Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Le meraviglie

Sorgenti del Livenza a Polcenigo raccontate da Gian Mario Villalta

Sorgenti del Livenza a Polcenigo raccontate da Gian Mario Villalta
Ascolta l'audio
Leggendo le parole del geografo Giovanni Marinelli,  Gian Mario Villalta poeta, scrittore e direttore artistico di Pordenonelegge apre la puntata sulle sorgenti del Livenza presso il borgo di Polcenigo. Partiamo dalla sorgente del Gorgazzo, una grotta dalla quale nasce un ramo del fiume Livenza. La grotta è stata esplorata fino a 200 metri di profondità e si sviluppa per centinaia di chilometri. Il colore dell'acqua è unico e si muove tra l'azzurro e il blu intenso. Il granulato calcare delle rocce, le numerose piante che circondano dall'alto questo anfiteatro naturale, la stessa assoluta purezza dell'acqua creano una dinamica cromatica difficilissima da rappresentare o riprodurre. Gian Mario Villalta ci ricorda tuttavia il quadro di un pittore Luigi Nono (Omonimo del noto musicista), che ha in qualche modo colto il Genius Loci. Camminiamo poi per Polcenigo un Borgo affascinante e ricco di storia.

Leggendo le parole del geografo Giovanni Marinelli,  Gian Mario Villalta poeta, scrittore e direttore artistico di Pordenonelegge apre la puntata sulle sorgenti del Livenza presso il borgo di Polcenigo.

Partiamo dalla sorgente del Gorgazzo, una grotta dalla quale nasce un ramo del fiume Livenza.

La grotta è stata esplorata fino a 200 metri di profondità e si sviluppa per centinaia di chilometri. Il colore dell’acqua è unico e si muove tra l’azzurro e il blu intenso.
Il granulato calcare delle rocce, le numerose piante che circondano dall’alto questo anfiteatro naturale, la stessa assoluta purezza dell’acqua creano una dinamica cromatica difficilissima da rappresentare o riprodurre.

Gian Mario Villalta ci ricorda tuttavia il quadro di un pittore Luigi Nono (Omonimo del noto musicista), che ha in qualche modo colto il Genius Loci.

Camminiamo poi per Polcenigo un Borgo affascinante e ricco di storia.

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta Villa della Torre in Valpolicella raccontata da Guido Beltramini

Villa della Torre in Valpolicella raccontata da Guido Beltramini

31/07/2021

Villa della Torre in Valpolicella è un crocevia di storie che ruotano tra Verona, Mantova, Venezia: un luogo vissuto dal genio di Giulio Romano e intriso di ideali petrarcheschi. Tra i vigneti di Fumane viene pensata una residenza rinascimentale che comunica con il mito della romanità ma che allo stesso tempo si configura come una "macchina per osservare il paesaggio". Ad accompagnarci tra i dedali di questo favoloso e talvolta indecifrabile palinsesto architettonico è Guido Beltramini storico dell'arte e direttore del Palladio Museum. Un luogo dunque di massimo interesse già cantato alla fine del cinquecento dalla poetessa veneziana Veronica Franco nella sua "In Lode di Fumane" "Non cede l'arte a la natura il vanto ne l'artificio del giardin, ornato d'alberi colti e sempre verde manto; sovra 'I qual porge, alquanto rilevato, d'architettura un bel palagio tale, qual fu di quel del Sol già poetato: infinito tesor ben questo vale per l'edificio proprio, e gli ornamenti, che 'n ricchezza e in beltà non hanno eguale. I fini marmi e i porfidi lucenti, cornici, archi, colonne, intagli e fregi, figure, prospettive, ori ed argenti quivi son di tal sorte e di tai pregi, ch'a tal grado non giungono i palagi, che fér gli antichi imperadori e regi."

