Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Tre Soldi

Segui

di Mimma Scigliano

Un'onda pazza: la voce libera di Peppino Impastato

Un'onda pazza
La voce libera di Peppino Impastato

Di Mimma Scigliano

A quarant’anni dalla sua morte, in onda su Radio3 il 7, 9 e 11 maggio alle 19.50 un radio documentario che traccia il profilo umano e l’impegno politico e civile del giovane militante comunista ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978.
 
Il 9 maggio 1978 Peppino Impastato viene assassinato dalla mafia. Pezzi del suo corpo dilaniato sono ritrovati lungo i binari della ferrovia Palermo-Trapani, a Cinisi.
Nelle stesse ore, a Roma, viene rinvenuto anche il corpo del presidente della Dc, Aldo Moro. Un fatto più eclatante, che oscura la notizia della morte di Peppino Impastato.
Forze dell’ordine, magistratura e stampa parlano da subito di atto terroristico, in cui l’attentatore – Peppino – sarebbe rimasto vittima.

I depistaggi messi in atto sulle indagini non permettono di arrivare alla verità per oltre vent’anni. Per decretare che Peppino Impastato non era un terrorista, ma una vittima innocente di mafia, lo Stato ci ha messo oltre vent’anni.
L’11 aprile 2002 il boss mafioso Gaetano Badalamenti, mandante dell’omicidio, è condannato all’ergastolo. Due anni prima, la Commissione Antimafia approva una relazione sulla responsabilità dei rappresentanti delle istituzioni nel depistaggio delle indagini.
 
Peppino Impastato era un militante comunista, un’attivista impegnato nelle battaglie per i diritti civili e sociali, un giornalista e un giovane che ebbe il coraggio di combattere quella stessa mafia che aveva in casa, rompendo ogni rapporto con la sua famiglia mafiosa.
A quarant’anni dalla sua morte Tre Soldi ricorda Peppino Impastato, il suo profilo umano, il suo impegno politico e le sue attività di denuncia, attraverso la radio libera che fondò nel 1977, Radio Aut.
E lo fa attraverso le parole dei suoi compagni, che vissero insieme a lui quegli anni, e del fratello Giovanni, che, insieme alla madre Felicia, scomparsa nel 2004, ha compiuto la stessa scelta di rottura di Peppino e ha tenuto viva fino a oggi la memoria del fratello.

La voce di Peppino Impastato, infatti, è oggi più che mai viva.
La forza della sua storia continua a coinvolgere generazioni intere.
E a camminare sulle gambe di molti giovani.

Ascolta Un'onda pazza - La voce libera di Peppino Impastato >>

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per