangeri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 2 luglio 2020

Prima Pagina del 2 luglio 2020

02/07/2020

con Norma Rangeri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 1 luglio 2020

Prima Pagina del 1 luglio 2020

01/07/2020

Con Norma Rangeri

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per