Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

No Women No Panel - Senza donne non se ne parla

Segui

No Women No Panel - Rassegna stampa

 

 

RECOVERY. GENTILONI: SU PARITÀ DI GENERE MI ASPETTO ACCELERAZIONE, NON MIRACOLI (DIRE) Roma, 23 mar. - Sulla parita' di genere, che secondo l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere, mantenendo il ritmo attuale, sara' raggiunta tra 60 anni, "non mi aspetto miracoli dal Recovery, ma mi aspetto un'accelerazione, lo scrutinio sara' scrupoloso". Lo ha detto il Commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni intervenendo al webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No woman no panel'-senza donne non se ne parla'.    "Capisco la proiezione dal punto di vista matematico, ma sono molto piu' ottimista, anche vedendo che in tutte le professioni alle quali si accede ai vertici attraverso meccanismi concorsuali abbiamo una presenza di donne incredibile- osserva il commissario- Io ho fatto il presidente del Consiglio e, come sapete, all'inizio del Consiglio dei Ministri si nominano prefetti. Devo dire che la maggior parte delle persone che nominavamo al ruolo di prefetto erano donne. Quindi io sono fiducioso del fatto che Next Generation Eu accelerera' questo processo, anche senza miracoli che forse non arriveranno", conclude.   (Ara/ Dire) 14:33 23-03-21  NNNN

 

IMPRESE. GENTILONI: DIRETTIVA UE TRASPARENZA GENDER PAY GAP STIMOLO A FARE MEGLIO BENE TITOLI PIANI NEXT GENERATION UE SU PARITa' DI GENERE, ORA PASSARE A PROGETTI  (DIRE) Roma, 23 mar. - "Abbiamo fatto molti passi avanti, ma il problema della disparita' salariale tra uomini e donne e' ancora molto forte. In Europa e' al 14%, al 33% per le pensioni. L'ultima cosa che ha fatto la Commissione, che se ne e' occupata spesso, e' stata una direttiva approvata proprio tre settimane fa. Quando sara' approvata definitivamente obblighera' le imprese a rendere trasparenti i rapporti di stipendio tra maschi e femmine e di giustificare eventuali differenze. Penso che questo obbligo di trasparenza sara' un fortissimo stimolo per le aziende a fare meglio e naturalmente per le donne e le organizzazioni sindacali a muoversi dove non si fanno passi in avanti in questa direzione". Lo dice il Commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni nel corso del webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No woman no panel'-senza donne non se ne parla'.    "La trasparenza credo sia una delle cose fondamentali che noi possiamo fare con i poteri della Commissione europea- osserva Gentiloni- È incoraggiante che in Italia e in Spagna, i Paesi che in termini assoluti prendono piu' soldi da Next Generation Eu, la questione della parita' di genere sia nei titoli, che sono buoni in molti Paesi. Ora bisogna passare da questa indicazione prioritaria ai singoli progetti. Io penso che il Mef, che ha avuto questo incarico di centralizzazione di recente, senz'altro lavorera' per la qualita' dei diversi piani e mi auguro che lo fara' anche in tempi piuttosto stretti", conclude.   (Ara/ Dire) 14:24 23-03-21  NNNN

 

RECOVERY. GENTILONI: VERIFICHERÒ CHE PARITÀ DI GENERE SIA VINCOLANTE IN PIANI L'85% DELLE TASK FORCE CHE SI OCCUPANO DELLA PANDEMIA SONO GUIDATE DA UOMINI  (DIRE) Roma, 23 mar. - "Abbiamo chiarissimo il compito di verificare che ci siano due cose nel Next Generation Eu: da una parte investimenti rilevanti per affrontare il tema della parita' di genere e dall'altra parte, dove ci siano delle raccomandazioni particolari verso i singoli Paesi, che i singoli Paesi le rispettino. Posso assicurare, visto che una parte rilevante dipendera' dai miei uffici, che questo lavoro sara' fatto". Cosi' il Commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni intervenendo al webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No woman no panel'-senza donne non se ne parla'.    "È chiaro che e' un'operazione a due- precisa il commissario- perche' bisogna farla con le proposte che arrivano dai governi nazionali e con il controllo della Commissione. Sarebbe stato piu' facile avere una soglia vincolante di investimenti. C'e' stata una proposta del Parlamento europeo di portare da due a sei i temi su cui introdurre delle soglie vincolanti, tra cui le donne. Da parte del Consiglio europeo, quindi dei governi, c'e' stato pero' un diniego, per il rischio di trasformare questi piani un po' in una gabbia predeterminata. Questo non significa affatto che i miei uffici non guarderanno alla parita' di genere come un elemento vincolante dei piani che ci arrivano da diversi Paesi", assicura Gentiloni.    "La parita' di genere e' un obiettivo al quale la presidente von der Leyen ha vincolato questa Commissione, ma ci vorranno alcuni anni- avverte- Nei nostri gabinetti e' obbligatoria la parita' di genere e in questa grande burocrazia o tecnocrazia che e' la Commissione Europea, 20-30mila persone c'e' una presenza anche nei ruoli dirigenti molto rilevanti e in chi fara' queste analisi la presenza femminile sara' certamente almeno paritaria", fa sapere il commissario.    "Io stra-aderisco alla campagna 'No women No panel', anche se questo comportera' di rifiutare ogni tanto alcuni inviti e alcune occasioni, perche' capita tuttora di avere delle conversazioni in cui non sono presenti donne. Questa pandemia poi ha accentuato la disparita' di genere- conclude Gentiloni- Noi abbiamo fatto una piccola ricerca sulle task force che si occupano di gestire prima la pandemia e adesso le campagne vaccinali: abbiamo scoperto a livello internazionale, non solo in Europa, che per l'85% sono guidate da uomini".   (Ara/ Dire) 14:14 23-03-21  NNNN

