Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Radio3 Suite

11. Oro | Poesia in technicolor

Ascolta l'audio
Con Maria Grazia Calandrone Quest'anno, nel mese dedicato alla poesia, indaghiamo come poeti di ogni luogo e tempo, fino alla più radioattiva contemporaneità, abbiano affrontato e affrontino i colori del proprio mondo

Clicca sui colori, uno nuovo ogni giorno fino al 21 marzo, per ascoltare i ventuno viaggi nella poesia di ogni tempo e luogo, seguendo un filo, multicolore fino alla trasparenza.

                    

Poesie di Daniele Pietrini, Emily Dickinson, Dino Campana, Nikos Kazantzakis

Daniele Pietrini |  Il raggio d’oro


Plano, dalla collina
Chilometri e chilometri di distanza
Una finestra riflette il tramonto
Al millimetro esatto su di me
Dalla collina alla valle
niente
è di ostacolo (una tenda, un uomo 
che muove il vetro 
io, per accidente
seduto su una poltrona diversa)
Remoto il raggio distilla silenzio
Nel mio petto sonoro
Tutto è 
un sipario che si apre: le altre case
i fianchi del colle
(non è poi raro:
il mondo che spande geometrie
libera sincronicità)
Ringrazio
le nubi aperte
Quanto ha fatto spazio
La terra
l’aria
gli esseri umani
Come è matematica
la gioia
che ora mi oscilla in cuore

Emily Dickinson
Mai raccontai dell'oro sepolto
Che sulla collina – giace – 
Ho visto il sole – concluso il saccheggio
Accucciarsi a guardia della preda.
Era così vicino -
Come tu fossi qui -
Un passo era tra noi - 
Se un serpente avesse divaricato la felce
La mia vita sarebbe stata confiscata.
Era uno splendido bottino -
Spero guadagnato onestamente.
Quelli erano i più bei lingotti
Che mai vanga abbia baciato!
Se mantenere il segreto -
Se svelarlo -
Se mentre ci penso
"Kidd" salpasse all'improvviso -
Potesse un sagace consigliarmi
Potremmo anche dividere -
Dovesse il sagace tradirmi -
Atropo decida!

Dino Campana | da La Notte
Canti Orfici e altre poesie, Einaudi 2003
Venne la notte e fu compita la conquista dell’ancella. Il suo corpo ambrato la sua bocca vorace i suoi ispidi neri capelli a tratti la rivelazione dei suoi occhi atterriti di voluttà intricarono una fantastica vicenda. Mentre più dolce, già presso a spegnersi ancora regnava nella lontananza il ricordo di Lei, la matrona suadente, la regina ancora ne la sua linea classica tra le sue grandi sorelle del ricordo: poi che Michelangelo aveva ripiegato sulle sue ginocchia stanche di cammino colei che piega, che piega e non posa, regina barbara sotto il peso di tutto il sogno umano, e lo sbattere delle pose arcane e violente delle barbare travolte regine antiche aveva udito Dante spegnersi nel grido di Francesca là sulle rive dei fiumi che stanchi di guerra mettono foce, nel mentre sulle loro rive si ricrea la pena eterna dell’amore. E l’ancella, l’ingenua Maddalena dai capelli ispidi e dagli occhi brillanti chiedeva in sussulti dal suo corpo sterile e dorato, crudo e selvaggio, dolcemente chiuso nell’umiltà del suo mistero. La lunga notte piena degli inganni delle varie immagini. 

Nikos Kazantzakis | Odissea
Canto 22, traduzione di Nicola Crocetti
Virtù dal sonno leggero, preziosa figlia dell’uomo,
come sei felice quando sola, mordendoti le labbra,
povera e perseguitata, ti confinano nel deserto!
Senza amici che ti sostengano, un ramo cui aggrapparti,
senza nessuno che si fermi e ammiri il tuo valore,
o un dio che per tua grazia scagli la lancia da lassù.
Eretta, muta nel deserto, lotti e gioisci, perché sai
che ti è impossibile vincere, combatti per te stessa!
Lèvati in alto, virtù, e guarda quella testa bianca,
dal cervello fulgido e disperato, che rotola sull’onda –
sembra un nautilo che dimena i tentacoli lucenti.
Gioia e pena, vita e morte soffiano nel suo cuore,
come quattro forti venti che spingono verso l’abisso 
carne e mente, la coppia di amanti avvinta nell’abbraccio.
Ha solcato tutti i mari, si è goduto tutta la terra,
ha colto il loro fiore ricciuto dal veleno dolce,
se l’è messo sul grosso orecchio e inneggia alla Morte.

