Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

PRIMA PAGINA del 25 dicembre 2018

PRIMA PAGINA del 25 dicembre 2018
Ascolta l'audio
con Alberto Chiara

Il viaggio di Babbo Natale: una notte per consegnare 590 milioni di regali


Diciamo che porterà un regalo solo a quei bambini, minori di 14 anni, che festeggiano il Natale. E quindi, verosimilmente, a quelli di religione cristiana. Sono in tutto 590 milioni, prendendo ovviamente per buono il fatto che si siano comportati bene durante l’anno. Diciamo poi che la slitta si muoverà da nord a sud e quindi da sud a nord, seguendo le line24e del fuso orario. Questo solo per comodità di calcolo. Bene, c’è un’area, quella che coincide con l’ora di Roma, in cui Babbo Natale dovrà effettuare qualcosa come 33mila consegne al secondo.

Sì, per festeggiare il 25 dicembre Infodata ha fatto i conti in tasca a Santa Claus. O meglio, a provato a calcolare quanto il corriere più amato dai bambini dovrebbe lavorare se esistesse veramente. Lo spunto, è bene ammetterlo, arriva da un articolo uscito su The Atlantic. Riutilizzando i dati, è stato possibile costruire questa infografica, che mostra l’intensità del lavoro di Babbo Natale:


 Ora, come ha fatto Infodata per realizzare questa mappa? Il primo dato di cui c’era bisogno riguardava la popolazione tra 0 e 14 anni. Informazione disponibile nella datawarehouse della Banca Mondiale. Dopodiché, si trattava di capire quanti fossero di religione cristiana. In questo caso si è scelto, come ha fatto The Atlantic, di fare affidamento alla Cia. Niente di misterioso: il servizio segreto americano pubblica sul proprio sito la percentuale di diffusione delle diverse confessioni religiose in tutti i Paesi del mondo.

Calcolato il numero dei bimbi di religione cristiana, si è trattato di suddividerli per i fusi orari. Sicuramente un algoritmo potrebbe migliorarne il tragitto, ma per semplicità di calcolo si è scelto di dare a Babbo Natale un’ora per coprire tutte le case che si trovano nello stesso fuso orario. Le informazioni relative ai quali sono disponibili su Wikipedia. Per i Paesi che si estendono su più fusi orari, il numero di consegne è stato diviso per quello dei fusi. Un metodo non esattamente scientifico, ma confidiamo che i lettori possano concederlo.

Anche in questo caso, occorrono un paio di precisazioni. Per gli Usa sono stati considerati solo i quattro fusi orari continentali, trascurando Alaska ed Hawai, dove del resto vivono poco più di 2 dei 325 milioni di americani. Mentre la Cina è stata suddivisa nei cinque fusi orari, se si può dire così, geografici. Già, perché il governo di Pechino ha stabilito che in Cina esiste un’unica ora. Tutto questo detto, ecco come andrà la notte di Babbo Natale.

La serata partirà tranquilla, tra la Polinesia e l’estremo Oriente. Ma già arrivando su Australia, Nuova Zelanda e Filippine l’impegno inizierà a farsi gravoso. Qui i regali da consegnare sono 37 milioni. Seguiranno quattro ore più tranquille, prima che la slitta arrivi in Europa. Tra il Vecchio Continente e l’Africa, Santa Claus avrà quattro ore per consegnare regali a 320 milioni di bambini. Dei quali 120 vivono nel fuso orario italiano. Un paio d’ore per tirare il fiato sorvolando l’Atlantico, quindi di nuovo al lavoro per i piccoli americani. Qui la punta massima sarà sul fuso di New York, con poco meno di 60 milioni di pacchi da consegnare. Una passeggiata dopo i 120 milioni consegnati sul fuso di Roma.

Ovviamente, Babbo Natale potrà organizzare meglio il lavoro, sfruttando le ore con meno consegne da effettuare perché il fuso di riferimento copre soprattutto oceani o paesi con poche persone di religione cristiana. Ma i regali da consegnare sono pur sempre 590 milioni in un unico turno di notte. Si capisce, allora, perché poi Santa Claus abbia bisogno di 364 giorni di vacanza.

 Riccardo Saporiti - Il Sole 24 Ore

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta L'Europa e le ceneri di Angela

L'Europa e le ceneri di Angela

26/09/2021

Con Angela Azzaro

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Tutti gli statali in ufficio da metà ottobre. Ma lo smart working sopravvivrà
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Dell'Utri assolto al processo Stato-mafia. Assolti anche i carabinieri
  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta L'elogio del cinghiale

L'elogio del cinghiale

23/09/2021

Con Angela Azzaro

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per