Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

PRIMA PAGINA del 7 maggio 2019

PRIMA PAGINA del 7 maggio 2019
Ascolta l'audio
con Norma Rangeri

I trent'anni del Banco alimentare: «Chi soffre la fame? Soprattutto i bambini»

    
Farà anche presa sulla pancia del Paese, il “discorso” sulla povertà, incastonato tra le promesse dell’attuale governo e i primi, ancora tiepidi bilanci sull’effetto del Reddito di cittadinanza. Intanto, però, c’è una povertà che continua a crescere senza sosta, con una pancia che resta drammaticamente vuota: quella dei bambini.
A guardarla attraverso le lenti del Banco Alimentare – trent'anni da festeggiare giusto oggi, e con decine di iniziative da Nord a Sud nei prossimi mesi – l’Italia ha ancora troppa fame.
Soprattutto i suoi minori, ovviamente esclusi da centri dell’impiego e navigator, ma purtroppo anche notevolmente sottostimati nelle misure di sostegno pensate e messe in campo dal legislatore per il mondo adulto. Senza partire dal 1989, quando i primi volontari del Banco si rimboccavano le maniche e venivano guardati un po’ di traverso («Eccoli, quelli che chiedono l’elemosina per i poveri...»), basta guardare all’ultimo decennio per capire di cosa stiamo parlando: i dati sulla povertà elaborati dall’Istat nel 2007 (l’ultimo anno precedente alla crisi finanziaria ed economica esplosa nel 2008) mostravano un’incidenza di povertà assoluta tra bambini e giovani in minore età del 3,1%, quelli del 2017 del 12,1%. Un balzo sconcertante «per cui si è fatto meno di quello che sarebbe necessario» sottolinea Giancarlo Rovati, ordinario di Sociologia all’Università Cattolica di Milano. «Basti guardare alla corrispondente povertà assoluta tra gli anziani, passata dal 3,1% al 4,6% negli stessi dieci anni, per effetto dei trattamenti pensionistici e degli assegni sociali destinati a questa parte della popolazione». E anche in queste ore, in cui da Eurostat arrivano segnali di ottimismo su un rallentamento della morsa dell’indigenza, «la buona notizia continua a non valere per i bambini – aggiunge Rovati –, visto che la situazione è migliorata per tutte le fasce di età ad esclusione proprio di quella dei più piccoli». Con la percentuale dei minori di 6 anni in condizione di disagio che sale nel 2018 dall’8,5% all’8,8%, contro una contrazione di quasi due punti percentuali nella fascia di chi invece è in età da lavoro (25-54 anni). «Un allarme che non può essere ignorato oltre».

Aiutarli. E aiutare le famiglie in cui vivono, per cui il Reddito di cittadinanza sta già dimostrando la sua scarsa incisività (appena il 19,6% quelle che ne beneficeranno, contro il 47,9% dei singoli). Una parte fondamentale la fanno gli aiuti alimentari stanziati dal Fondo di aiuti europei agli indigenti (Fead), distribuiti dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (l’Agea): nella stragrande maggioranza, in questo caso, destinatari sono proprio famiglie con figli minorenni a carico, per cui sono previste anche integrazioni in vestiario e materiale scolastico. Al resto pensa Banco Alimentare, con uno sguardo «che comincia sempre dai chili – spiega il presidente Andrea Giussani –, dal giorno per giorno e dai destinatari». Un milione e mezzo all’anno i poveri aiutati, attraverso quasi 8mila enti caritativi convenzionati, di cui 350mila sono bambini bisognosi di tutto: dagli omogeneizzati al latte fino alla carne, la grande assente sulla tavolo (spesso squilibrata dal punto di vista nutrizionale) delle famiglie povere. Cos’è cambiato in trent’anni? «Che il nostro “mercato di riferimento”, purtroppo, è drammaticamente aumentato – continua Giussani –. All’inizio, e per diverso tempo, quella di Banco Alimentare è stata considerata la solidarietà di serie B. Si è scoperto dopo, e soprattutto tra le famiglie italiane, che la fame c’era e che gli aiuti alimentari erano fondamentali, anche per intercettare in prima battuta la povertà e poi avviare percorsi più mirati».
Un modello di presa in carico dei bisognosi costruito dal basso, attraverso la rete della generosità maturata sui territori e in quel contatto quotidiano con le persone «che ci ha convinto sempre più che per curare la ferita della povertà bisogna anche conoscerla. Le ricette dall’alto non funzionano». Da questo sforzo d’altronde è nata anche la legge Gadda contro lo spreco alimentare, «che tanto ha fatto dal punto di vista concreto prima che culturale nel campo della raccolta delle eccedenze alimentari nel nostro Paese e che ha avuto proprio nelle associazioni impegnate in campo ogni giorno coi poveri i primi referenti» . Quel Tavolo di coordinamento sugli indigenti istituito al ministero dell’Agricoltura e, purtroppo, ancora mai convocato da questo governo.

Viviana Daloisio - Avvenire

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Prima Pagina del 27 ottobre 2020

Prima Pagina del 27 ottobre 2020

27/10/2020

con Piero Ignazi

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 26 ottobre 2020

Prima Pagina del 26 ottobre 2020

26/10/2020

con Piero Ignazi

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 25 ottobre 2020

Prima Pagina del 25 ottobre 2020

25/10/2020

con Walter Passerini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 24 ottobre 2020

Prima Pagina del 24 ottobre 2020

24/10/2020

con Walter Passerini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per