Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Pascal

213: I cavalieri che fecero l'impresa

Ascolta l'audio
Una famiglia di campagna e i primi movimenti per i diritti gay

Playlist puntata:

Under Pressure - The Queen, Bowie
This land is your land - Sharon Jones & the Dap-Kings
Freeway of love - Aretha Franklin
I will survive - Gloria Gaynor

Prima storia: I cavalieri che fecero l'impresa di Lara Rossa

Se sei veneto, la polenta fa parte della tua vita. Del di di festa in versioni soffici e cremose, o in dure fettine da arrostire col formaggio. In tutte le sagre, in tutte le case, la polenta è pietanza regina dei pranzi familiari. A casa mia, fu sempre la protagonista della tavola di domenica, quelle tavole di famiglia e di buono di formaggi fusi, di spezzatino e di pastin. E pazienza se mia mamma non la fa più con il paiolo dentro i cerchi della stufa, come mia nonna, ma in pratiche pentole di acciaio, la magia di casa e allegria è intatta, con quel fumante sole giallo in mezzo alla tavola. A casa mia, ogni volta che il tagliere fumante appare, papà comincia a raccontare di quando nella credenza vecchia, di là , non si prendevano sacchetti di farina, ma mestoli, da un vano ampio, anta e ribalta, che ne conteneva molti chili, perché si era in tanti, lì nel cortile, e si mangiava polenta e poco altro, e comunque tutto era frutto del lavoro di quelle grandi famiglie di agricoltori che oggi non se ne vedono più. C'era la parte per la farina bianca, quella per il pane, che si faceva una volta la settimana e veniva mantenuto morbido dentro i canovacci e quella per la farina gialla da polenta che si riempiva dopo aver raccolto e sgranato le pannocchie, usandone le foglie per i materassi, naturalmente. Nella credenza, quella fatta con il ciliegio abbattuto quel giorno. Va detto che la mia famiglia paterna è di antica stirpe contadina, e aveva molte bestie nella stalla, pollame e conigli nell'aia, campi e pascoli, lassù in Nevegal, il colle sopra Belluno quando era ancora un immenso prato erboso e non la foresta che è diventato. In cima al colle, in prossimità della casera presso il pascolo c'era un ciliegio, alto, frondoso e antico. Giusto giusto pensò mio nonno, per fare quella credenza di cui si aveva bisogno in cucina. Fu così che un mattino d'inverno partirono dalla stalla a fondovalle mio nonno, a dirigere la spedizione, un grande carro da fieno robusto e affidabile, quattro buoi da tiro giganteschi e docili, i miei zii, uomini giovani e vigorosi, Armido, Arduino e Massimo, il cane lupo Monte, sentinella e custode di bestie e bambini, e un piccoletto di pochi anni, mio padre, emozionato, e trepidante all'impresa.
Si cominciò presto con il segone, avanti e indietro, tira e spingi, e alla fine, a furia di fatica e bestemmie l'albero si arrese al suo destino, rovinando sul prato con un fragore memorabile. Ora non so se la scena dell'abbattimento fosse davvero cosi epica e assordante, posso immaginare che lo fosse agli occhi e alle orecchie di un bimbo meravigliato, ma comunque doveva essere una pianta di dimensioni ragguardevoli, e spettacolare mi piace immaginare il momento dello schianto. Si cominciò quindi con accetta e scure, via i rami accatastati con ordine per l'inverno, via la ramaglia legata in fascine buone per il forno o accendere il fuoco, via le foglie, messe da parte per le stalle. Il ciliegio, morente, dava ancora i suoi frutti. Gli uomini lavorarono di gran lena per molte ore, il bambino e il cane saltellavano intorno e portavano polenta e formaggio e vino rosso per pranzo. Poi, la gigantesca pianta si dovette issare sul carro. L'impresa fu eroica, tal da ricordarla perfettamente dopo oltre mezzo secolo: si spostarono sul fianco del carro i buoi che,abituati al giogo e alla voce del padrone, tirando le corde con le quali si era imbrigliato l'albero, lo fecero scorrere sulle stanghe fino e farlo rotolare sul fondo del carro, in perfetta stabilità sul prato sterrato. Il lavoro certosino di corde, sincronia e ritmo necessario per portare a termine il tutto erano compito dei miei zii, mio nonno comandava i suoi soldati, come un generale la sua armata, raccomandando al bambino di controllare che tutto fosse in ordine e si svolgesse come Dio comanda. Guarda bene, che così impari come si fa, disse mio nonno a mio padre. Eppoi via, giù per la Calmata, tra curve e ghiaia e polvere, fino ad arrivare giù, con i freni di faggio già quasi consumati.Par quasi di vederla, la compagnia dell'albero, piu'stanca di quando era partita all'alba, ma felice: un padre che reggeva le redini dei buoi, tre figli giovanotti, uno per lato del carro, un bambino e un cane. I cavalieri che fecero l'impresa.

Seconda storia: Vita e morte di Marsha P. Jonhson

"Marsha Jonhson, la veterana delle rivolte allo Stonewall e figura prominente fra i travestiti, è stata trovata morta in un fiume, vicino a Cristopher Street domenica mattina. Marsha, il cui vero nome era Malcolm Michales Jr., era stata vista viva giovedì. Per la polizia si è trattato di suicidio, ma la comunità lamenta una mancanza di prove e accusa la polizia di non aver indagato a fondo sulla morte della fondatrice del movimento gay. Tra una settimana si manifesterà in Cristopher Street. Marsha aveva 46 anni e lascia 4 fratelli e due sorelle. Tutti sentiranno la sua mancanza." Con questo servizio al telegiornale del luglio del 1992, inizia il documentario "death and life of Marsha P. Johnson", sulla vita e la morte di una delle fondatrici, dei movimenti Gay, dopo le proteste nel locale gay "stonewall Inn" del Greenwich village di New York del 1969.
Quella di stasera vi raccontiamo proprio la sua storia!

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta 215:- La bella estate

215:- La bella estate

06/07/2018

L'estate di una bambina nel 1980 e le estati sempre uguali

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 214: Immergersi nell'ignoto

214: Immergersi nell'ignoto

05/07/2018

Un avvistamento in mare e un'amicizia capace di sfidare anche la morte

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 213: I cavalieri che fecero l'impresa

213: I cavalieri che fecero l'impresa

04/07/2018

Una famiglia di campagna e i primi movimenti per i diritti gay

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta  212: Per il rotto della cuffia

212: Per il rotto della cuffia

03/07/2018

Uno strano incontro notturno e un velista alle prese con un naufragio nel Pacifico

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per