Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Radio3 Mondo

Le proteste che spaccano il Sudan

Ascolta l'audio
Il Sudan del Presidente Omar al-Bashir è attualmente attraversato da una profonda frattura interna: da una parte le proteste anti-governo e dall'altra le manifestazioni di mercoledì scorso hanno riunito migliaia di persone in supporto dello stesso Presidente, il quale per l'occasione ha dichiarato che sarebbe rimasto al potere
Il Sudan del Presidente Omar al-Bashir è attualmente attraversato da una profonda frattura interna: da una parte le proteste anti-governo, cominciate a dicembre e motivo di scontri (e di morti) ancora oggi; dall’altra, le manifestazioni di mercoledì scorso hanno riunito migliaia di persone in supporto dello stesso Presidente, il quale per l’occasione ha dichiarato che sarebbe rimasto al potere. In carica dal 1989, Al-Bashir è stato incriminato dalla Corte Penale Internazionale (Cpi) per crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio in relazione al conflitto nella regione del Darfur. La sua figura potrebbe innescare una guerra civile all’interno del Paese: per questo il milionario sudanese Mo Ibrahim ha proposto la concessione dell’immunità in cambio delle sue dimissioni. Intanto le proteste nella capitale Khartoum continuano: secondo il quotidiano online “Sudan Tribune”, mercenari russi della società moscovita Wagner stanno lavorando con gli agenti del Niss, i servizi di sicurezza sudanesi, per reprimere le manifestazioni di piazza. Anche una giornalista italiana, Antonella Napoli, è stata fermata (e successivamente rilasciata) mentre era a Khartoum per raccontare le proteste, come dichiarato dal ministro degli Esteri Enzo Moavero durante il Consiglio Affari Generali a Bruxelles. 

Venerdì  11 Gennaio alle 11.00 Marina Lalovic ne parlerà con Irene Panozzo, attuale consigliere politico per il rappresentante speciale dell’Unione Europea per il Corno d’Africa e con Antonella Napoli, giornalista freelance che ora si trova a Khartoom, presidente onorario dell’onlus Italian friends for Darfur, ha scritto “Volti e colori del Darfour” (Ed. Gorée) “Il mio nome è Meriam” (ed. Piemme).

Andremo poi in Vietnam con il documentario “Nimble Fingers”, la storia della globalizzazione attraverso la narrazione delle condizioni di vita di Bay, giovane donna migrata dagli altopiani del Nord del Vietnam che vive e lavora alla periferia di Hanoi, in uno dei siti di produzione industriale tra i più grandi al mondo. Ne parliamo con il regista Parsifal Reparato.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta La bellezza del Giappone segreto

La bellezza del Giappone segreto

16/07/2019

Un viaggio in estremo Oriente tra le proteste a Hong Kong che hanno portato alle dimissioni della leader Carrie Lam e i segreti del Giappone.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Ritorno a Srebrenica

Ritorno a Srebrenica

15/07/2019

Cominciamo un viaggio verso Srebrenica, 24 anni dopo il più grande massacro in Europa dalla II Guerra Mondiale in poi, dove molte persone stanno ritornando - nonostante la crisi, la disoccupazione e un forte fenomeno di emigrazione.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Perché viaggiamo?

Perché viaggiamo?

12/07/2019

"Perché viaggiamo?" è la domanda che guiderà questa terza edizione dell'UlisseFest – La Festa del Viaggio, una rassegna interamente dedicata al viaggio che dal 12 al 14 luglio 2019 porterà a Rimini il meglio del mondo del viaggio: dibattiti, testimonianze, spettacoli, musica, film che apriranno una finestra sul mondo e sull'inesauribile passione che spinge l'uomo a scoprirlo.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta I vertici UE e il gender gap

I vertici UE e il gender gap

11/07/2019

Il gender GAP ai vertici dell'UE sembra essersi ridotto: sono numerose le nomine di donne per ricoprire cariche istituzionali europee. La parità di genere nel governo finlandese è certamente una priorità: su 19 ministri,11 sono donne.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per