Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Non è un Paese per Giovani

Io sento le voci

Ascolta l'audio
Io sento le voci. Sarà il caldo, sarà che mi suggestiono a vedere certe foto, sarà perché vorrei ancora parlare con persone della mia vita che non ci sono più, insomma non lo so, ma io sento delle voci. Ora, quando le sento queste voci? Naturalmente nei momenti sbagliati.
Io sento le voci. Sarà il caldo, sarà che mi suggestiono a vedere certe foto, sarà perché vorrei ancora parlare con persone della mia vita che non ci sono più, insomma non lo so, ma io sento delle voci. Ora, quando le sento queste voci? Naturalmente nei momenti sbagliati. L'altro giorno ho sentito Sergino, il mio amico meteorologo scomparso due anni e mazzo fa, che mi diceva: parti che è verde. Guarda che un diventa mica più verde di così eh, parti! E dietro mi suonavano. Io mi sono girato di scatto, al semaforo, ma al volante c'era una donna che mi ha mandato al diavolo. E poi queste voci raramente mi dicono cose importanti, quasi sempre cose pratiche, tipo una volta che ero sulla banchina di un porto in Sicilia e sentii distintamente la voce inconfondibile di  Herman Vaglietti, anche lui scomparso prematuramente, che mi diceva: Giovanni, devi fare il biglietto per l'aliscafo sennò lo perdi. E aveva ragione, lo stavo perdendo. E un'altra volta mia madre: calzini e mutande in valigia sempre doppio Gio, non si sa mai. Anche Umberto il mio amico morto di aids una volta, mentre ero al galoppo in un boschetto, mi disse: occhio a quel ramo!? E mi salvò da una frustata terribile. Mi aiutano, mi stanno vicino, sono tipo angeli custodi. Ma non uno, tutti. Forse è così, ci siamo sbagliati, gli angeli custodi sono parecchi e non uno solo. In effetti uno, da solo, come farebbe a parare tutte le mie cazzate!? Sento le voci anche della nonna Lea e di mio padre che dicono sempre la stessa cosa: guarda che alla fine di tutto sei sempre il solito bischero! Strano, perché in vita, non è che la pensassero uguale e poi la nonna era bolognese e bischero è toscano, insomma fo un po’ di casino, però ci sono volte che sussurrano. Ecco, è qui che volevo arrivare, sussurrano. E sono irriconoscibili: (lette sottovoce) Gio', attento a non fare sforzi inutili. Guarda che luna piena stasera, esprimi tre desideri. Ehi, vai piano che hai i bambini in macchina. Gnamo mezzo grullo, gnamo si gioca a Yahtzee. Corri sulla fascia speedy. Ciarpina beccati sto fico! Guarda nel borsone del tennis, l'avrai lasciato lì. Kazama, mi porti a casa? 
Sono voci che si mischiano e mi cullano mentre mi addormento, mentre guardo il mare, oppure mentre sono concentrato su un pensiero, un'idea. L'anno scorso, di notte, mentre c'era silenzio in casa, ho sentito per davvero la voce di Novello Novelli che ha detto: Utter utter ottentotter, Silvanaaaa, maremma gatta, che apri? Per rimanere svegli a guidare devi mangia' le patatine, per via del sale. Silvanaaaa apri!!!  Utter, utter... Maremma impestata son chiuso fori, che apri o no? 
Sono rimasto impietrito. Sembrava che fosse lì, in casa, è stata una delle voci più nitide che ho sentito. La sua voce roca, da Stop senza filtro. Voci, voci, voci che mi ricordano chi sono, che devo fare, da dove vengo, che sono pazzo, forse. Dice che sentire le voci e' schizofrenia. Ma io mi sento bene, sto in forma, gioco a tennis. Ecco anche lì a volte, mentre sto per battere, sento il nonno Nanni che dice: vieni a pranzo da noi, cucino io perché lei non sa far nulla. E batto. Ho fatto anche degli aces, spinto dal mi nonno. Giuro! Mi viene da ridere e da piangere qualche volta. Se cammino da solo nella pineta di Roccamare poi, lì sì che partono tutte insieme! E' quasi un concerto, diretto dal mio cervello bacato. Un mio amico neurologo mi ha detto: non sei pazzo, sei solo curioso, vuoi sapere cose misteriose, però forse sei anche un po’ pazzo, vai da uno psichiatra. Non ci sono mai andato, anche perché non vorrei mai che con un paio di pasticconi, quello me le fa sparire. E poi io come fo ai semafori senza Sergio Scalambra, o a battere senza il mi nonno? No, no, resto così, con le mie voci sempre in saccoccia e la sicurezza che non sarò mai solo, nemmeno quando sarà il momento.
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

23/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

21/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

22/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

20/08/2019

Con Massimo Cervelli e Tommaso Labate Regia di Savino Bonito A cura di Pietro Luchetti e Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per