 

Recovery:Gentiloni, attento esame vincoli parità di genere 'Se ci sono raccomandazioni Ue, vanno rispettate'   (ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - "Nel regolamento a cui siamolegati nel Next Generation EU abbiamo chiarissimo il compito diverificare che ci siano investimenti rilevanti per affrontare iltema della parità di genere, e dove ci siano raccomandazioni Ueparticolari verso i singoli Paesi, che si rispettino questeraccomandazioni": lo ha detto il commissario Ue all'EconomiaPaolo Gentiloni, intervenendo all'evento 'Next Generation EU ele politiche per la parità di genere'. Gentiloni ha assicuratoche i servizi della Commissione faranno un attento lavoro discrutinio dei piani per verificare che ci siano progetti sullaparità, che saranno un "elemento vincolante" per i Paesi. "Noiquesto lavoro lo faremo, posso assicurare che sarà fatto, ma èun'operazione che si fa in due, devono farlo i governi nelleloro proposte", ha aggiunto. (ANSA).     DEF23-MAR-21 13:25 NNNN

 

PARITÀ: GENTILONI "MI ASPETTO ACCELERAZIONE, SONO OTTIMISTA" MILANO (ITALPRESS) - "Miracoli non me ne aspetto, mi aspetto un'accelerazione. D'altra parte ne abbiamo avute diverse di accelerazioni sulla parita' di genere nel corso di questi decenni. Penso che oltre ai Recovery forse anche quello che abbiamo vissuto in questa pandemia sara' un fattore per accelerare. Sono molto ottimista". Lo ha detto Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, nel corso del webinar 'No Women No Panel - Senza Donne non se ne parla' su Next Generation Ue e politiche per la parita' di genere, organizzato da Rai Radio 1 e Commissione Europea.  (ITALPRESS). bla/tvi/red 23-Mar-21 13:07 NNNN

 

Gentiloni, bene parità di genere nel Recovery italiano 'Ora Mef lavori a progetti, anche su occupazione femminile'   (ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - Nel Recovery italiano inviato aBruxelles dal precedente governo c'è un elemento"incoraggiante", ovvero "nei titoli c'è la questione dellaparità di genere".  Ora  "bisogna passare dai titoli, che sonomolto buoni, ai progetti, che in Italia sono anche quelli persostenere l'occupazione femminile e penso che il Mef, che haavuto l'incarico da poco, senz'altro lavorerà per la qualità deipiani e mi auguro lo faccia in tempi piuttosto stretti": lo hadetto il commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni,intervenendo all'evento 'Next Generation EU e le politiche perla parità di genere'. (ANSA).     DEF23-MAR-21 13:04 NNNN

 

PARITÀ: GENTILONI "PASSI AVANTI MA DISPARITA SALARI ANCORA FORTE IN UE" MILANO (ITALPRESS) - "Abbiamo fatto molti passi avanti ma il problema della disparita' salariale e' ancora molto forte in Europa e al 14% e piu' alto per le pensioni". Lo ha detto Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, nel corso del webinar "No Women No Panel - Senza Donne non se ne parla" su Next Generation Ue e politiche per la parita' di genere, organizzato da Rai Radio 1 e Commissione Europea. "La commissione che se n'e' occupata spesso - ha aggiunto - c'e' stata una direttiva approvata proprio credo tre settimane fa che obbliga le imprese a rendere trasparente i rapporti di stipendio tra maschi e femmine e di giustificare eventuali differenze. La trasparenza io credo sia una delle cose fondamentali che noi possiamo fare con i poteri che ha la Commissione Europea. Penso che sara' un fortissimo stimolo per le aziende a fare meglio".  (ITALPRESS). bla/tvi/red 23-Mar-21 13:01 NNNN

 

RECOVERY: GENTILONI "SU PARITÀ GENERE, PASSARE DA TITOLI A PROGETTI" MILANO (ITALPRESS) - "Nei titoli del Next Generation Eu c'e' la questione della parita' di genere, e il fatto che Mario Draghi lo abbia ricordato credo sia molto importante. Nel piano che noi attualmente abbiamo ricevuto, fatto dal Governo precedente, nei titoli generali c'erano tre grandi questioni trasversali: donne, giovani e sud. Naturalmente bisogna passare da questa indicazione di priorita' ai singoli progetti. Mi auguro che lo faccia anche in tempi piuttosto stretti". Lo ha detto Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, nel corso del webinar 'No Women No Panel - Senza Donne non se ne parla' su Next Generation Ue e politiche per la parita' di genere, organizzato da Rai Radio 1 e Commissione Europea.  (ITALPRESS). bla/tvi/red 23-Mar-21 12:53

 

Recovery: Gentiloni, pandemia ha accuntuato disparita' di genere = (AGI) - Roma, 23 mar. - "La pandemia ha accentuato la disparita' di genere", ha detto il Commmissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni al webinar "No Women No Panel - Senza donne non se ne parla". "E stiamo parlando di un settore, la sanita', in cui a livello europeo la maggioranza degli occupati sono donne, circa il 75%. Le task force, per affrontare le emergenze l'80% sono guidate da uomini". (AGI)Ant

