Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Prima pagina

PRIMA PAGINA del 2 agosto 2018

Ascolta l'audio
con Gigi Riva

Una luce sulla strage di Bologna


Molti non lo sanno, ma la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto di trentotto anni fa è di nuovo in tribunale. Un processo in cui purtroppo si riproducono i vizi peggiori del dibattito politico, dominato com'è dalle spettacolari provocazioni dei tre condannati in via definitiva coinvolti in veste di testimoni, ma che invece - o forse proprio per questo - merita particolare attenzione. 
Con buona pace degli innocentisti che per decenni hanno sfruttato l'anniversario per rinfocolare “piste” alternative (l’ultima, incentrata sul terrorista tedesco Kram, legato al famigerato Carlos, è stata archiviata nel 2015), il terzo processo, cominciato il primo giorno di primavera del 2018 (le udienze riprenderanno a settembre, dopo la pausa estiva), si iscrive nel solco delle condanne per strage passate in giudicato agli ex Nar Mambro, Fioravanti e Ciavardini. La Corte d’Assise bolognese deve infatti stabilire se Gilberto Cavallini, già condannato con loro per banda armata, abbia agito come supporto logistico degli stragisti, fornendo ospitalità, auto e documenti falsi.
Sebbene la Corte stia resistendo ai tentativi di trasformare il dibattimento nell’ennesimo revival del depistaggio palestinese, non può impedire ai condannati-testimoni di dirottare l’attenzione dei media, mostrando all’osservatore distratto una tragica farsa. […].

Ma cosa c’è dietro questo polverone? 
Primo, gli eterni vizi dell’estrema destra: vittimismo e falsificazione della realtà. A parte un ristretto manipolo di collaboratori di giustizia, da decenni i neofascisti vecchi e nuovi negano strenuamente - a dispetto delle evidenze giudiziarie e storiche – ogni coinvolgimento nello stragismo e i legami con i servizi segreti. Si atteggiano a giustizieri, soldati in guerra, una minoranza vessata, coraggiosa, romanticamente solidale. […]
Secondo, le sceneggiate distolgono l’attenzione dai dati importanti e molto gravi che il processo sta portando alla luce. Gilberto Cavallini, 28enne all’epoca della strage, ha un profilo “alto”. Grazie al contributo fondamentale delle parti civili, in aula stanno affiorando i suoi legami con la galassia di Ordine Nuovo (cui sono attribuibili le principali stragi dal 1969 al ’74), a sua volta legata a doppio filo con i servizi. Altre tracce documentali – ricavate da precedenti inchieste – portano verso Gladio.
A dispetto delle ciance degli ex Nar sulla loro “purezza”, tutto questo rafforza il quadro delineato dalle condanne passate in giudicato al gran maestro della P2 Gelli, agli ufficiali del Sismi Musumeci e Belmonte e al faccendiere Pazienza […]. Quadro corroborato anche da quanto va emergendo dall’indagine della Procura Generale di Bologna, avviata grazie ad un dossier dell’Associazione dei famigliari delle vittime, il cui impegno continua nel segno del “familismo morale”, basato su ricerche incrociate negli archivi digitalizzati dei molti processi per strage già celebrati: movimenti di denaro dal tesoro svizzero di Gelli in prossimità della strage.

Comunque finisca, questo processo amplia il patrimonio di conoscenze circa il fitto reticolo che univa terroristi neri, criminalità comune, servizi e massonerie deviate, Un reticolo molto romanzato ma studiato troppo poco, e invece importantissimo – visto che le sue metastasi continuano a riproporsi. 

Benedetta Tobagi – la Repubblica
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta PRIMA PAGINA del 15 agosto 2018

PRIMA PAGINA del 15 agosto 2018

15/08/2018

con Lucia Conte

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 14 agosto 2018

Prima Pagina del 14 agosto 2018

14/08/2018

con Lucia Conte

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Prima Pagina del 13 agosto 2018

Prima Pagina del 13 agosto 2018

13/08/2018

con Lucia Conte

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta PRIMA PAGINA del 12 agosto 2018

PRIMA PAGINA del 12 agosto 2018

12/08/2018

con Massimiliano Panararai

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per