Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

La festa di Radio3

Segui

Sabato 26 maggio

09.00 - 10.30
Teatro Verdi 

Lezioni di musica e concerto
conduce Giovanni Bietti
pianoforte Andrea Lucchesini
La riflessione di Chopin sul rapporto tra libertà e tirannia non ha forse l'intensità e la continuità che si ritrovano nelle composizioni di Beethoven, è meno diretta e decisamente più sfumata. Ma la musica di Chopin costituisce in sé una straordinaria dichiarazione di libertà, di indipendenza dalle regole e dalle costrizioni formali. La Lezione, che ci farà ascoltare molti brani del musicista polacco, è dedicata proprio al rifiuto, tanto caratteristico delle sue composizioni, di ogni tirannia estetica.

10.30 – 10.40
Teatro Bonci

Filo rosso
CESTINI DA VIAGGIO #3

Il viaggio tra tirannia e libertà con il geografo Franco Farinelli e con gli strumenti meccanici del  museo Musicalia di Franco Severi
La tirannia e la libertà
Il contrasto tra pianura (tirannia) e montagna (libertà) s’intensifica in epoca moderna. La questione del primato delle arti tra Cinque e Seicento. Tra Illuminismo e Romanticismo: Schiller, Foscolo, Alexander von Humboldt e l’invenzione del concetto di paesaggio, l’invenzione dell’alpinismo. 

10.40 – 11.10
Teatro Bonci

Tutta l’umanità ne parla
con Edoardo Camurri e Pietro Del Soldà
Nell'arco spaziotemporale dell'Umanità s'incontrano, come in un bar del pensiero, le menti migliori (e qualche volta peggiori) del genere umano. Dal Mondo Antico al Novecento filosofi, scrittori, poeti, scienziati, capi di stato, figure simbolo della Storia commentano con le loro parole i temi del nostro tempo. L'oggi riletto con le categorie di ieri per sfuggire agli specialismi del contemporaneo.Sul dualismo libertà/tirannia si stanno per ora scaldando i peggiori tiranni e i più virtuosi tra i pensatori democratici. Sul palco di Cesena vedremo chi avrà l'ultima parola.

11.10 – 11.50
Teatro Bonci

Radio3 Mondo
conduce Anna Maria Giordano
AMERICA LATINA
in fondo alla storia e alla memoria

Regimi e connivenze,  guerriglie e repressioni,  orrori ed eroismi, madri e figli desaparecidos, verità e negazione, riempiono il libro di storia recente di un intero  continente.  Dal Brasile all’Argentina, dal Cile all’Europa, viaggio tra i testimoni e le eredità.
Alfredo Sprovieri, autore di Joca, il Che dimenticato, la vera storia del capo guerrigliero italiano che sfidò il regime dei gorillas in Brasile. 
Jorge Ithurburu, presidente di 24MarzoOnlus, procuratore dei familiari delle vittime del Piano Condor. 
Maria Paz Venturelli, figlia di una vittima del regime cileno, il dirigente del MIR Omar Venturelli. 
Danilo De Biasio, giornalista e organizzatore del Festival dei Diritti Umani, che porterà brani dal suo racconto radiofonico basato sulle registrazioni originali dei colloqui radio tra i generali golpisti la mattina dell'11 settembre 1973.
Silvina Durán, Archeologa del centro di detenzione Club Atletico ed Ex Esma, in collegamento via Skype.
Omaggio ad Alessandro Leogrande con ascolto da suoi interventi a Rai Radio 3 su America Latina e Piano Condor.
 
11.50 – 12.00
Teatro Verdi

Filo rosso
CESTINI DA VIAGGIO # 4

Il viaggio tra tirannia e libertà con il geografo Franco Farinelli e con gli strumenti meccanici del  museo Musicalia di Franco Severi
I luoghi e lo spazio
Il contrasto tra il viaggio di Marco Polo, inteso come esemplare dell’andar per luoghi tipico del Medioevo, e quello di Cristoforo Colombo, primo viaggiatore spaziale moderno.