 

TOP Ue, Gentiloni: Disparità salariale uomo-donna ancora troppo alto Roma, 23 mar. (LaPresse) - "Il problema della disparità salariale in Europa è ancora molto alto ed è più alto nelle pensioni. Per i salari è al 14, per le pensioni al 33%. La trasparenza credo sia una delle cose fondamentali da fare con i poteri che ha la commissione europea, l'obbligo di trasparenza per le aziende sarà un fortissimo stimolo a fare meglio". Lo dice il commissario europeo per l'economia Paolo Gentiloni, intervenendo al webinair 'Next Generation EU: politiche per la parità di genere' per la campagna 'No woman no panel' - senza donne non se ne parla.

 

RECOVERY, GENTILONI: PARITA' GENERE NEL PIANO, ORA PROGETTI (9Colonne) Roma, 23 mar - "Il Recovery comprende temi come la parità di genere. I titoli e le priorità sono buone in molti paesi, come nel caso della Spagna. Occorre ora lavorare rapidamente sui progetti che sostanziano questi fondi". Così Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (gci / UE) ///  231233 MAR 21

Recovery: Gentiloni, mi aspetto accelerazione parita' di genere = (AGI) - Roma, 23 mar. - Parita' di genere, secondo le proiezioni, di questo passo  si avra' fra 60 anni. Dal recovery "non mi aspetto un'accelerazione, non miracoli. Oltre al recovery anche quello che abbiamo vissuto nella pandemia contribuira' ad accelerare" verso la parita' di genere, ha detto il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni intervenendo al webinar "No Women No Panel - Senza donne non se ne parla". (AGI)Ant

Recovery: Gentiloni, trasparenza per parita' di genere salariale = (AGI) - Roma, 23 mar. - "La disparita' salariale in Europa e' del 14% fra maschi e femmine, sale al 33% per le pensioni", ha spiegato il Commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni al webinar "No Women No Panel - Senza donne non se ne parla".     La commissione si e' mossa, per affrontare il tema. "L'ultima cosa che ha fatto la commissione - ha spiegato Gentiloni - e' una direttiva, non una raccomandazione da recepire ma un obbligo, che impone alle imprese di rendere trasparenti i rapporti di stipendio fra maschi e femmine. E di giustificare le eventuali differenze". (AGI)Ant

RECOVERY, GENTILONI: AUSPICO ACCELERAZIONE PARITA' DI GENERE (9Colonne) Roma, 23 mar - "Quello che abbiamo vissuto durante la pandemia e l'occasione del Recovery ci permettono di essere ottimisti sul raggiungimento della parità di genere, prima delle previsioni attuali. Stesso discorso vale per Next Generation EU". Così Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (gci / UE) ///  231246 MAR 21

 

RECOVERY, GENTILONI: PARITA' GENERE NEL PIANO, ORA PROGETTI (9Colonne) Roma, 23 mar - "Il Recovery comprende temi come la parità di genere. I titoli e le priorità sono buone in molti paesi, come nel caso della Spagna. Occorre ora lavorare rapidamente sui progetti che sostanziano questi fondi". Così Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (gci / UE) ///  231233 MAR 21

Recovery: Gentiloni, mi aspetto accelerazione parita' di genere = (AGI) - Roma, 23 mar. - Parita' di genere, secondo le proiezioni, di questo passo  si avra' fra 60 anni. Dal recovery "non mi aspetto un'accelerazione, non miracoli. Oltre al recovery anche quello che abbiamo vissuto nella pandemia contribuira' ad accelerare" verso la parita' di genere, ha detto il commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni intervenendo al webinar "No Women No Panel - Senza donne non se ne parla". (AGI)Ant

Recovery: Gentiloni, trasparenza per parita' di genere salariale = (AGI) - Roma, 23 mar. - "La disparita' salariale in Europa e' del 14% fra maschi e femmine, sale al 33% per le pensioni", ha spiegato il Commissario europeo all'Economia Paolo Gentiloni al webinar "No Women No Panel - Senza donne non se ne parla".     La commissione si e' mossa, per affrontare il tema. "L'ultima cosa che ha fatto la commissione - ha spiegato Gentiloni - e' una direttiva, non una raccomandazione da recepire ma un obbligo, che impone alle imprese di rendere trasparenti i rapporti di stipendio fra maschi e femmine. E di giustificare le eventuali differenze". (AGI)Ant

Recovery, Gentilon: vigileremo su utilizzo fondi su parità genere Poi è chiaro che dipende anche dai singoli Paesi Roma, 23 mar. (askanews) - L'uso del Recovery fund per obbligare alla "parità di genere" in parte "dipende Paese per Paese dall'azione dei governi e dei gruppi di pressione e delle donne che spingono in questa direzione, in pare dipende da noi Commissione europea perché abbiamo nel regolamento il chiarissimo compito di verificare che ci siano due cose: primo, investimenti rilevanti per affrontare il tema parità di genere e, due, dove ci siano raccomandazioni particolari a singoli Paesi che le rispettino". Lo ha affermato il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, intervenendo ad un dibattito sulla parità di genere organizzato dalla rappresentanza in Italia della Commissione."Noi questo lavoro lo faremo, posso assicurare. Poi è chiaro che questa è una operazione si fa in due". In Italia, ha proseguito Gentiloni "la bassa partecipazione femminile dipende da una serie di cause, non da un solo fattore". Mentre in Europa "il problema della disparità salariale è ancora molto forte, è più alto sulle pensioni dove ovviamente è frutto della storia precedente".Gentiloni ha detto che intende aderire all'iniziativa che prevede la non partecipazione di esponenti istituzionali a dibattiti e convegni in cui non siano presenti donne. E sempre sulla parità di genere "sono fiducioso che Next Generation Eu accelererà questo processo, anche senza miracoli".

