Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Non è un Paese per Giovani

Tema di Faustino Giannini

Ascolta l'audio
Tema di Faustino Giannini prima media della scuola di Spazzavento, Pistoia. Titolo: cos'è la famiglia? Svolgimento: la famiglia è quella combriccola che si riunisce sempre nelle feste comandate.
Tema di Faustino Giannini prima media della scuola di Spazzavento, Pistoia.
Titolo: cos'è la famiglia? Svolgimento: la famiglia è quella combriccola che si riunisce sempre nelle feste comandate. Dico così perché lo disse il mi nonno quando ci vide tutti riuniti intorno al pranzo di Natale: e' vussehe una bella combriccola, sì?! La famiglia serve parecchio per avere dei soldi. I miei genitori mi danno una paghetta niente male, 30 euro a settimana. Quando ci riuniamo siamo davvero diversi, cioè si vede la diversità, non perché io ce l'abbia con nessuno però, in verità, il mio zio buco mette sempre in imbarazzo. Buco in toscano vorrebbe dire gay, ma non e' buco in negativo, è buco in positivo. Io credo che lui lo fa apposta a creare scompiglio, si diverte. A volte viene col ventaglio e a volte con gli occhi truccati. La mi mamma è tradizionale e non si trucca mai, perché il babbo dice che è più bella acqua e sapone. E allora c'è parecchio silenzio quando parla lo zio buco. Lui si chiama Gerardo ma tutti lo chiamano pardo. Quando non fa il grullo parla normalissimo, dice le cose come stanno e ha quasi sempre ragione lui, ma quando gli pigliano i cinque minuti inizia a parlare tutto con amore, tesoro,  adoro, e pare una donna. Comunque lui ha un fidanzato, Luca, un signore che si fa le canne davanti a tutti. Mi volevano portare con loro alla festa dei gay a Roma, ma il babbo ha detto: no Dio bono, no, il bambino lasciatelo fare, per favore. Io però ci sarei andato volentieri a Roma. Anche tra loro ridono e si chiamano buchi, è un nostro modo di dire. La maestra mi ha punito invece e mi ha detto che si dice gay, oppure omosessuale. Però buco mi pare più corto e più bello, no? Io ho 11 anni e se volete che dico gay lo dico pure, però non conta quello che dico, conta quello che penso e io penso buco e gli voglio più bene di quelli che dicono gay. Il mi babbo ad esempio fa tutto il moderno e poi lo vedo che non gli torna questa cosa, e anche la mi mamma che usa instagram e pubblica le sue creazioni, alla fine ride e scherza, ma se io fossi buco a loro dispiacerebbe. Mentre secondo me, lo zio e Luca si amano davvero e il loro rapporto dura da tanti anni e non sono mai in crisi mentre gli altri zii, quelli non buchi, si sono di già separati dopo tre anni di matrimonio in chiesa. Bella roba, sì!? Bravi! Bell'esempio. La famiglia però è bella per questo; con quelli che creano gli scandali. Tanto in tutte le famiglie ci sono i segreti, o le mele marce, come il mi nonno Piero che c'ha il vizio del gioco e sputtana ogni mese la pensione ai cavalli e alla Snai. Mio fratellino, invece, quando è emozionato, impaurito, va sotto il tavolo e la fa. La cacca sì, la fa sotto i tavoli. Ha 4 anni e ancora non la regge. Lo psicologo ha detto che il bambino soffre di qualche mancanza e la fa là sotto per attirare l'attenzione. E l'attira vai! Un ci si sta dal puzzo. Una sera la mi zia Franca è venuta a dormire da noi, perché aveva litigato con lo zio Ubaldo e parlava a voce alta e spiegava, diceva cose, si lamentava e Sandrino, il mi fratello, gliel'ha fatta sotto al letto. E' bastato per farla tornare a casa. Il mi babbo guadagna du soldi in croce e la mi mamma altri due. Con 4 soldi non si campa una famiglia a Spazzavento. Qui la vita costa cara, così dice la mamma. La nonna Ada invece è campata 101 anni e il sindaco è venuto a portargli i fiori. E' morta la sera stessa, sembrava che l'aspettasse. Infatti quel sindaco non l'hanno più rieletto, perché dicevano che porta male. Al funerale c'eravamo tutti, più che a Natale, pare per via dell'eredità. La nonna aveva due casette in campagna e un garage e un monolocale in città. E la spartizione non era del tutto certa. Quando c'era la bara in chiesa tutti piangevano e poi, quando l'hanno portata fuori tutti applaudivano. Ma che si applaude alla nonna?! E dai su vienvia! Lo zio buco ha preso più di tutti. Il monolocale e un appartamento. Non vi dico l'astio! Gli altri hanno subito detto che era per via che, essendo buco, dice che avrebbe avuto più problemi e invece è quello che guadagna più di tutti. 2.500 euro al mese a fare l'assistente dell'assessore. L'assessore è Luca, eh?! Quest'estate ci siamo visti a Fiumaretta, in Versilia. Noi si va e si torna loro restano anche a dormire e al mi babbo un gli va giù. Quando siamo in fila al rientro, che si becca sempre il traffico bestiale, lo sento dire fra i denti: almeno se ero buco anch'io... Lo pigliavo anch'io quello stipendio... e la mamma gli fa una carezza come a dire che se era buco, lei un ci sarebbe stata e nemmeno io e il mi fratello. La famiglia è una cosa speciale, ma così speciale che a volte sarebbe meglio sparpagliarsi, perché tutti uniti si combina solo casini. Al battesimo della mi cugina, tutti vestiti eleganti, si pareva una banda di rapinatori rimessi a lucido. Noi non si ha le facce da ricchi, noi si ha le facce da poveri e quindi i vestiti eleganti non ci stanno bene, aumentano la disperazione. Insomma, la mia famiglia per me è una combriccola di gente ganza a cui voglio un monte di bene, fuori che al mi nonno che è razzista e dice che l'eternit non fa nulla. Se invece di nonna fosse morto lui, io non avrei versato una lacrima in chiesa, magari avrei solo applaudito fuori.
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

23/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

21/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

22/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

20/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per