Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Pascal

089: Le strade dei figli

Ascolta l'audio
Una giovane insegnante molto coraggiosa e una madre che scrive ad un figlio poco riconoscente

Playlist puntata:

FATHER AND SON -CATSTEVENS
TEACHER -JETHRO TULL
EVERYWHERE I GO -SLEEPING AT LAS
TMOTHER -PINK FLOYD

Prima storia: La mia scuola di Francesca 

Questa  storia  non  comincia  in  un  momento  preciso  e  in  un  luogo  definito,  viene  alla  luce  con  me,  anzi  prima  di  me. C’è  una  ragazza  di  24  anni,  un  pancione,  un  autobus  e  la  lunga  strada  che  collega  gli  estremi  del  Polesine,  la  poco  conosciuta  provincia  di  Rovigo.  Nella  prima  metà  del  1989  la  mia  giovane  e  intraprendente  mamma  si  alzava  presto  e  affrontava  un  viaggio  di  90  km  per  andare  ad  insegnare  in  una  piccola  scuola  elementare  nella  zona  del  Delta  del  Po.  Erano  pochi  allora  in  bambini  in  quella  parte  di  istituto,  la  mia  mamma  fiera  arrivava  puntuale,  arrivavamo  puntuali  io  e  lei  con  quell’autobus.  Diciamo  che  era  un’insegnante  ͞ingombrante͟  sapendo  che  io  sono  nata  il  3  Luglio  e  lei  è  andata  a  scuola  fino  alla  fine  delle  lezioni.  Il  tempo  è  passato,  mia  madre  maestra,  mio  zio  professore,  ed  io?  Per  tutti,  parenti,  amici  di  famiglia  vicini  e  lontani,  avrei  dovuto  insegnare,  con  una  famiglia  così....  Dicevano.    Attorno  ai  18  –  20  anni,  a  chi  mi  chiedeva  cosa  avrei  fatto  da  grande  rispondevo  escludendo  subito  l’insegnamento,  no,  la  pazienza  di  sopportare  dei  ragazzini  non  era  la  mia.  Io  sono  una  di  polso,  pensavo,  non  ho  tempo  e  voglia.  La  scuola?  No,  no!  Andrò  a  lavorare  in  una  grande  azienda,  farò  una  bellissima  carriera  e...  no,  la  scuola  no!    Nel  frattempo  mi  sono  laureata  in  Scienze  Chimiche.  Successivamente  ho  lavorato  per  due  anni  ad  un  progetto  europeo  in  università.  Poi  è  arrivato  il  famigerato  lavoro  in  azienda.  Un  luogo  a  cui  io  non  appartenevo  e  che  non  mi  dava  nulla  se  non  una  gastrite  costante  e  dolorosa.  Così,  decisa  a  cambiare  la  mia  vita  mi  sono  licenziata  e  ho  ricominciato  a  cercare.   
Settembre  2017,  il  momento  clou.  Al  mio  indirizzo  email  arriva  la  convocazione  per  una  supplenza  in  un  istituto  tecnico  della  zona.  Mia  madre  aveva  spinto  perché  mi  iscrivessi  alle  graduatorie  con  il  suo  ͞non  si  sa  mai͟.  Colgo  l’occasione  al  volo  un  po’  per  gioco  e  curiosità,  il  secondo  martedì  di  Ottobre  del  2017,  prendo  un  grosso  respiro,  apro  la  porta  e  saluto  i  25  14enni  che  mi  trovo  davanti.    Giorno  dopo  giorno  la  gastrite  si  placa  e  io  respiro.  L’anno  scolastico  vola,  nonostante  le  poche  ore  di  supplenza  e  lo  stipendio  ridotto,  ci  sono  dei  colleghi  fantastici  e  le  centinaia  di  chilometri  fatti  per  andare  a  scuola.    Sembrerà  strano  ma  io  a  scuola  mi  sento  a  casa.    Ho  iniziato  un  percorso  duro,  fatto  di  incertezze,  pochi  soldi  qualche  soddisfazione,  tanti  ragazzi  e  tante  famiglie.  Il  grande  precariato  degli  insegnanti.  Però  sono  a  casa.  Mi  sento  a  casa.  Sogno  il  finale  della  mia  storia,  vedo  una  cattedra,  dei  ragazzi  e  un/una  piccolo/a  ospite  "ingombrante" che  fa  lezione  insieme  a  me,  magari  scalciando  quando  chiedo  attenzione  e  silenzio.  Mi  vedo  così,  insegnate,  perché  in  fondo  ho  cominciato  a  farlo  29  anni  fa,  in  una  piccola  scuola  del  Delta  del  Po. 

Seconda storia: Mio sempre amato figlio

«Mio sempre amato figlio. Dopo tanto tempo che non ricevo più tue risposte e perciò pure io ho smesso di scriverti, approfitto della venuta di uno che ti conosce bene per dirti quello che ho da dirti». 
Inizia così la lettera che Concetta scrive per il figlio partito per l'Autralia molti anni prima. Un figlio che ha preso la sua strada e a differenza di quanto aveva promesso non si è più fatto sentire. La donna, analfabeta, detta ad un copista il suo messaggio. Nella parole della madre ci sono, speranza, un briciolo di rancore, ma il solito amore senza considerazione.
Purtroppo la lettera non arriverà mai a destinazione: quando Concetta raggiungerà il compaesano per la consegna, questi era già sul piroscafo in partenza. Concetta morirà qualche mese dopo senza avere più notizie del figlio.
Noi abbiamo letto questa storia nel linro "Abasso di un firmamento sconosciuto" di Amoreno Martellini.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta 136: In trasformazione

136: In trasformazione

18/03/2019

Una ragazza che vive un dolce cambiamento e una donna che cambia la forma del proprio viso

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 135: Tra le nuvole

135: Tra le nuvole

15/03/2019

Una coppia di oche ed un ornitologo che ha fatto una scoperta

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 134: 1978

134: 1978

14/03/2019

Una relazione di lunghissima data e un viaggio nel 1978

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 133: Condizioni avverse

133: Condizioni avverse

13/03/2019

Una tempesta nei mari pugliesi e l'uomo che per anni ha letto il bollettino meteo per la BBC

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per