TOP Ue, Gentiloni: Disparità salariale uomo-donna ancora troppo alto Roma, 23 mar. (LaPresse) - "Il problema della disparità salariale in Europa è ancora molto alto ed è più alto nelle pensioni. Per i salari è al 14, per le pensioni al 33%. La trasparenza credo sia una delle cose fondamentali da fare con i poteri che ha la commissione europea, l'obbligo di trasparenza per le aziende sarà un fortissimo stimolo a fare meglio". Lo dice il commissario europeo per l'economia Paolo Gentiloni, intervenendo al webinair 'Next Generation EU: politiche per la parità di genere' per la campagna 'No woman no panel' - senza donne non se ne parla.

UE, GENTILONI: PARITA' SALARIO ANCORA NON RAGGIUNTA (9Colonne) Roma, 23 mar - "Molti passi avanti sono stati fatti. In Europa il divario tra le retribuzioni è al 14% ed è più alto per le pensioni. Stiamo lavorando per una direttiva che obblighi le imprese a rendere trasparenti i rapporti di stipendio tra uomini e donne. Questo obbligo sarà uno stimolo per le aziende, le donne e i sindacati". Così Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (gci) ///  231225 MAR 21

 

TOP Gentiloni: Su parità genere sarebbe stato più semplice avere soglia vincolante Roma, 23 mar. (LaPresse) - "Sulla parità di genere abbiamo il chiarissimo compito di verificare che ci siano due condizioni: investimenti rilevanti per il tema e, dove ci siano raccomandazioni particolari verso singoli paesi, che i singoli paesi rispettino queste condizioni. Noi questo lavoro lo faremo. È un'operazione che si fa in due, con i governi nazionali e con l'azione di controllo della commissione. Sarebbe stato più facile avere una soglia garantita di investimenti". Lo dice il commissario europeo per l'economia Paolo Gentiloni, intervenendo al webinair 'Next Generation EU: politiche per la parità di genere' per la campagna 'No woman no panel' - senza donne non se ne parla.

 

UE, DONNE: RAI RADIO1 RILANCIA CAMPAGNA "NO WOMEN NO PANEL" (9Colonne) Roma, 23 mar - Rai Radio 1 rilancia in Italia la campagna 'No Women No Panel' - Senza Donne non se ne parla - in collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Per un equilibrio di genere nel dibattito pubblico: convegni, congressi, conferenze, trasmissioni radiofoniche e televisive. E questa mattina, sede italiana della Rappresentanza Italiana della Commissione Europea in video streaming, sarà l'occasione per fare il punto sulla parità di genere e il 'Next generation Eu' in un panel aperto dalla ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti ed al quale partecipano la presidente della Commissione per i Diritti delle Donne e l'Uguaglianza di Genere del Parlamento Europeo, Evelyn Regner e la commissaria europea per Innovazione, Ricerca, Cultura, Istruzione e Giovani, Mariya Gabriel e chiuso dal commissario europeo per l'economia Paolo Gentiloni intervistato dalla direttrice di Rai Radio1-Gr, Simona Sala. Saranno presentati i patrocini istituzionali, i testimonial e le tante adesioni alla campagna ideata dalla commissaria Gabriel e rilanciata Rai Radio 1 con l'apprezzamento del presidente della Repubblica. "Sono sicuro - ha scritto il capo dello Stato in un messaggio a Rai Radio1 - che questa iniziativa contribuirà a rafforzare nella società la spinta per favorire una cultura che promuova l'effettiva parità, prevista dalla  nostra Costituzione, ma non ancora pienamente conseguita". L'iniziativa ha il sostegno dell'ad di Rai, Fabrizio Salini che, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, ha invitato tutte le strutture editoriali dell'Azienda a dare massima adesione alla campagna 'No Women No Panel' - Senza Donne non se ne parla - "per equilibrare nelle trasmissioni televisive e radiofoniche la sproporzione che infrange il principio costituzionale della parità di genere. Un invito - aggiunge Salini - in linea con l'impegno di Rai nell'affermare i diritti delle donne e nel promuovere una cultura piena e matura sulla parità di genere". In continua evoluzione l'elenco dei patrocini istituzionali e delle adesioni di molti testimonial del mondo della cultura, dello spettacolo e dello sport.  (PO / red)   231200 MAR 21

 

RECOVERY, GENTILONI: PARITA' GENERE NEL PIANO, ORA PROGETTI (9Colonne) Roma, 23 mar - "Il Recovery comprende temi come la parità di genere. I titoli e le priorità sono buone in molti paesi, come nel caso della Spagna. Occorre ora lavorare rapidamente sui progetti che sostanziano questi fondi". Così Paolo Gentiloni, commissario europeo all'Economia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (gci / UE) ///  231233 MAR 21