12.00 – 13.00
Teatro Verdi

Concerto
conduce Guido Barbieri
QUARTETTO LYSKAMM

Cecilia Ziano violino
Clara Franziska Schötensack violino
Francesca Piccioni viola
Giorgio Casati violoncello
Il Quartetto Lyskamm è stato fondato nel 2008 al Conservatorio di Milano, ha collaborato in quintetto con Mario Brunello, Alessandro Taverna, Simone Rubino e con l’attore Giuseppe Cederna in uno spettacolo dedicato a Franz Schubert e Giacomo Leopardi. Negli anni ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti ed è stato ospite di società concertistiche sia in Italia che in Europa. 
Il programma comprende due celebri pagine dei due autori più intimi e sfuggenti dell'Ottocento quartettistico: il Quartettsatz D703 in do minore segna nell'opera di Schubert l'inizio di una nuova stagione compositiva, più fortemente influenzata dalla dialettica beethoveniana. L'op. 67 è la più matura delle composizioni quartettistiche di Brahms, in cui coesistono lo sguardo verso l’antico, l'evocazione del dialogo tra musica da camera e musica all'aria aperta, scelte formali che richiamano le ultime opere di Beethoven e una struttura tonale audace, rigorosa ed elastica.

13.00 – 13.30
SOLO IN ONDA SU RADIO3

Le meraviglie. In cammino per l’Italia
LA BIBLIOTECA MALATESTIANA A CESENA
Raccontata da Mariangela Gualtieri
Guidati dalla poetessa e artista teatrale Mariangela Gualtieri scopriamo la splendida Biblioteca Malatestiana che fu la prima biblioteca civica d’Italia e d’Europa ed è giunta fino a noi dal XV secolo, perfettamente conservata nell’edificio, negli arredi e nella dotazione libraria. Guido Piovene nel suo Viaggio in Italia la definì il cuore della cultura della Romagna e l’Unesco nel 2005  ne ha riconosciuto l’importanza culturale inserendola per prima in Italia, nel Registro della Memoria del Mondo.

15.00 – 16.00
Teatro Bonci

Fahrenheit
conducono Loredana Lipperini e Marino Sinibaldi
Il tentativo di capire e interpretare il nostro tempo attraverso i concetti di tirannia e libertà prosegue con altri punti di vista e competenze. lo scenario geopolitico, mai così enigmatico e contraddittorio, con Sergio Romano, storico, giornalista e diplomatico; il panorama psicosociale e morale con  Luigi Zoja, psicanalista italiano dalle esperienze internazionali; il mondo di Internet, dei social media e della nuova comunicazione globale con Massimo Mantellini esperto di web, cultura digitale e politica delle reti. 
Progetto Oltrepassi 201 con Maria Cristina Ballestracci.

16.00 – 16.45
Teatro Bonci

Radio3 Scienza
conducono Marco Motta e Rossella Panarese
NON C’È GUBBIO, FU UN ASTEROIDE
La teoria più popolare per spiegare l'estinzione dei dinosauri nasce nei primi anni '80 del secolo scorso dal lavoro di un gruppo di geologi giovani brillanti e un po' eccentrici. Studiando le rocce nella Gola del Bottaccione a Gubbio, trovarono le tracce di un disastro planetario risalente a 65 milioni di anni fa. Alessandro Montanari era uno di loro. Quel disastro, si scoprirà pochi anni dopo, fu provocato da un grande asteroide che colpì la Terra nel Golfo del Messico. Nel frattempo, i paleontologi hanno capito che i dinosauri non erano grigi o verdi, ma molto colorati e alcuni persino dotati di piume, come ci raccontano il paleontologo Simone Maganuco e il paleoartista Davide Bonadonna. Sul palco con loro il Dilofosauro e i suoi amici. 

16.50 – 17.00
Teatro Bonci

Filo rosso
CESTINI DA VIAGGIO #5

Il viaggio tra tirannia e libertà con il geografo Franco Farinelli e con gli strumenti meccanici del  museo Musicalia di Franco Severi
L’ammazzagalline
Il treno come principale veicolo ottocentesco della riduzione della faccia della Terra ad un unico gigantesco spazio. Jules Verne e Il giro del mondo in ottanta giorni.  Critica dell’interpretazione che Peter Sloterdijk  fa del romanzo. Le ultime pagine de Quer pasticciaccio brutto de via Merulana di Gadda. 