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Ostuni. La città bianca raccontata da Vito Bianchi

Ostuni. La città bianca raccontata da Vito Bianchi

24/07/2021

Con Vito Bianchi siamo in Puglia e scopriamo Ostuni, la città bianca: risaliamo da Piazza della Libertà, passando per i vicoli del borgo antico tra chiesette e palazzi nobiliari, fino ad arrivare in cima nella piazza dove sorge la Cattedrale con il suo splendido rosone. Durante la passeggiata ripercorriamo la storia di questo luogo meraviglioso dal neolitico ai giorni nostri. Vito Bianchi, scrittore e archeologo, insegna dal 2001 all'Università di Bari. Protagonista delle "Lezioni di Storia" nei principali teatri italiani, è autore di numerosi libri, tradotti in varie lingue. Fra i suoi titoli, "Gengis Khan. Il principe dei nomadi", "Marco Polo. Storia del mercante che capì la Cina", "Castelli sul mare", "Otranto 1480. Il sultano, la strage, la conquista", "Dracula. Una storia vera", "Gengis Khan e Marco Polo", "L'Atlante Parigino. Fortificazioni del Cinquecento alle frontiere della cristianità", "Viaggio tra i misteri. Culti orientali e riti segreti lungo l'antica via Traiana", "Sud e Islam. Una storia reciproca".

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Parco Nazionale del Vesuvio raccontato da Stefano Donati

Parco Nazionale del Vesuvio raccontato da Stefano Donati

10/07/2021

Con Stefano Donati entriamo nel Parco Nazionale del Vesuvio e saliamo per il sentiero che, tra cespugli di ginestre e di valeriana, conduce alla vetta del vulcano più famoso del mondo, silente dal 1944. Percorriamo insieme un territorio di straordinaria bellezza, un vero e proprio ecosistema di biodiversità, dove natura, storia, geologia e agricoltura si sono misurate per secoli con la forza distruttrice e, allo stesso tempo, creatrice del vulcano. Donati ci racconta la sfida del Parco - nato 25 anni fa per tutelare e valorizzare questo spazio unico (oltre 8.000 ettari) e trasformarlo in un laboratorio a cielo aperto di pratiche e nuovi modelli di sostenibilità. Stefano Donati (Roma, 1968) Geologo, dal 2018 è direttore dell'Ente Parco Nazionale del Vesuvio. È stato per 8 anni direttore dell'Area Marina Protetta Isole Egadi, la più grande riserva marina del Mediterraneo. Dal 1999 al 2012 ha lavorato presso il Ministero dell'ambiente, occupandosi di aree protette. Dottore di ricerca in geodinamica, è autore di oltre 90 pubblicazioni sui temi dell'ambiente, delle aree protette e delle problematiche geologiche.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Castello della Manta raccontato da Carlo Pestelli

Castello della Manta raccontato da Carlo Pestelli

10/07/2021

Con Carlo Pestelli scopriamo nel cuneese il Castello della Manta, uno splendido maniero medievale acquistato e restaurato nel XV secolo dai Marchesi dei Saluzzo e all'interno decorato da artisti raffinati chiamati a corte dal colto Valerano. Una vera meraviglia è la sala baronale con gli affreschi ispirati dal romanzo cortese Chevalier Errant, con il ciclo dei Nove Eroi e delle Nove eroine e con la scena della Fonte della Giovinezza. Dal 1984, il Castello è di proprietà del FAI. Carlo Pestelli vive e lavora a Torino dove si occupa di musica e di insegnamento. Negli anni 2001 e 2002 è direttore artistico della rassegna Chansonnier patrocinata dalla Provincia di Torino. All'intensa attività concertistica ha affiancato gli studi in lettere moderne sotto la guida di Gian Luigi Beccaria, approfondendo in particolare lo studio linguistico di Tommaso Landolfi . Nel 2009 presenta il suo lavoro discografico: Un'ora d'aria (ed. block nota). Del 2013 il successivo Da quando conosco te che vince il premio Giacosa nel 2014. Negli ultimi anni ha tenuto una rubrica fissa per il settimanale TorinoSette, ha firmato traduzioni dallo spagnolo e dal francese, ha collaborato a Radio3 e ha scritto due testi per il teatro Stabile di Torino: Note d'un centromediano metodista, liberamente tratto da Il fuorigioco mi sta antipatico di Luciano Bianciardi, e Ma la va diretta al Piave, riflessione corale a metà tra prosa e canzoni sull'avventurosa partecipazione d'un piemontese d'Argentina alla grande guerra. Ideatore della rassegna concertistica MusiCogne, di cui è direttore artistico dalla prima edizione del 2016, ha scritto un libro sulla storia della canzone Bella ciao (add editore). Nel 2018, a quattro mani con Andrea Debenedetti ha scritto La lingua feliz, libro descrittivo della lingua spagnola. Il suo ultimo disco è: Aperto per ferie. Recital per voce e chitarra, uscito nel 2020.

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per