 

BONETTI

GOVERNO: BONETTI "COPERTURA ASILI NIDO AL 50% ENTRO 2026" ROMA (ITALPRESS) - "Sul tema educativo, sugli asili nido oggi siamo a una media nazionale del 24% della risposta rispetto alla domanda e questo vuol dire che ci sono regioni sotto le due cifre. Puntiamo all'obiettivo del 50%, che e' la media francese non quella europea. L'obiettivo che mi sono data e' del raddoppio dei posti che quindi vuol dire sostanzialmente il 50% da qui al 2026. Dopodiche', nel momento in cui si introducono dei servizi educativi a livello nazionale adeguati come numero si libera lavoro femminile delle troppe donne che devono rinunciare al lavoro per seguire i figli, si liberano posti di cura ed educazione". Lo ha detto Elena Bonetti, ministro delle Pari Opportunita', nel corso del webinar "No Women No Panel - Senza Donne non se ne parla" su Next Generation Ue e politiche per la parita' di genere, organizzato da Rai Radio 1 e Commissione Europea. (ITALPRESS). bla/mgg/red 23-Mar-21 12:05 NNNN

RECOVERY: BONETTI "PARITÀ GENERE OBIETTIVO STRATEGICO PER DRAGHI" ROMA (ITALPRESS) - "Nell'intenzionalita' del presidente Draghi cambia il fatto che la parita' di genere viene assunta come obiettivo strategico del Next Generation Eu, perche' viene riconosciuta come un'azione di investimento, non come un costo, non semplicemente come un atto di riequilibrio sociale o di giustizia sociale. Si riconosce che investire nelle donne significa promuovere lavoro, benessere e certamente anche equita' sociale". Lo ha detto Elena Bonetti, ministra delle Pari Opportunita', nel corso del webinar "No Women No Panel - Senza Donne non se ne parla" su Next Generation Ue e politiche per la parita' di genere, organizzato da Rai Radio 1 e Commissione Europea. "Ci sara' un piano - ha aggiunto - su cui stiamo lavorando in cui verra' esplicitato azione per azione in modo estremamente matematico il numero delle donne che lavorano. Siamo scesi al 48%, dobbiamo arrivare alla media europea, vuol dire quasi 15/20 punti di aumento percentuale, ma non sulla media nazionale: dobbiamo avere il coraggio di lavorare sui singoli territori, nel sud Italia. Vuol dire - ha concluso Bonetti - un grande investimento sul lavoro femminile". (ITALPRESS). bla/sat/red 23-Mar-21 13:42 NNNN

 

PARITÀ GENERE: BONETTI "PASSAGGIO DI CIVILTÀ NECESSARIO PER DEMOCRAZIA" ROMA (ITALPRESS) - "Scegliere una cultura che promuova la parita' di genere e che quindi ritenga necessaria la voce delle donne, l'esperienza delle donne, lo sguardo delle donne per leggere la realta' E per fare proposte incisive che possano migliorare la vita di tutti noi e' un passaggio di civilta' rispetto al quale il nostro paese purtroppo e rimasto un po' indietro". Lo ha detto Elena Bonetti, ministra per le Pari Opportunita', nel corso del webinar "No Women No Panel - Senza Donne non se ne parla" su Next Generation Ue e politiche per la parita' di genere, organizzato da Rai Radio 1 e Commissione Europea. "Le donne oggi del nostro paese - ha aggiunto - sono pronte a esercitare una leadership e un protagonismo in tutti i settori. La parita' di genere non si concede, si costruisce un sistema di dibattito pubblico, un sistema politico. un sistema economico un sistema lavorativo in cui la parita' di genere e' scelta come elemento necessario strutturale per esercitare la democrazia". (ITALPRESS). bla/sat/red 23-Mar-21 13:54 NNNN

PARITA' GENERE, BONETTI: NECESSARIA VOCE DELLE DONNE (9Colonne) Bruxelles, 23 mar - "Scegliere di dare voce alle donne è una scelta di civiltà. Il nostro paese è rimasto indietro. Non si concede la possibilità di parlare alle donne, che invece sono pronte ad avere un ruolo di leadership". Così Elena Bonetti, ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (ue / po / gci) ///  231143 MAR 21

 

PARITA' GENERE, BONETTI: OBIETTIVO 50% COPERTURA ASILI NIDO ENTRO 2026 (9Colonne) Roma, 23 mar - "Obiettivo al 50% di copertura degli asili nido entro il 2026. Si tratta della media francese. Occorre inserire servizi educativi per aiutare l'imprenditoria femminile. Il Next Generation EU deve essere una occasione per riformare l'Italia". Così Elena Bonetti, ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (gci /PO / UE) ///  231145 MAR 21

 

Bonetti: Parità di genere non si concede, si costruisce. Serve a democrazia Roma, 23 mar. (LaPresse) - "Un movimento culturale è necessario, scegliere una cultura che ritenga necessario lo sguardo delle donne è un passaggio di civiltà sul quale il nostro paese è rimasto un po' indietro. La parità di genere non si concede, non si concede la parola alle donne, si costruisce un sistema in cui la parità di genere è un elemento strutturale per esercitare la democrazia". Così la ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, intervenendo al webinair 'Next Generation EU: politiche per la parità di genere' per la campagna 'No woman no panel' - senza donne non se ne parla.