17.05 - 18.05
Teatro Bonci

Il teatro di Radio3    
conduce Antonio Audino
ODISSEA
Uno spettacolo di e con Mario Perrotta
Collaborazione alla regia di Paola Roscioli
Musiche composte ed eseguite da Mario Arcari e Maurizio Pellizzari
Produzione Teatro dell’Argine
C’è un personaggio nell’Odissea che, da sempre, cattura la mia attenzione, un personaggio che molti non ricordano neanche: Telemaco. Soltanto lui non ha memoria di Ulisse, non l’ha mai visto, non sa come è fatto, non sa il suono della sua voce: per Telemaco, Ulisse è solo un racconto della gente. Lui è l’unico personaggio dell’Odissea che può costruire un’immagine di Ulisse calibrata a suo piacimento. I pensieri di Telemaco, forse, sono l’unico luogo dove Ulisse può essere ancora un eroe. Ma gli eroi durano il tempo di un romanzo e questo Telemaco lo sa...
È così che ho disancorato Telemaco dal tempo degli eroi e l’ho trascinato qui, nel ventunesimo secolo. Solo così potevo immaginare un’odissea mia, contemporanea, solo portando la leggenda a noi, in questo nostro tempo così disarticolato e privo di certezze.
 
Mario Perrotta

18.05 – 18.15 
Teatro Verdi

Filo rosso
CESTINI DA VIAGGIO #6

Il viaggio tra tirannia e libertà con il geografo Franco Farinelli e con gli strumenti meccanici del  museo Musicalia di Franco Severi
L’invenzione del cestino da viaggio
Ritorno alla via Emilia. L’invenzione del cestino da viaggio (Aldo Casali, 1913) come esempio delle modifiche apportate dalla strada ferrata alla nostra maniera di vivere e concepire il mondo. 

18.15 – 18.45
Teatro Verdi

Pantheon
conduce Lorenzo Pavolini
Si conclude a Cesena il viaggio tra le letture senza le quali il Sessantotto non sarebbe stato il movimento capace di intercettare le questioni di un mondo in trasformazione e rilanciarle fino cinquanta anni di distanza nel nostro presente. Dopo aver riletto nelle dodici puntate precedenti con i nostri ospiti saggi e poemi, biografie e autobiografie, romanzi e trattati di psicanalisi, operaismo, pedagogia, femminismo e psichiatria scopriremo con Paolo Pombeni il tredicesimo e ultimo libro di questa nostra biblioteca ideale.

19.00 - 19.50
Teatro Verdi

Concerto
conduce Guido Barbieri 
SHORT STORIES
Beppe Gambetta e Marco Fadda in concerto
Beppe Gambetta torna in Italia per presentare Short Stories, il suo tredicesimo lavoro discografico
ispirato sempre di più alla sua vita “on the road” a cavallo tra il vecchio e il nuovo continente per
esplorare nuovi territori, ambienti, popoli e storie. Con una bellezza e varietà di stili che provengono dalla combinazione delle diverse passioni musicali tra ricerca e creatività. Il programma è un viaggio attraverso composizioni originali, trascrizioni inedite, canzoni d'autore con arrangiamenti innovativi in  quattro lingue: inglese, tedesco, italiano e genovese.

21.30
Teatro Bonci 

Concerto
conduce Monica Nonno
COME UNA SPECIE DI SORRISO
Neri Marcorè 

con GnuQuartet 
Stefano Cabrera violoncello, Roberto Izzo violino 
Raffaele Rebaudengo viola, Francesca Rapetti flauto 
Simone Talone percussioni, Domenico Mariorenzi chitarra 
Flavia Barbacetto, Angelica Dettori voci 
Stefano Cabrera arrangiamenti e orchestrazione
Uno spettacolo nel quale ritroveremo Fabrizio De Andrè, anche quello meno conosciuto, che Neri Marcorè - qui nelle vesti di cantante e chitarrista-  più ama. Un repertorio straordinario, impreziosito dagli arrangiamenti sofisticati di Stefano Cabrera (GnuQuartet), che trascinerà il pubblico in un emozionante viaggio musicale attraverso i versi e le note immortali del grande Faber.

vai al programma di venerdì 25 maggio >>
vai al programma di domenica 27 maggio >>

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per