Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Gettoni

Jane Austen | L'incantatrice di bambini

Ascolta l'audio
Era la prediletta di tutti i bambini. Sulla natura giocosa e divertente di Jane Austen Nabòkov ha scritto: "Un suo romanzo è il lavoro di una donna matura e, insieme, il gioco di una bimba".

Florinda Fiamma racconta la vita di Jane Austen

"Quando ero molto piccola, stavo sempre attaccata a zia Jane, e la seguivo ovunque fosse possibile, in casa e fuori. Il suo fascino principale nei confronti dei bambini era dovuto alla grande dolcezza dei modi. Si vedeva che ti amava, e tu naturalmente in cambio la amavi. E presto giunse la gioia della sua voce giocosa. Faceva di tutto per divertire un bambino. A quei tempi, mentre mi facevo più grande, ci raccontava le storie più deliziose, principalmente del regno delle fate, e le sue fate avevano tutte le caratteristiche che le contraddistinguono. Le storie erano, ne sono certa, inventate al momento, e andavano avanti per due o tre giorni, se l'occasione lo permetteva". Questa è Jane Austen, come la ricorda una delle sue nipoti. Un’altra racconta che Jane apriva il suo guardaroba alle nipoti che potevano prendere quello che volevano, e recitava la parte di una divertente ospite di una casa immaginaria. Era la prediletta di tutti i bambini. Sulla natura giocosa e divertente di Jane Austen Nabòkov ha scritto: “Un suo romanzo è il lavoro di una donna matura e, insieme, il gioco di una bimba”. Lo dice di Mansfield Park che la Austen ha iniziato nel 1811 e che viene pubblicato nel 1814, quando sta già scrivendo Emma, il suo quarto romanzo, in cui segue il consiglio che lei stessa ha suggerito a sua nipote, che ha anche lei ambizioni letterarie: “Tre o quattro famiglie in un paesino di campagna sono il materiale giusto su cui lavorare”. Guarda con ironia e distacco la provincia inglese che diventa un palcoscenico all’interno del quale far muovere i suoi personaggi, descrivendo in una frase il micromondo che anima i romanzi di Jane Austen. In Emma la protagonista non vorrebbe sposarsi e preferirebbe combinare le nozze altrui (anche se poi cambierà opinione) e spiega: “È soltanto la miseria a rendere il celibato spregevole. Una donna sola, con una rendita limitatissima, dev’essere una vecchia zitella ridicola, mentre una signora facoltosa è sempre rispettabile. La mia è una mente attiva, affaccendata, con molte risorse indipendenti. E non vedo perché dovrei trovarmi con le mani in mano a quaranta o cinquant’anni più che a venti”. Con Emma cambia editore e passa al prestigioso John Murray, che peraltro le paga un cachet migliore.

Il frontespizio sempre anonimo di Emma reca una dedica altisonante: a sua altezza reale il principe reggente. Un onore che le viene suggerito dal bibliotecario del futuro re Giorgio IV – che è un suo ammiratore. Dopo l’uscita del libro la scrittrice riceve i ringraziamenti in cui riceve un’esortazione quasi comica: si dedichi o a raccontare la storia di un curato di campagna o al romanzo storico, forse ritenuto più serio delle storie sentimentali. Jane, garbata e divertita, rifiuterà fermamente. ma le viene in mente di scrivere un parodico e ironico testo: “Progetto per un romanzo secondo i consigli ricevuti a destra e manca”. 

 

Da leggere, per approfondire

Niente donne perfette, per favore di Jane Austen, (L’Orma Editore)

Jane Austen di Virginia Woolf (Elliott)

Ricordo di Jane Austen di James Edward Austen-Leigh, a cura di  Giuseppe Ierolli (Elliot)

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta 5 - Simone De Beauvoir - Tacchi bassi e cognac

5 - Simone De Beauvoir - Tacchi bassi e cognac

30/04/2018

"Volevo farmi esistere per gli altri comunicandogli nel modo più diretto il sapore della mia vita: vi sono abbastanza riuscita. Ho dei solidi nemici, ma mi sono anche fatta tra i miei lettori molti amici. Non desideravo altro"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 4 - Simone De Beauvoir - Il secondo sesso

4 - Simone De Beauvoir - Il secondo sesso

"Essere donna non è un dato naturale, ma il risultato di una storia. Non c'è un destino biologico e psicologico che definisce la donna in quanto tale. Tale destino è la conseguenza della storia della civiltà, e per ogni donna la storia della sua vita"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 3 - Simone De Beauvoir -  Una foto con il Che

3 - Simone De Beauvoir - Una foto con il Che

"V'è un paese, che per un certo tempo ha rappresentato per noi la speranza del socialismo: Cuba. Ben presto, ha cessato di essere una terra di libertà"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 2 - Simone De Beauvoir - Il castoro

2 - Simone De Beauvoir - Il castoro

Simone de Beauvoir in alcune interviste confida il suo primo incontro con Jean Paul Sartre e il nomignolo con cui la chiama, castoro, un piccolo animale laborioso ed energico, come lei

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per