 

Recovery, Bonetti: In Next Generation Eu parità genere come investimento Roma, 23 mar. (LaPresse) - "Abbiamo un premier che assume come priorità dell'azione del governo la parità di genere, ora è assunta come obiettivo strategico del Next Generation Eu perché viene riconosciuta come un investimento, non come un costo. Ci sarà un piano in cui verrà esplicitato, azione per azione, l'obiettivo". Così la ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, intervenendo al webinair 'Next Generation EU: politiche per la parità di genere' per la campagna 'No woman no panel' - senza donne non se ne parla.

 

Recovery: Bonetti, priorita' azione governo parita' di genere = (AGI) - Roma, 23 mar. - "Il premier ha assunto come priorita' dell'azione di governo la parita' di genere". Cosi' la ministra per la Famiglia e Pari Opportunita', Elena Bonetti, parlando del next generation Eu nel corso del webinar 'No Woman No Panel'."La parita' di genere e' stata riconosciuta come obiettivo strategico del Next Generation Eu, perche' riconosciuta come investimento - ha aggiunto la ministra - l'obiettivo del lavoro: oggi abbiamo il 48% delle donne che lavoro, dobbiamo arrivare a quasi 15 punti% in piu'. Sul tema degli asili nido oggi abbiamo il 24% della risposta rispetto alla domanda, dobbiamo arrivare al 50% della media, cioe' lavoriamo al raddoppio dei posti da qui al 2026". (AGI)Tpa

 

PARITA' GENERE, BONETTI: BONUS BABY SITTER PER AIUTARE LAVORATORI A CASA (9Colonne) Roma, 23 mar - "Oggi i lavoratori in smart working fanno fatica a gestire i propri figli, per questo serve il bonus baby sitter. Finora sono state fatte misure necessarie, ma c'è ancora molto da fare per dare sostegni economici ulteriori". Così Elena Bonetti, ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". "Non ci sono più gli elementi scientifici per mantenere le scuole chiuse - aggiunge - escluse le zone rosse". (gci / PO / UE) ///  231152 MAR 21

Lavoro, Bonetti: Serve un welfare per famiglie, in smart working si fatica Roma, 23 mar. (LaPresse) - "C'è la necessità che il Paese si doti di un welfare diverso, come il family act. Oggi i lavoratori in smart working fanno fatica, pensiamo agli insegnanti. La possibilità di un bonus baby sitter per i lavoratori in smart working non è stato possibile perché non erano state previste dal precedente governo misure per le famiglie. Sono stati trovati 300 milioni, non bastano, ma è un primo passo". Così la ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, intervenendo al webinair 'Next Generation EU: politiche per la parità di genere' per la campagna 'No woman no panel' - senza donne non se ne parla.

= Recovery: Bonetti, parita' genere necessaria per la democrazia = (AGI) - Roma, 23 mar. - "Le donne del nostro Paese sono pronte a esercitare una leadership e un protagonismo in tutti i settori". Lo ha detto la ministra della Famiglia e Pari Opportunita', Elena Bonetti, nel corso del webinar "No Woman No Panel, senza donne non se ne parla" sul tema della Next Generation Eu."La parita' di genere non si concede, non si concede parola alle donne - ha aggiunto la ministra - si costruisce un sistema di dibattito pubblico, economico, politico e lavorativo in cui la parita' di genere e' scelta come elemento necessario e strutturale per esercitare la democrazia". (AGI) Tpa

 

Recovery: Bonetti, dare corpo a riforme come il Family Act  = (AGI) - Roma, 23 mar. - "Il next generation Eu deve servire a dare corpo alle riforme che cambiano definitivamente il nostro Paese in meglio, come il Family Act". Lo ha detto la ministra della Famiglia e Pari Opportunita', Elena Bonetti, nel corso del webinar "No Woman No Panel, senza donne non se ne parla" sul tema della Next Generation Eu."Non dobbiamo continuare a pensare che la cura dei figli sia solo delle donne . ha aggiunto la ministra - con il Family Act abbiamo la la riforma dei congedi parentali, il sostegno a tutti i servizi educativi, dall'infanzia fino all'adolescenza. Se inseriamo questa azione nell'ambito di una riforma integrale il nostro Paese cambia definitivamente". (AGI)Tpa

LAVORO. BONETTI: IMPEGNO PER SOSTEGNI ECONOMICI AGGIUNTIVI PER FAMIGLIE (DIRE) Roma, 23 mar. - "Oggi ci sono i lavoratori in smart working che stanno facendo fatica. Pensiamo agli insegnanti che fanno didattica in un computer e nel frattempo ci sono i figli che seguono una didattica parallela. La possibilita' di introdurre un bonus baby-sitter anche per chi sta in smart working non e' stato possibile, perche' nei 32 miliardi su cui andava costruito questo decreto non erano state previste dal precedente Governo misure a sostegno delle famiglie. Siamo riusciti a trovare 300 milioni per fare le azioni necessarie. Sono sufficienti? No, ma erano necessarie. Io in questo momento ho un impegno di valutare nei prossimi decreti sostegni economici aggiuntivi alle famiglie a partire dall'assegno unico universale che incide sulle spese educative delle singole famiglie". Cosi' la ministra per le Pari Opportunita' e la Famiglia, Elena Bonetti, intervenendo al webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No woman no panel'-senza donne non se ne parla'.    "Questo fa parte della necessita' che il nostro Paese si doti di un welfare diverso, nel quale in cui carico di cura genitoriale e' visto non come un diritto del genitore, ma come una responsabilita' che il genitore esercita a nome di tutti e quindi va aiutato", conclude Bonetti.   (Ara/ Dire) 12:34 23-03-21  NNNN

