Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Gettoni di Letteratura

Michail Bulgakov 3 | Pronto? Sono Stalin

Michail  Bulgakov 3 | Pronto? Sono Stalin
Ascolta l'audio
Florinda Fiamma racconta la vita di Michail Bulgakov
È il 18 aprile del 1930 e in casa di Michail Bulgakov dopo pranzo squilla il telefono. «Pronto? Michail Afanas’evic Bulgakov?». «Sì, sì». «Adesso le parlerà il compagno Stalin». Lo scrittore pensa a uno scherzo e risponde infastidito: «Cosa? Stalin-Stalin?». «Salve, compagno Bulgakov, Le parla Stalin. Abbiamo ricevuto la sua lettera. L’abbiamo letta con i compagni. A tal proposito riceverà una risposta positiva... Ma è proprio vero che lei chiede di andarsene all’estero? Siamo stati così cattivi? Le siamo venuti tanto a noia?». Bulgakov esita, poi risponde: “Uno scrittore russo può vivere lontano dalla Russia? No, non credo”. «Ha ragione – gli risponde Stalin - Anch’io la penso così. Dov’è che vuole lavorare? Al Teatro d’Arte?». «Sì, volevo. Ne avevo parlato, ma ho ricevuto un rifiuto». «E lei invii loro una richiesta. Penso che accetteranno. Noi dovremmo incontrarla, parlare con lei». «Sì, sì, Iosif Vissarionovic, ho bisogno di parlare con lei». «Bisogna trovare il tempo e incontrarci, necessariamente. E ora le auguro ogni bene». Il "piccolo padre", cioè Stalin, chiama l'autore e drammaturgo che apprezza (pare sia stato visto almeno quindici volte in platea quando andava in scena il I giorni dei Turbin di Bulgakov) ma sostanzialmente gli vieta di espatriare. E inoltre, da quella famosa telefonata alla morte, lo scrittore non pubblica più una sola riga.
Quando avviene questa telefonata, il 18 aprile del 1930, è il giorno successivo ai funerali di Majakovskij a cui anche Bulgakov ha partecipato. Il suicidio del poeta della rivoluzione è stato molto emozionante ed è probabile che Stalin si decida a chiamare lo scrittore, per questo. Perché Bulgakov è ormai sgradito agli apparati del partito e Stalin, forse per non dare l’immagine di un regime che perseguita gli intellettuali, lo chiama. La lettera a cui Stalin accenna per telefono è quella che Bulgakov ha inviato tempo prima, la famosa  “Lettera al Governo dell’Urss” il 28 marzo, in cui denuncia l’accanimento della stampa sovietica nei suoi confronti. Chiede anche di poter lavorare in un teatro e, se anche questo è impossibile, chiede il permesso di espatriare. Dopo la telefonata, il 10 maggio, Bulgakov ottiene un posto come assistente regista al Teatro accademico dell’arte di Mosca, ma niente di più. I guai, per lui, sono cominciati qualche anno prima, nel 1925, a causa dell’uscita di Cuore di cane, giudicato una satira impubblicabile sull’uomo nuovo sovietico. La polizia politica perquisisce l’appartamento di Bulgakov, requisisce il suo diario e due copie dattiloscritte di Cuore di cane. E anche le sue opere teatrali, (come I giorni dei Turbin, L’appartamento di Zoja e L’isola purpurea) nonostante abbiano successo di pubblico, vengono ritirate. La commedia «La corsa», invece, giudicata da Stalin «un fenomeno antisovietico», non ottiene il nulla osta. Poi, in ottobre, insieme ad Anna Achmatova, Zamjatin e Pasternak, Bulgakov esce dall’Unione panrussa degli scrittori. Quell’anno, dirà in seguito, fu «l’anno del mio annientamento come scrittore». C’è un altro episodio sul suo isolamento: nel luglio del 1936, nel pieno delle grandi purghe staliniane, a una riunione con gli autori del Bol’soj, Bulgakov viene avvicinato da un giovane poeta che gli chiede se ha mai sentito parlare “di un certo Bulgakov… Ho letto un suo romanzetto, ma pare che la critica lo stronchi di continuo…’. Bulgakov insinua: “Mi sembra di ricordare che scrivesse anche per il teatro”… Già in vita quindi Bulgakov è ridotto a un fantasma. Nel frattempo le delazioni dilagano e strane persone si intrufolano con pretesti anche a casa sua, per frugare tra le sue cose. Lo stesso Bulgakov inizia a censurarsi, cerca di cancellare ogni traccia del primo testo a sua firma mai pubblicato. E comincia a bruciare alcuni suoi manoscritti, fra cui le prime redazioni del Maestro e Margherita.

Bibliografia 
Michail Bulgakov. Cronaca di una vita, di Marietta Cudakova (Odoya)

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Il primo Poirot

Il primo Poirot

07/10/2019

"Era un ometto dall'aspetto straordinario, alto meno di un metro e sessantacinque, con un portamento eretto e dignitoso. La testa era a forma di uovo, costantemente inclinata da un lato. Le labbra erano ornate da un paio di baffi grigi, alla militare. Il suo abbigliamento era inappuntabile. Penso che un granello di polvere gli avrebbe dato più fastidio di una ferita, eppure questo elegantone, che zoppicava leggermente, era stato ai suoi tempi uno dei funzionari migliori della polizia belga. Come investigatore, aveva un fiuto straordinario. Poteva vantare al suo attivo numerosi trionfi, era riuscito a risolvere casi davvero complicati".

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Agatha fa surf

Agatha fa surf

08/10/2019

C'è una foto che rivela che la scrittrice di gialli Agatha Christie fu una delle prime persone, in Gran Bretagna, a provare a surfare stando in piedi

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Sparita nel nulla

Sparita nel nulla

09/10/2019

È il 3 dicembre del 1926 quando Agatha litiga per l'ennesima volta con suo marito Archie. Era stato un matrimonio felice, ma lui col tempo si è innamorato della sua segretaria, quindi vuole lasciare la moglie e chiedere il divorzio.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Vita da archeologa

Vita da archeologa

10/10/2019

"L'edificio della spedizione, costruito in mattoni, si stende sul lato orientale di una collinetta e comprende una cucina, un soggiorno che diventa sala da pranzo, un piccolo ufficio, un laboratorio, un magazzino, una camera oscura. Noi dormiamo in tende. Sulla porta dell'edificio c'è un cartoncino su cui è stampato in caratteri cuneiformi 'Beit Agatha' ovvero la casa di Agatha".

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per