Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Radio3 Mondo

Il Kashmir cambierà?

Il Kashmir cambierà?
Ascolta l'audio
Il Kashmir sotto attacco e il destino delle "devadasi", poco più che bambine che diventano una sorta di "prostitute sacre".

Il ministro dell’Interno dell’India, Amit Shah, ha annunciato in Parlamento l’intenzione del governo di togliere lo “status speciale” al Kashmir, stato indiano a maggioranza musulmana rivendicato dal Pakistan e oggetto di un’antica disputa territoriale. Lo “status speciale” è previsto dall’articolo 370 della Costituzione e tra le altre cose attribuisce al Kashmir un altissimo grado di autonomia. L’annuncio è arrivato dopo una serie di mosse controverse compiute dal governo indiano, tra cui l’arresto di importanti politici locali e l’interruzione delle comunicazioni tra il Kashmir e il resto dell’India. Il BJP (Bharatiya Janata), partito di governo di orientamento indù nazionalista e conservatore, aveva già espresso diverse volte la sua intenzione di eliminare lo “status speciale” del Kashmir. Finora però non se n’era fatto niente, anche per evitare di creare instabilità e tensioni con il Pakistan, che nel corso degli ultimi decenni ha combattuto con l’India due guerre e diversi conflitti limitati con l’obiettivo di ottenere il controllo dello stato. Un altro rischio, sottolineato da diversi analisti, è quello dell’aumento delle tensioni all’interno dello stato, con possibili scontri e violenze contro le forze di sicurezza indiane presenti in Kashmir. 

Martedì 6 agosto Laura Silvia Battaglia ne parlerà alle 11 con Rita Cenni, corrispondente ANSA dall'India e con Camillo Pasquarelli, fotografo e antropologo. 

Avremo poi in collegamento Maddalena Spada, responsabile programma Asia della ONG "We World" attiva nello Stato indiano di Goa per cercare di contenere e aiutare le famiglie delle "devadasi": una parola composta che in sanscrito significa letteralmente "schiava di Dio". Le fanciulle sono dedicate al piacere e al divertimento del dio del quale sono le “cortigiane”, non si sposano perché già sposate alla divinità (Nitya-Sumangali, “sposate per sempre”), non diventeranno mai vedove e questo è considerato di buon augurio. In questa pratica religiosa, giovani fanciulle in età prepuberale venivano consacrate a un Dio o a una divinità locale di un tempio indù, con un rito di iniziazione durante il plenilunio, perfezionato, quando le ragazze entravano nell'età puberale, con una seconda cerimonia in cui avveniva la loro iniziazione sessuale a opera di un importante personaggio, sacerdote, re o patrono del tempio. Oltre ai servizi per la divinità del tempio e per l'assistenza ai sacerdoti, svolgevano un complesso di atti rituali e di intrattenimento della comunità e della corte del re, patrono del tempio, accompagnavano i riti religiosi con danze, musica e canti. All’aspetto religioso era legato quello sessuale: le devadasi (chiamate anche “prostitute sacre”) erano parte della prostituzione religiosa praticata in India fin dal 3° sec. d.C. I loro rapporti erano con la casta sacerdotale dei Brahamani e con il re (râja), ma, in seguito, anche con i signori, patroni e mecenati del tempio dove esse vivevano.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Il Re delle Talk Radio negli USA

Il Re delle Talk Radio negli USA

19/02/2021

Rush Limbaugh, il giornalista conservatore che ha rivoluzionato la "talk radio" e l'intero sistema politico-mediatico USA dagli anni '80 a oggi. Le #Interferenze di Andrea Borgnino e i problemi tra Facebook e il governo australiano.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Afghanistan: ritiro si, ritiro no

Afghanistan: ritiro si, ritiro no

18/02/2021

Il vertice Nato sull'Afghanistan, il ritiro delle truppe e negoziati con i Talebani e come vivono gli afghani di questi tempi. La battaglia del tesoro di Alessandro Magno.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Il Kosovo vota contro "le élite di guerra"

Il Kosovo vota contro "le élite di guerra"

17/02/2021

Il voto in Kosovo, la relazioni con la Serbia e di conseguenza con la UE. E poi la Russia come futuro granaio del mondo.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Le crisi della guerra nel Tigray in Etiopia

Le crisi della guerra nel Tigray in Etiopia

16/02/2021

La guerra in Etiopia continua e le crisi del Tigray si sovrappongono, creando una situazione disastrosa i suoi abitanti e per i profughi eritrei ospiti nei campi.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per