Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Tutta la città ne parla

Segui

La libertà di non farlo

Ascolta la puntata >>

La vera libertà è poter scegliere. Anche di rinunciare a un diritto, una volta ottenuto. Il numero delle unioni civili, dopo l'approvazione della legge che le ha introdotte due anni fa, non è alto. Un fallimento del provvedimento, dicono i detrattori. Un valore assolutamente in linea con quanto avvenuto all'estero negli anni immediatamente successivi all'istituzione di un simile regime, dicono i firmatari. Come si calcola, in numeri, il valore di un diritto?

Cosa dice la legge Cirinnà?
Comunemente detta Cirinnà, dal nome della sua prima firmataria, la senatrice Monica Cirinnà, la legge 76/2016 regolamenta le unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze. Presentata nell'ottobre 2015, è stata approvata nel maggio 2016: il testo ufficiale qui, una sintesi qui.

Io sono di idee aperte, però...
Se gli omosessuali fossero più discreti, sarebbero meglio accettati: lo pensa il 55,9% degli italiani intervistati da Amnesty International Italia che, insieme a Doxa, ha da poco pubblicato un'indagine sulle dscriminazioni. Indagine che contiene almeno un dato positivo: l’86% degli italiani pensa che le persone omosessuali debbano avere gli stessi diritti degli altri, dato in aumento rispetto al 72% di una ricerca pubblicata nel 2016. I numeri qui e qui.

Diritti, c'è davvero equità?
Non troppa. Non ancora. L'omosessualità non è più considerata una patologia, ma omosessuali ed etero non godono ancora della stessa considerazione: una riflessione di Margherita Graglia, psicologa e psicoterapeuta, qui.

Come vivono le coppie omosessuali in Europa?
L'Europa presenta due blocchi agli antipodi: da un lato i Paesi nordici - Danimarca, Svezia, Finlandia - i primi a riconoscere i diritti delle coppie omosessuali in forza di leggi approvate dai rispettivi Parlamenti, senza bisogno di ricorrere alle sentenze dei tribunali o delle Corti costituzionali; dall'altro i Paesi dell’Est, tra gli ultimi a entrare nell’Europa a 28: Bulgaria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Slovacchia. Le mappe qui.

Per non dimenticare (la fatica)
Dalla clandestinità alla luce: cinquant'anni di battaglie per il riconoscimento dei diritti gay in un viaggio multimediale realizzato da Martina Pennisi e Federica Seneghini, qui.

 

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per