 

RECOVERY. BONETTI: A LAVORO SU RADDOPPIO ASILI NIDO ENTRO 2026 NEXT GENERATION EU E FAMILY ACT PER CAMBIARE PASSO SU WELFARE IN MEGLIO  (DIRE) Roma, 23 mar. - "Noi stiamo lavorando su un piano del raddoppio dei posti negli asilo nido, quindi vuol dire il 50% da qui al 2026. C'e' un fattore moltiplicativo, perche' nel momento in cui si introducono un numero di servizi educativi adeguato, si libera lavoro femminile delle troppe donne che devono rinunciare al lavoro per seguire i figli". Lo ha ribadito la ministra per le Pari Opportunita' e la Famiglia, Elena Bonetti, nel corso del webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No woman no panel'-senza donne non se ne parla'.    "Non dobbiamo continuare a pensare che la cura dei figli sia solo delle donne- continua Bonetti- Questa azione va inserita nella riforma del Family Act, il Next Generation Eu deve servire a dare corpo alle riforme che cambiano definitivamente il nostro Paese. Nel Family Act c'e' la riforma dei congedi parentali, c'e' il sostegno a tutti i servizi educativi dall'infanzia fino all'adolescenza. Se noi inseriamo questa specificazione nell'ambito di una riforma integrale e' chiaro che il nostro Paese cambia definitivamente il passo e in meglio", conclude.   (Ara/ Dire) 12:36 23-03-21  NNNN

Covid: Bonetti, impegno per sostegno aggiuntivo a famiglie  = (AGI) - Roma, 23 mar. - "La possibilita' di introdurre un bonus baby sitter anche per lo smart working non e' stato possibile farlo perche' nei 32 miliardi su cui e' stato costruito questo decreto non erano state previste dal precedente governo misure a sostegno delle famiglie". Lo ha spiegato la ministra della Famiglia e Pari Opportunita', Elena Bonetti, nel corso del webinar "No Woman No Panel, senza donne non se ne parla"."Siamo riusciti a trovare 300 milioni per fare le azioni  necessarie, sono sufficienti? No, ma erano necessarie - ha continuato la ministra - Come allargare a tutte le categorie dei lavoratori, come partite Iva e libere professioni". "Ho un impegno a  valutare nei prossimi decreti sostegni economici aggiuntivi alle famiglie - ha concluso - a partire dall'assegno unico universale, ma il tema e oggi e' rivalutare la questione delle scuole". (AGI)Tpa

IMPRESE. BONETTI: SERVE PROGETTO INDICIZZAZIONE CHE VALUTI AZIONI PARITÀ GENERE (DIRE) Roma, 23 mar. - "Vorrei introdurre un progetto che promuova un indicizzazione per tutte le politiche pubbliche e private che valuti la parita' di genere. Questo vuol dire che in un'azienda dovra' essere messo in modo trasparente quanto le proprie azioni hanno promosso, ad esempio, parita' di genere nella leadership. In questo modo noi potremmo incentivare le azioni positive e in automatico penalizzare quelle negative. E questo sara' un processo di attivazione virtuosa per il Paese". Lo annuncia la  ministra per le Pari Opportunita' e la Famiglia, Elena Bonetti, intervenendo al webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No woman no panel'-senza donne non se ne parla'.   (Ara/ Dire) 12:45 23-03-21  NNNN

 

UE, REGNER: RISORSE SIANO EQUAMENTE DISTRIBUITE CON LE DONNE (9Colonne) Roma, 23 mar - "L'UE aiuterà le donne con una distribuzione equa delle risorse. Quando si tratta di distribuire fondi, le donne devono essere presenti, penso al ruolo dei fondi di 'InvestEU'. I finanziamenti sono essenziali, ma i pregiudizi culturali sono ancora tanti. Ancora si pensa che le donne abbiano meno possibilità di fare imprenditoria. Questo porta a meno occasioni di investire". Così Evelyn Regner, presidente della commissione per i Diritti delle Donne e l'Uguaglianza di Genere del Parlamento europeo, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". "Piccole imprese e lavori sociali sono settori dove le donne hanno un ruolo ampio - aggiunge - gli uomini tendono a non vedere le potenzialità." (PO / UE gci) ///  231205 MAR 21

 

PARITA' GENERE, ONLINE CAMPAGNA "SENZA DONNE NON SE NE PARLA" (RIEPILOGO) - (2) (9Colonne) Roma, 23 mar - Durante il webinar sono intervenute molte figure di spicco dell'UE. "L'UE aiuterà le donne con una distribuzione equa delle risorse. Quando si tratta di distribuire fondi, le donne devono essere presenti, penso al ruolo dei fondi di 'InvestEU'. I finanziamenti sono essenziali, ma i pregiudizi culturali sono ancora tanti. Ancora si pensa che le donne abbiano meno possibilità di fare imprenditoria. Questo porta a meno occasioni di investire" ha dichiarato Evelyn Regner, presidente della commissione per i Diritti delle Donne e l'Uguaglianza di Genere del Parlamento europeo. "Eliminare le ingiustizie, parità di genere, istruire ed innovare e rendere equi gli investimenti, sono queste le priorità - aggiunge - Dobbiamo chiederci perché le donne investono così poco. Dobbiamo anche coinvolgere le banche, dove vengono prese decisioni ancora non eque". Non è mancato un messaggio di Mariya Gabriel, commissaria europea per l'Innovazione, Ricerca, Cultura, Istruzione e Giovani, che ha specificato l'obiettivo della campagna: "'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla' vuole inserire almeno una donna a parlare in ogni dibattito". (segue)  231339 MAR 21

