Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Pascal

162: Vita di coppie

Ascolta l'audio
Una coppia che si ritrova in una casa di riposo e una coppia che si credeva solida e invece non lo era

Playlist puntata:

That's that - Cass McCombs
Friday I'm in love - Yo La Tengo
Post break up sex - The Vaccines
Love will tear us apart - José Gonzalez

Prima Storia: Ester e Antonio di Laura Traversi

Siamo in Veneto e questa storia riguarda due persone anziane, marito e moglie, che entrano, a distanza di 4 mesi una dall'altro, nella casa di riposo dove io lavoro come Assistente Sociale. La struttura accoglie più di 200 persone ed è organizzata per "nuclei" ciascuno dei quali ospita non più di 30 persone. La Sig.ra Ester entra in casa di riposo in primavera: è una signora minuta, piccola e magra, e arriva in struttura perchè malata di demenza. E' sposata con il Sig. Antonio e la coppia non ha figli. Vivono in un piccolo paese di campagna, ma da diversi mesi ormai il marito di Ester non è più in grado di assisterla a casa. Ester non è in grado di badare a se stessa, le va ricordato di vestirsi e di lavarsi, bisogna prepararle da mangiare, non riconosce più il valore dei soldi, spesso si disorienta anche in casa. Il marito Antonio non è solo anziano: anche in lui la demenza comincia a farsi strada, anche se nel suo caso sono preservate molte più autonomie. L'assistenza organizzata a domicilio ad Ester non basta più: l'accoglienza in una struttura diventa una soluzione obbligata. Quando arriva da noi non fatica ad adattarsi: divide la camera con un'altra ospite, pian piano si ambienta agli spazi e prende confidenza con gli operatori; raramente chiede del marito Antonio, e noi tutti cominciamo a voler bene a questa piccola donna dagli occhi grandi, docile e tranquilla, ma persa nel suo mondo. Nessuno di noi conosce altro di lei: non ha figli che abbiano potuto raccontarci la sua storia di vita, il marito è anch'egli persona non autosufficiente e lei stessa non è in grado di esprimere dei pensieri strutturati e quindi in grado di raccontarci di se, se non per brevi flash spesso senza un filo logico. Passano così 4 mesi, fino a quando ci comunicano che anche per il Sig. Antonio c'è la possibilità di un ingresso in struttura e questa struttura siamo noi: abbiamo alcuni posti letto liberi e accordiamo l'ingresso. Facciamo di più: ci organizziamo in modo tale che il Sig. Antonio possa essere accolto al nucleo Gelsomino, quello di Ester. Riusciamo a liberare un posto letto e soprattutto, cosa vista assai poco nella mia esperienza di lavoro, nella camera di Ester! Per la prima volta dopo anni, il nucleo Gelsomino vede nascere una camera mista - uomo/donna - che consentirà alla coppia di tornare a condividere un percorso di vita insieme.
Ma il bello di questa storia viene adesso e riguarda ciò a cui ho assistito la mattina in cui Antonio arriva in struttura con le sue valigie, accompagnato dalla sua Assistente Sociale. Scende dalla macchina un uomo alto quasi 1 metro e 90, robusto, ben piantato sui piedi e con le spalle larghe; ha un'aria confusa, a tratti contrariata, ma è stato in grado di capire che qui si trova la sua Ester, che lo sta aspettando. In realtà non è così: ad Ester è stato detto dell'arrivo di Antonio, ma l'informazione non l'ha trattenuta, le è scivolata via tra le tante cose che si affacciano alla sua memoria interrotta. Ester c'è, ma non lo sta aspettando. Cammina come suo solito nelle prime ore della mattinata, lungo il corridoio, in un andirivieni consolatorio in cui lei trova un po' di pace e un suo ordine... Quando saliamo ed entriamo nel nucleo, il Sig. Antonio è al mio fianco: gli do il benvenuto e lui mi ascolta, senza guardarmi.
Davanti a noi il lungo corridoio da attraversare, alcuni operatori affaccendati con il carrello della biancheria, una infermiera da metà corridoio ci vede e ci viene lentamente incontro: ci aspettava. E dietro di lei, con l'aria assorta, viene in qua anche un'altra figura, camminando radente il muro e appoggiata con leggerezza al corrimano, lo sguardo basso, un passo dopo l'altro. Io vedo che è Ester e guardo Antonio; guardo lui perchè voglio vedere se lui la vede; guardo Ester che si avvicina e mi dico "alzerai gli occhi? vedrai quest'uomo e lo riconoscerai?". Lo spazio tra loro si accorcia: arriva prima l'infermiera, che stringe la mano ad Antonio che ricambia, dall'alto della sua statura. Ma ecco che succede... lui la vede... lui la riconosce... Rimane fermo e lo sguardo segue la sua donna, e la aspetta. Sono io che mi allontano un poco da lui e raggiungo lei, e la saluto, attirando la sua attenzione e i suoi occhi, che si staccano dal pavimento e guardano verso di me, poi verso il nuovo ospite. Si fermano su di lui, mentre io la prendo sotto braccio e la porto con me verso il marito. Lei mi segue e continua a guardarlo: vieni Ester, guarda chi è arrivato... le dico io nell'incertezza di ciò che può succedere... Lei si fa condurre, è sempre così docile, e ormai siamo a due passi da lui: lei ha i suoi occhi nei suoi, lui sta già sorridendo... Parla Ester e dice tenendogli gli occhi addosso "Sito ti me marìo?" (sei tu mio marito?). Lui allunga il suo braccio e la sua mano, e la tocca, avvicinandola a sè e a me sembra che il mondo per un istante si ricomponga.

