Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Radio3 Suite

3. Argento | Poesia in technicolor

Ascolta l'audio
Con Maria Grazia Calandrone Quest'anno, nel mese dedicato alla poesia, indaghiamo come poeti di ogni luogo e tempo, fino alla più radioattiva contemporaneità, abbiano affrontato e affrontino i colori del proprio mondo
Poesia di Oscar Wilde, Omero, Rosaria Lo Russo, Sylvia Plath, Tomas Transtromer, Ghiannis Ritsos

Omero | Odissea

Cresceva, dentro al cortile, un tronco d’olivo dalle foglie sottili, rigoglioso, fiorente, largo come una colonna. Intorno a questo io eressi il talamo, che feci con pietre fittamente connesse e ricoprii con il tetto ben fatto; e la porta applicai, solida e salda. Poi recisi la chioma dell’olivo dalle foglie sottili, il tronco sgrossai dalla radice, lo piallai tutt’intorno con l’ascia di bronzo, abilmente, lo livellai a filo di squadra e ricavai una base che lavorai tutta a traforo. Cominciando da questa levigavo anche il letto, ornandolo d’oro, d’argento, d’avorio. All’interno tesi    cinghie di cuoio splendenti di porpora. Ecco, questo è il segreto e così a Penelope persuasa si scioglie il cuore – e abbraccia piangendo il suo sposo.

Rosaria Lo Russo | Lamento di Penelope 
Penelope, i miosotìs 2003


Da vent'anni velata pattuglio questa casa 
Da vent'anni pattuglio questa casa ammogliata 
rimasuglio di sposa obnubilata 
e mi sconforta questa gorgiera guaina dove non proferisco verbo né suono di sgomento 
e come s'usa zitta zitta mi rassegno 
a pacche di vento mugugnante nelle risacche auricolari che piagnendo
stordita nell'attesa lunghe pendenti pendo 
Ma quando un filo lustro di vento sbatte le porte e solleva garrule tende alle finestre 
mi scrosto questa spessa cotenna di ritegno 
e saltello saltello gioco a zoppino sulle tue mattonelle 
per non calpestare i bordi ché non porti iella 
sconfinare dai miei casti pegni ché ancora non ritorni nei tuoi angusti regni

Sylvia Plath | Lo specchio
nella traduzione di Anna Ravano
Sono d’argento e rigoroso. Non ho preconcetti. 
Quello che vedo lo ingoio all’istante 
così com’è, non velato da amore o da avversione. 
Non sono crudele, sono solo veritiero —
l’occhio di un piccolo dio, quadrangolare. 
Passo molte ore a meditare sulla parete di fronte. 
È rosa e macchiettata. La guardo da tanto tempo 
che credo faccia parte del mio cuore. Ma c’è e non c’è. 
Facce e buio ci separano ripetutamente. 
Ora sono un lago. Una donna si china su di me, 
cercando nella mia distesa ciò che essa è veramente. 
Poi si volge alle candele o alla luna, quelle bugiarde. 
Vedo la sua schiena e la rifletto fedelmente. 
Lei mi ricompensa con lacrime e un agitare di mani. 
Sono importante per lei. Va e viene. 
Ogni mattina è sua la faccia che prende il posto del buio. 
In me ha annegato una ragazza e in me una vecchia 
sale verso di lei giorno dopo giorno come un pesce tremendo.

Tomas Tranströmer | Aprile e silenzio 
La lugubre gondola
– tradotto da Maria Cristina Lombardi
La primavera giace deserta.
Scuro come il velluto il fossato
si snoda al mio fianco
senza immagini riflesse.
Soli a splendere
sono dei fiori gialli.
Mi porta la mia ombra,
come la sua nera custodia
un violino.
La sola cosa che voglio dire
brilla fuori dalla mia portata
come l’argento
sul banco dei pegni.

Ghiannis Ritsos | Durata 
traduzione Nicola Crocetti
La notte ci guarda tra il fogliame delle stelle.
Bella notte silenziosa. Verrà una notte
in cui non ci saremo. E anche allora
il granoturco canterà le sue antiche canzoni,
le mietitrici s’innamoreranno accanto ai covoni,
e tra i nostri versi dimenticati
come tra le spighe gialle
un viso giovane, illuminato dalla luna,
guarderà come noi stanotte,
quella piccola nube d’argento
che si piega e appoggia la fronte sulla spalla dell’altura.

Ascolti musicali tratti da:
Scherzo and Trio di Penguin Cafè Orchestra
Clair de lune - piccolo notturno per pianoforte di Frank Martin
Ulisse’ thieme di Eleni Karaindrou
Music for 18 musicians di Steve Reich, remix di Coldcut
Massig Bewegt di Anton Bruckner Deutsches Symphonie-Orchester Berlin feat. S/QU/NC/R

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

18/03/2019

Oreste Bossini con Patrizio Peterlini per una mostra a Palais de Tokyo di Parigi e con Mario Messinis per il Bologna Festival

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Panorama: aspettando la diretta da Bologna

Panorama: aspettando la diretta da Bologna

17/03/2019

Francesco Antonioni e Nicola Pedone aspettando la diretta dal Teatro Comunale di Bologna

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

Panorama: i concerti e gli spettacoli in giro per l'Italia

16/03/2019

Francesco Antonioni con Raffaella Giordano al Teatro Mecenate di Arezzo e con Patrizia De Bari al Teatro Goldoni di Firenze

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Panorama: aspettando la diretta da Roma

Panorama: aspettando la diretta da Roma

15/03/2019

Oreste Bossini e Stefano Valanzuolo aspettando la diretta dal Teatro dell'Opera di Roma

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per