Avesse cervello la terra, gioirebbe, avesse occhi il destino,
abbraccerebbe il grande vecchio guerriero, toccherebbe
con timore e ammirazione le sue tremende ferite;
tutti lo sosterrebbero perché non precipiti nell’Ade.
Gli alberi lancerebbero grida e le pietre gemiti,
le bestie con la coda ritta aggredirebbero la Morte,
le fanciulle più belle mostrerebbero i piccoli seni
per sedurre il feroce Caronte, fargli dimenticare
nella vertigine del seno la venerabile preda.
Ma il destino è guercio e la terra non ha cervello,
lasciano indifeso e illacrimato il grande faro,
la mente più insonne e fervida, a spegnersi nel gelo.

Il sole un disco d’oro scagliato sulla pista del cielo,
la luna d’argento sorge come una maschera funebre
e copre il volto pacificato dell’ingegnoso Arciere.
Naviga giorno e notte sul suo feretro leggero,
il cielo e il mare fieri si tendono come un arco
verso il robusto petto imbiancato del morituro,
che sente sfrecciare la sua nave come una saetta!

I gabbiani planano leggeri sulla sua testa bianca
per un giorno o due, poi tornano indietro stanchi;
un’aquila marina gli intreccia corone in aria,
e a notte veglia sull’albero maestro come un mozzo,
ma dopo nove giorni, stanca anche lei, scompare.
Due squali dal muso a punta lo seguono come cani,
aprono e chiudono avidamente le dentature aguzze;
ma persa ogni speranza di cibo scompaiono negli abissi.
«Addio, tornate alle vostre prede, io non sono cibo!»
grida felice il Marinaio, scaccia come abiti sporchi
pesci e uccelli, nudo nella solitudine di cristallo.

Uccelli intrisi di aromi volano sulla sua testa,
il muschio stilla dai loro artigli, il vento sfolgora
come le penne rosse e d’oro della coda di un fagiano.     
A volte sulla tolda schiumosa cade qualche piuma,
l’uomo rapido la raccoglie e la getta sulle onde:
«Addio piume e profumi, addio sogni e pensieri,
addio ricami del vento – preziosi e multicolori!»

Ascolti musicali tratti da:
Scherzo and Trio di Penguin Cafè Orchestra 
Slowly and expressively di Aaron Copland 
The golden Fly two di alessandra Celletti 
Vast plain, Clouds di Jan Garbarek 
Massig Bewegt di Anton Bruckner Deutsches Symphonie-Orchester Berlin feat. S/QU/NC/R 
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Panorama: aspettando la diretta da Roma

Panorama: aspettando la diretta da Roma

23/05/2019

Francesco Antonioni e Andrea Penna aspettando la diretta dal Teatro dell'Opera di Roma

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Panorama: aspettando la diretta da Torino

Panorama: aspettando la diretta da Torino

22/05/2019

Francesco Antonioni e Susanna Franchi aspettando la diretta dal Teatro Regio di Torino

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

21/05/2019

Francesco Antonioni con Stefano Napoli al Teatro Franco Parenti di Milano | una nuova rosa dedicata a Greta Thunberg al roseto degli Horti Farnesiani di Roma | Paolo Da Col alla Sala Tartini di Trieste.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

20/05/2019

Francesco Antonioni con Francesca Garolla al Teatro i di Milano | con Francesco Perrone per il progetto InBox a Siena | Andrea Ottonello e Pietro Borgonovo sulla prossima stagione della GOG a Genova | Lidia Riviello ricorda Nanni Balestrini

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per