Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Classicaradio

Poesia della discrezione

Poesia della discrezione
Ascolta l'audio
P. Hindemith, Konzertmusik op. 48

Posta com’è all’interno della trama strumentale, con la sua tessitura centrale tra violini e violoncelli la viola pare mostri una certa naturale attitudine alla discrezione; ad un ascolto attento però la distinguiamo chiaramente per un colore tra i più caldi e morbidi dell’intera gamma orchestrale, capace all’occorrenza anche di suoni ruvidi e taglienti.

Compositore di riferimento per questo strumento è Paul Hindemith (1895 – 1963) che ha dedicato alla viola Sonate e sonatine, sia solistiche che accompagnate, e pezzi importanti come la Trauermusik (scritta nel ’36 per la morte di re Giorgio V), i Kammermusik n. 5 e 6 e il bellissimo Concerto Der Schwanendreher, che nel titolo riecheggia un antico canto popolare (in una improbabile traduzione, per noi più o meno “l’arrostisci-cigni”). Hindemith suonava da virtuoso sia la viola che l’arcaica viola d’amore (le cui supplementari corde di risonanza, pur se non sollecitate direttamente, vibrano per simpatia) e portò questi strumenti in tournée per il mondo come infaticabile solista.

Il musicista tedesco si ricorda per l’ampiezza e varietà della sua ispirazione: dalla cosiddetta Nuova oggettività - che nella Germania del primo dopoguerra si proponeva di superare le estreme propaggini tardoromantiche ma anche l’astrattismo espressionista - alla Gebrauchsmusik ossia la musica d'uso, scritta per organici vari e destinata spesso a non professionisti con finalità ludico-didattiche. Innegabili i riferimenti a Stravinskij e Prokof’ev, ideale familiarità con Bartòk, come lui solista virtuosissimo (ma al pianoforte). Passando per ogni genere musicale dalla cameristica alla sinfonica, dal teatro al balletto inclusi i repertori per cinema e gli Esercizi per trautonium (strumento elettronico inventato nel ’29) il segno distintivo della musica di questo compositore è il richiamo netto e costante ad una mentalità artigiana di bachiana memoria; Hindemith concentra infatti buona parte della sua attenzione sul contrappunto, sul complesso e raffinato gioco di relazioni tra suoni linee e strumenti nel proporre imitare e svolgere le idee musicali.

In questa prospettiva Hindemith sviluppa il linguaggio lucido e articolato dei suoi Konzertmusik: musica da concerto che il musicista compone con organici diversi: per orchestra di fiati (1926) per archi e ottoni e per pianoforte accompagnato dagli ottoni, entrambe del ‘27. Del 1929-’30 è la Konzertmusik op. 48, dedicata da Hindemith al collega Darius Milhaud e alla moglie Madeleine. La composizione è scritta per viola e grande orchestra da camera - quasi una grande contraddizione in termini che però sta a indicare una sorta di amplificazione della sonorità cameristica che non sfocia mai nel sinfonismo vero e proprio. La prima esecuzione di questa composizione si ebbe a Berlino nel marzo 1930: solista alla viola, il compositore; sul podio, Wilhelm Furtwängler.

A minima significativa postilla poniamo alcune parole scritte nel 2008 (per il centenario del terremoto a Messina) dal direttore Gaetano Delogu, scomparso il 12 giugno 2019: “Dunque, occhio al futuro in una ottimistica visione di una società giusta e moderna”.


Paul Hindemith
Konzertmusik per viola e grande orchestra da camera op. 48
 - Lebhaft bewegte halbe
 - Ruhig gehand bewegter
 - Lebhaft
 - Leicht bewegt
 - Sehr lebhaft


Orchestra Sinfonica di Torino della Rai
direttore, Gaetano Delogu
viola, Dino Asciolla

Registrato a Torino il 20 febbraio 1976

Gaetano Delogu

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Variazioni Goldberg

Variazioni Goldberg

26/12/2019

Johann Sebastian Bach, Variazioni Goldberg BWV 988

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Trauermusik

Trauermusik

26/12/2019

Hindemith, Trauermusik

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Notte, sacra e silenziosa

Notte, sacra e silenziosa

19/12/2019

Franz Gruber, Stille Nacht

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Il più famoso

Il più famoso

19/12/2019

J.Strauss figlio - An der schonen blauen Donau op.314

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per