Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Pezzi da 90

Pezzi da 90 - La Hit Parade di Lelio Luttazzi

Pezzi da 90 - La Hit Parade di Lelio Luttazzi
Ascolta l'audio
La Hit Parade di Lelio Luttazzi
di Angela Zamparelli 
 
Lelio Luttazzi era un raffinato musicista jazz, pianista, direttore d’orchestra  che aveva scritto la storia della musica e dello spettacolo nell'Italia del dopoguerra  (dai primi successi di Mina come Una Zebra a pois, alle colonne sonore per i film di Totò)  con incursioni nel mondo della musica leggera anche come interprete.
Aveva poi esportato il suo stile autoironico nelle trasmissioni televisive del sabato sera, nelle storiche edizioni di Studio Uno, e con la sua Hit Parade tornava in scena, contribuendo in modo determinante a rivoluzionare la radio di fine anni sessanta (tre anni dopo sarebbe poi arrivato Alto Gradimento di Arbore e Boncompagni). 
Ma il suo nome rimane legato al programma destinato a diventare un mito: la Hit Parade di Lelio Luttazzi, in onda per la prima volta sulle frequenze di Radio2 il 6 gennaio del 1967, un venerdì, dagli Studi di Via Asiago.
La sua formula, già ben collaudata, arrivava dagli Stati Uniti: si trattava di stabilire in base a particolari sondaggi una classifica dei dischi più venduti e di proporli al pubblico. A questo poi Luttazzi aggiungeva molto di suo: un'ironia e uno stile inimitabile di conduttore atipico, elegante e distaccato che introduceva i dischi con testi buffi, surreali, che spesso poco avevano a che fare con la musica. 
A Lelio Luttazzi vogliamo rendere omaggio con questa puntata in cui lo possiamo riascoltare nei suoi funambolici interventi al microfono della Hit Parade ed anche in una delle rare interviste, concessa molti anni dopo a Piero Chiambretti, in cui raccontava, ancora una volta con autoironia graffiante, come nascevano i suoi testi e il suo modo di condurre il programma e in cui ribadiva la sua atipicità di conduttore paradossale, tra amore per la musica e disincanto fino a confessare  che ''della musica leggera non gliene importava niente...'' 
Da quel mitico 6 gennaio 1967 la Hit Parade iniziò un lungo cammino che continua ancora oggi. Da allora la formula di Hit Parade fu ripresa più volte,  in modi diversi, a volte più classici, talvolta sperimentali, e oggi, 50 anni dopo, Radio2 la ricorda ogni settimana con un doppio, imperdibile appuntamento: la Hit Story condotta da Tiberio Timperi e dall' enciclopedico Dario Salvatori che ci propongono, in un doppio incontro settimanale, al sabato e alla domenica, le classifiche storiche e le mitiche canzoni che hanno accompagnato la nostra vita.
 
Musica
Sigla di Hit Parade, Radio2, 1967
Sigla di Hit Story con Tiberio Timperi e Dario Salvatori Radio2, 2016

Documenti sonori
Lelio Luttazi presenta Hit Parade, Radio2, 1976
Tiberio Timperi e Dario Salvatori presentano Hit Story. Radio2, 2016
Lelio Luttazzi intervistato da Piero Chiambretti , La Hit Parade di Lelio Luttazzi, ma lui non lo sa, Radio2, 1993  
 

Lelio Luttazzi in HIT PARADE (dal Radiocorriere del 6 gennaio 1967) 
 
"In America la trasmissione con questo titolo è uno dei maggiori successi della radio. Qualcosa di più anzi: è una specie di breviario degli appassionati di musica leggera. Decine di milioni di persone, giovani soprattutto, la seguono costantemente e sarà sempre così, dicono gli esperti, fino a quando si scriveranno canzoni e si pubblicheranno dischi. Perché Hit Parade, in base a particolari sondaggi, stabilisce una certa classifica dei successi discografici. Si potrebbe dire un disc-jockey come tanti. Invece è qualcosa di più importante. Un disc-jockey si limita a presentare le novità, a sottolinearne appena appena le caratteristiche. Qui si fa invece una vera e propria classifica, suggerita, in sostanza dai giudizi di un campione di spettatori. Adesso Hit Parade arriva in Italia. Intendiamoci, l'idea soltanto: si prenderanno in considerazione ovviamente le canzoni italiane e i giudizi saranno quelli del nostro pubblico: Italiano anche il presentatore, l'animatore il tuttofare della trasmissione. Un personaggio di eccezione: Lelio Luttazzi ritorna alla radio dopo tanti anni e dopo una catena di meritati successi alla tv,  ed è chiaro che il ruolo gli calza a pennello, essendo Luttazzi  - egli stesso lo sostiene in più di un'occasione - prima di tutto un musicista appassionato di canzoni di musica leggera.
Auguriamo che anche la Hit Parade nostrana ripeta il successo della sua matrice americana. Del resto ci sono buone ragioni per sperarlo: il numero dei nostri appassionati della canzonetta è in continuo aumento: E sono appassionati che si appassionano sempre più intensamente. Vediamo ora come andranno le cose: attraverso l'elaborazione dei dati raccolti con particolari sondaggi sarà completata la classifica delle 8 canzoni che hanno ottenuto maggiore successo in Italia. Tale graduatoria sarà aggiornata di settimana in settimana sempre in base al rilevamento statistico appositamente predisposto per la Rai. 
Lelio Luttazzi presenterà dunque al venerdì' gli otto motivi più  graditi del nostro paese mentre, alle ore 12.15 di ogni domenica, sempre sul Secondo Programma, replicherà in una speciale Vetrina di Hit Parade le quattro canzoni che occuperanno i primi quattro posti in vetta alla classifica."
 

Ultime Puntate e Podcast

Ascolta  Luca Marinelli, il corpo multiforme di un attore

Luca Marinelli, il corpo multiforme di un attore

21/10/2021

Luca Marinelli, attore di straordinario talento, sognava da bambino di fare l'archeologo stile Indiana Jones. Presto lo vedremo sul grande schermo nei panni di Diabolik

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Tim Burton, C'era un ragazzo che amava le storie horror

Tim Burton, C'era un ragazzo che amava le storie horror

18/10/2021

Alla Festa del Cinema di Roma 2021 premio alla carriera a Tim Burton, uno dei registi più visionari della storia del cinema

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta Uma, musa vendicatrice di Quentin Tarantino

Uma, musa vendicatrice di Quentin Tarantino

14/10/2021

Uma Thurman in "Kill Bill", immagine di donna forte e coraggiosa scelta per il manifesto della Festa del Cinema di Roma 2021

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni
Ascolta  Blade runner, lacrime nella pioggia di un replicante morente

Blade runner, lacrime nella pioggia di un replicante morente

13/10/2021

Il 14 ottobre 1982 arrivava sugli schermi italiani "Blade runner", il film di Ridley Scott in cui convivevano fantascienza e noir . Capolavoro assoluto !

  • Ascolta
  • Podcast
  • Opzioni

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per