 

UE. EVELYN REGNER: CREARE POSSIBILITÀ DI ACCESSO AL CREDITO PER IMPRENDITRICI (DIRE) Roma, 23 mar. - "Quando si tratta di distribuire fondi le donne devono essere presenti". È questo il monito che la presidente della Commissione per i Diritti delle Donne e l'Uguaglianza di Genere del Parlamento europeo, Evelyn Regner, ha voluto lanciare stamattina intervenendo al webinar 'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No women no panel'-senza donne non se ne parla'.    "I finanziamenti sono essenziali- continua Regner- Abbiamo proposte, offerte, richieste ma ci sono ancora troppi pregiudizi culturali. Si dice che le donne abbiano meno propensione a diventare imprenditrici". Ma in realta', il problema e' che le donne "partono con uno zaino pesante sullo spalle e devono cercare di cavarsela. Nelle istituzioni finanziarie ci sono soprattutto uomini, per le donne non c'e' molta possibilita'". Eppure "io sono a membro della Commissione per le finanze e l'economia e vedo quanto sia importante che siano presenti nelle istituzioni, alla Banca centrale e in altri enti, con una pari rappresentanza".    Le donne imprenditrici "si devono confrontare ancora con diversi pregiudizi e stereotipi e troppo spesso non hanno la possibilita' di avere accesso crediti. Abbiamo bisogno di donne che investono- sostiene Regner- Perche' le donne investono cosi' poco? Questa e' la domanda che dobbiamo sempre porci. E dobbiamo anche contattare le assicurazioni, le banche che concedono i crediti, la Banca Europea", dove "vengono prese importanti decisioni. Anche li' l'equilibrio non e' equo. Troppi uomini investono- conclude- e noi dobbiamo creare la possibilita' alle donne di avere accesso al credito".   (Ara/ Dire) 16:52 23-03-21  NNNN

 

UE, GABRIEL: INSERIRE DONNE IN OGNI DIBATTITO (9Colonne) Roma, 23 mar - "Emancipare le donne per ottenere i benefici della diversità. La campagna 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla' vuole inserire almeno una donna a parlare in ogni dibattito. Abbiamo bisogno di nuovi talenti, tante donne qualificate che investano in innovazione e tecnologia". Così Mariya Gabriel, commissaria europea per l'Innovazione, Ricerca, Cultura, Istruzione e Giovani, durante il webinar "Next Generation EU: le politiche per la parità di genere e iniziativa 'No Women No Panel - Senza donne non se ne parla'". (PO / Ue / gci) ///  231213 MAR 21

 

UE. MARIYA GABRIEL: SENZA DONNE L'EUROPA NON VA AVANTI SERVE MAGGIORE VISIBILITÀ, PER QUESTO NEL 2018 È NATA CAMPAGNA NO WOMEN NO PANEL  (DIRE) Roma, 23 mar. - "Senza donne l'Europa non va avanti". Ne e' convinta la Commissaria europea per l'Innovazione, Ricerca, Cultura, Istruzione e Giovani Mariya Gabriel, ideatrice della campagna 'No women No panel' rilanciata stamattina nel corso del webinar  'Next Generation Eu: politiche per la parita' di genere e iniziativa 'No women no panel'-senza donne non se ne parla'.    In un videomessaggio la commissaria ha ricordato che "le donne hanno un forte potenziale imprenditoriale, a favore anche di un'economia verde, e sono importantissime per la ripresa. Il 41% delle donne sono scienziate, ingegnere, il 48% sono laureate, rappresentano il 33% dei ricercatori e il 32% delle alte cariche universitarie. Abbiamo veramente bisogno di piu' donne in alte posizioni- sostiene Gabriel- Ci sono tante donne brillanti, ma hanno bisogno di maggiore visibilita'. Per questo nel 2018 e' stata lanciata questa campagna, per garantire che almeno una donna venga invitata a parlare in ogni panel, per sensibilizzare il pubblico all'uguaglianza di genere".    La parita' di genere "in ricerca e innovazione e' una conditio sine qua non per il programma Horizon Europe e recentemente, per la giornata della donna, abbiamo lanciato un'altra campagna sulle donne e la tecnologia, per sottolineare l'importanza di nuove imprese fondate dalle donne", conclude.   (Ara/ Dire) 16:33 23-03-21  NNNN

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Isoradio

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Rai Radio 3 Classica

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio Kids

Rai Radio Live

Rai Radio Techetè

Rai Radio Tutta Italiana

Canali Overview
Apri lista canali

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta Audio successivo Avanti di 15 secondi Ripeti
VolumeVolume off

Riproduzione casuale Audio precedente Indietro di 15 secondi Ascolta la diretta Avanti di 15 secondi Audio successivo Ripeti
VolumeVolume off Apri il player
Nessun risultato per