Seconda storia: A super strange true love story - my disappearing fiancè – narratively di Annalisa Merelli

«Quando vidi mia sorella all'aeroporto, senza dire una parola, piansi. Mi dispiaceva di essermi fidata di lui, di averlo seguito, di averlo portato a casa. Mi dispiaceva di essere così affranta. Mi dispiaceva non solo che avesse mentito a me, ma anche alla mia famiglia, e mi dispiaceva per l'imbarazzo di un matrimonio da cancellare. 
Quando finalmente trovai la forza, tornai a Delhi, lasciando la mia famiglia preoccupata per me. Ero a pezzi, ma decisa a salvare il salvabile: un lavoro che amavo in un paese che mi avrebbe salvato la vita. In tutto questo, e nonostante il mio io razionale, lo amavo ancora follemente. Ho fatto l'unica cosa che potevo: ho messo un giorno davanti all'altro, aspettando che il mio amore sparisse. Adottai un esercizio quotidiano di astinenza: dal chiamarlo, volerlo, amarlo. Prima che me ne accorgessi, era passato un mese, poi due, poi un'intera estate. Per un po' sono rimasta schiacciata da questa storia. Ero ossessionata dalle sue bugie. Poi, mammano che ho fatto chiarezza il dolore ha lasciato il posto al sollievo.».
Stasera vi raccontiamo la storia di Annalisa Merelli, dopo averla letta su Narratively in un articolo che si intitola "A Super Strange True Love Story: My Disappearing Fiancé". 
Annalisa Merelli è nata a Bergamo e ora vive a New York, dove lavora come giornalista a Quartz. È stata caporedattrice Arte, Cultura e Lifestyle del portale The India Tube, e ha lavorato per Narratively, Global Voices, Timbuktu, Motherland e Fabrica. 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta PASCAL

PASCAL

14/12/2018

Con Matteo Caccia Regia di Luca Micheli A cura di Giulia Laura Ferrari

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 068: Avere salva la vita

068: Avere salva la vita

12/12/2018

Un atterraggio in un campo e un medico in prima linea

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 067 Rotta a est

067 Rotta a est

11/12/2018

Un viaggio da Livorno a Kabul e cos'era un viaggio in treno il secolo scorso in Unione Sovietica

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta  066: Cambiare in corsa

066: Cambiare in corsa

10/12/2018

Un'allenatrice di una squadra di atletica e un'ereditiera californiana

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per