Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Gettoni

Jane Austen | Chi è la Lady misteriosa

Ascolta l'audio
Di Jane Austen resta solo un ritratto, uno schizzo, quello che le ha fatto a matita sua sorella Cassandra. Indossa sempre una cuffia, di mattina e di sera. Un vezzo che andava di moda nei primi anni dell'800, ma non per le giovani donne come lei

Florinda Fiamma racconta la vita di Jane Austen

È una donna attraente, alta e snella, con il passo leggero e fermo, è una donna vivace, vitale. Ha guance piene, bocca e naso piccoli e ben fatti, occhi brillanti color nocciola, e capelli castani che formano ricci naturali intorno al volto. Non è di bellezza regolare, ma il suo volto ha un fascino particolare agli occhi di quasi tutti quelli che la conoscono. Di Jane Austen resta solo un ritratto, uno schizzo, quello che le ha fatto a matita sua sorella Cassandra. Indossa sempre una cuffia, di mattina e di sera. Un vezzo che andava di moda nei primi anni dell’800, ma non per le giovani donne come lei, Jane e sua sorella scelgono uno stile da mezza età prima di averla raggiunta, come ricorda suo nipote, che le farà da biografo.

Jane Austen nasce il 16 dicembre del 1775 a Steventon, un villaggio dell’Hampshire, nel sud dell’Inghilterra. Suo padre è il rettore del villaggio, sono benestanti anche se non hanno nobili natali. Jane studia nella biblioteca paterna, dove ci sono oltre 500 volumi, saggi, poesie romanzi. E si appassiona soprattutto alla letteratura gotica e a quella sentimentale. Anche se Jane dice di se stessa: “Sono la femmina più ignorante che abbia mai osato scrivere”. Jane ama la musica, e ha una bella voce, sia quando parla o legge ad alta voce sia quando canta; in gioventù aveva preso qualche lezione di pianoforte, e si esercitava ogni giorno, soprattutto prima di colazione, per non disturbare gli altri familiari. Di sera talvolta cantava, accompagnandosi da sola, qualche semplice vecchia canzone. Legge il francese con facilità, e conosce un po' di italiano 

Nel 1795 lavora su un lungo romanzo epistolare Elinor e Marianne, lo legge ad alta voce in famiglia durante l’autunno, per sentire l’effetto che fa. E quasi contemporaneamente inizia First Impression, che diventerà Orgoglio e Pregiudizio, e lo scrive in pochi mesi. Nel frattempo riscrive Elinor e Marianne nel 1797 che perde la forma epistolare e cambia il titolo: diventa Ragione e sentimento. In quattro anni, a soli 25 anni, scrive i romanzi che le cambieranno la vita e che le daranno fama imperitura. Ragione e sentimento è il suo esordio letterario, e viene pubblicato da Thomas Egerton a firma di una anonima Lady. Vende mille copie in un anno e Jane guadagna 140 sterline, il primo “stipendio” della sua vita. La curiosità su di lei cresce e il romanzo successivo, Mansfield Park, e dei suoi libri si comincia a parlare anche all’estero tanto che Madame de Stael vuole incontrarla. E mentre Londra acclama la misteriosa Lady, l’editore le chiede un altro romanzo, così vende anche Orgoglio e pregiudizio. Anche questo firmato dalla misteriosa Lady, l’autrice di Ragione e sentimento.

 

Da leggere, per approfondire

Niente donne perfette, per favore di Jane Austen, (L’Orma Editore)

Jane Austen di Virginia Woolf (Elliott)

Ricordo di Jane Austen di James Edward Austen-Leigh, a cura di  Giuseppe Ierolli (Elliot)

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Una ragazza perbene

Una ragazza perbene

30/04/2018

"Da bambina, da adolescente, la lettura era non soltanto il mio divertimento favorito, ma la chiave che mi apriva il mondo. Mi annunciava il mio avvenire: identificandomi alle eroine dei romanzi, presentivo attraverso di loro il mio destino. Nei momenti ingrati della mia giovinezza, la lettura mi salvò dalla solitudine"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 2 - Simone De Beauvoir - Il castoro

2 - Simone De Beauvoir - Il castoro

Simone de Beauvoir in alcune interviste confida il suo primo incontro con Jean Paul Sartre e il nomignolo con cui la chiama, castoro, un piccolo animale laborioso ed energico, come lei

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 3 - Simone De Beauvoir -  Una foto con il Che

3 - Simone De Beauvoir - Una foto con il Che

"V'è un paese, che per un certo tempo ha rappresentato per noi la speranza del socialismo: Cuba. Ben presto, ha cessato di essere una terra di libertà"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta 4 - Simone De Beauvoir - Il secondo sesso

4 - Simone De Beauvoir - Il secondo sesso

"Essere donna non è un dato naturale, ma il risultato di una storia. Non c'è un destino biologico e psicologico che definisce la donna in quanto tale. Tale destino è la conseguenza della storia della civiltà, e per ogni donna la storia della sua vita"

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per