Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Gettoni di Filosofia

Il reazionario dell'attualità

Ascolta l'audio
Il pensiero di Nicolas Gomez Davila, così come emerge dalle migliaia dei suoi frammenti, non è quello di un conservatore perché questo presupporrebbe qualcosa da salvare, mentre per lui non c'è proprio nulla da custodire della sua epoca, nessuno per cui lottare, soltanto qualcosa e qualcuno contro cui battersi. Il suo è il pensiero di un vero reazionario e antimodernista.
«I Vangeli e il Manifesto comunista sbiadiscono; il futuro del mondo appartiene alla Coca-Cola e alla pornografia», verga con ironia. La sua penna, felice, si scaglia crudele contro «l’entusiasmo del progressista, gli argomenti del democratico, le dimostrazione del materialista». I suoi bersagli preferiti sono la libertà (che definisce un “feticcio”), l’idea di eguaglianza (scrive: «gli uomini sono meno uguali di quello che dicono e più di quello che pensano»), la democrazia (esclude solo la morte, perché è l’unico evento di quella officina di gerarchie che è l’esistenza terrena a rispettare i dettami della democrazia). Il suo è un pensiero gerarchico perché, sostiene, l’intelligenza è spontaneamente aristocratica «poiché è la facoltà di distinguere differenze e fissare ranghi». Si considera come un “reazionario dell’attualità” – anche se scrive: «Non è una restaurazione quello che il reazionario anela, bensì un nuovo miracolo». 
In pratica Gómez Dávila crede che l’umanità sia caduta nella storia moderna «come un animale cade in trappola»: si è lasciata soggiogare dalle sirene ammaliatrici che lui individua nell’«espansione demografica», la propaganda democratica e la rivoluzione industriale. Ecco allora che, scrive, l’umanità stessa ha sostituito «il mito di una passata età dell’oro con quello di una futura età della plastica». È un pessimista, il suo è uno sguardo nichilista sulla modernità che gli appare «un fango che nessuna mano riesce a modellare», e che dovrebbe dare all’uomo «il diritto di vomitare in pubblico». 
Nei suoi frammenti del resto non mancano le contraddizioni, ma Gómez Dávila non solo le ammette, le cerca anche – perché la contraddizione, sostiene, là dove “lucidamente assunta” porta a un pensiero vigoroso. 
È il caso della sua fede, incrollabile, al punto che scrive: «L’unica cosa di cui non ho mai dubitato: l’esistenza di Dio». Eppure è difficile da definire: sicuramente la religione è un riferimento costante nei suoi scritti, e il suo è un Cattolicesimo radicale, di principi preconciliari. Ma quando si tratta di definirsi in quanto credente, Gómez Dávila non ha dubbi: «Più che un cristiano, sono un pagano che crede in Cristo». 
Non una consolazione, per il filosofo colombiano: la sua fede come anche il pensiero reazionario sono critici, sempre messi in discussione, senza nessun appagamento facile. Del resto, afferma il filosofo, «Il pensiero reazionario non assicura nessun successo ai suoi adepti, gli garantisce solo che non dicano sciocchezze».
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Uno "zero di ebraismo"

Uno "zero di ebraismo"

22/07/2019

Il nome di Gershom Scholem brilla nel firmamento ebraico: già in vita riconosciuto e acclamato come un grande studioso, è oggi un riferimento obbligato di qualsiasi discorso sulla tradizione ebraica o sugli studi dedicata alla cabala, di cui è stato il maggiore interprete del Novecento – e forse di sempre.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Il devoto intemperante

Il devoto intemperante

23/07/2019

Fin da giovanissimo Gershom Scholem, che era nato nel 1897,  rifiutava le sue radici di ebreo tedesco borghese: secondo lui gli ebrei tedeschi erano vissuti fino ad allora nella vana e illusoria glorificazione della simbiosi tedesca, e soltanto i sionisti se ne rendevano conto. Però, allo stesso tempo, criticava aspramente il sionismo in quanto incapace di esser portatore di un radicale e necessario rinnovamento dell'ebraismo. 

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta L'amico geniale

L'amico geniale

24/07/2019

Nel 1915 Gershom Scholem fece un incontro che gli cambiò la vita. In un'annotazione del suo diario, scrive che se trovò la sua strada fu soltanto grazie a quell'incontro. Scrive Scholem: «la più grande esperienza della mia vita: entrare in contatto con un uomo di assoluta grandezza che ha influenzato la mia vita non con il suo insegnamento ma con il suo essere». 

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Gerusalemme, "tornare a casa"

Gerusalemme, "tornare a casa"

25/07/2019

Gershom Scholem arrivò a Gerusalemme nel 1923, a 25 anni. Subito gli fu offerto un posto come responsabile della Sezione Ebraica della Biblioteca Nazionale.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per