Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Non è un Paese per Giovani

Chi l'ha detto detto che la modernità è più bombata dell'antichità?

Ascolta l'audio
Voglio le cose come sono nate. Semmai cambiatele del tutto, ma non mettete le mani su quelle che erano già perfette. Sarebbe come modernizzare la cupola del Brunelleschi, o il campanile di Giotto. Provate a bombare quello se vi riesce?!
Quando vedo le cose che vanno a posto da sole, penso che la vita sia perfetta. A volte ci sono degli assestamenti tellurici dentro di me e poi, come in un attimo di perfezione, tutto si aggiusta e torna la calma, la serenità, una specie di controra dalla quale si esce solo riposati. Io amo le cose al loro posto. Anche nel disordine. Ma devono stare là. Per terra. I giochi dei miei nipoti piccoli, le biciclettine arrugginite di tutte le misure, i materassini polverosi e bucati, voglio che tutto resti così per sempre, come l'ha lasciato mio padre del resto. Lui mi ha insegnato a comprare un materassino nuovo ogni estate, perché è giusto bucarlo ogni anno, senza sapere come, né chi è stato. Perché i materassini si bucano e se non li buca qualcuno, si bucano da soli, si autobucano a fine stagione per essere ricomprati. E' giusto così. Tutto va a posto da solo se hai una buona scuola. Devi lasciare che le cose abbiano un po’ di vita propria. A me piace l'odore, un po’ di muffa, delle case del mare e quello di cucina delle case di città. E' una mia perversione, ma quando le due cose si mischiano vado giù di testa. L'umidità col pollo alla cacciatora. Dio mio, perché mi tormenti con questi pensieri inutili? Tanto le cose cambiano. Lo so, il mondo cambia e le cose di conseguenza. Anche la 500 è stata modernizzata. Adesso sembra quell'altra deformata con Photoshop. Che tristezza mi fa la Mini nuova. L'hanno bombata per essere moderna e ha perso di eleganza, di design, anche se è rimasta bella, perché rovinare quel capolavoro del 1959 era davvero difficile. Chi l'ha detto che la modernità è più bombata dell'antichità. Perché i frigoriferi hanno una bombatura che prima non c'era? A chi è venuto in mente questo futuro bombato? Performante. Voglio le cose come sono nate. Semmai cambiatele del tutto, ma non mettete le mani su quelle che erano già perfette. Sarebbe come modernizzare la cupola del Brunelleschi, o il campanile di Giotto. Provate a bombare quello se vi riesce?! Io sarò anche pazzo, però amo quando vedo che le onde arrivano sulla battigia sempre allo stesso modo, ogni anno che passa, sono 56 estati che le guardo e loro mi rispondono sempre allo stesso modo: arrivano, leggere, fresche, si srotolano sulla riva e poi, si ritirano, lasciando la chiazza umida sulla sabbia calda. E' così che deve andare, ed è così che va. E va bene. Non vorrete mica bombare anche la spiaggia adesso? Vi prego ingegneri, designer, architetti, inventatevi cose nuove, ma non mettete le mani sulle vecchie, perché quelle sono perfette e non vogliono essere bombate. Il futuro è nelle rotondità? Siamo sicuri? Certi? E va bene ci sto, bombiamoci tutti fino a rotolare ma giù le mani dal totem della Brionvega, dalle sedie di plastica che si chiudono di Castelli Le Plia, dalla parentesi della Flos. Giù le mani dai cambiamenti inutili, voglio che le cose si assestino da sole, nelle cantine, nei ripostigli, nei robivecchi, ma che non siano mai e poi mai sostituite con altre, uguali ma bombate. Ok, possiamo dire addio alla 500 di mia madre degli anni 60, lo fo con dolore, ma lo fo. Addio. Addio. Addio. L'ho detto tre volte. Tre è un numero spigoloso e non si può bombare.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta NON E' UN PAESE PER GIOVANI

NON E' UN PAESE PER GIOVANI

19/10/2019

Con Giovanni Veronesi e Massimo Cervelli. Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Il professor Valter Longo e Sonny Richichi sono gli ospiti di  questo venerdì!

Il professor Valter Longo e Sonny Richichi sono gli ospiti di questo venerdì!

18/10/2019

Con Giovanni Veronesi e Massimo Cervelli. Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta John Turturro con noi!

John Turturro con noi!

17/10/2019

Con Giovanni Veronesi e Massimo Cervelli. Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Evviva Margherita Buy!

Evviva Margherita Buy!

16/10/2019

Con Giovanni Veronesi e Massimo Cervelli. Regia di Savino Bonito A cura di Daria Ragazzini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per