Benvenuto in RaiPlay Radio. Questa la legenda per navigare tra i contenuti tramite tastiera. I link principali corrispondenti alle varie sezioni del giornale sono stati associati a tasti di scelta rapida da tastiera. Premere ALT + la lettera o il numero desiderat0 + INVIO: ALT + 1 = Vai al canale Rai Radio 1
ALT + 2 = Vai al canale Rai Radio 2
ALT + 3 = Vai al canale Rai Radio 3
ALT + 4 = Vai al canale Rai Radio Tutta Italiana
ALT + 5 = Vai al canale Rai Radio Classica
ALT + 6 = Vai al canale Rai Radio Techetè
ALT + 7 = Vai al canale Rai Radio Live
ALT + 8 = Vai al canale Rai Radio Kids
ALT + 9 = Vai al canale Isoradio
ALT + 0 = Vai al canale Gr Parlamento
ALT + P = Play - ascolta la radio

Tutta la città ne parla

Segui

Tutta la città legge: la rassegna stampa del 16 aprile.

Sulle punte

In equilibrio, con tutta la fatica che stare sulle punte comporta. E quasi sul punto di esplodere. Cresciuti negli anni novanta del posto fisso, pretendono dal lavoro precario le stesse garanzie e tutele di un impiego normale, quello per cui hai diritto a essere pagato anche se hai la febbre e non vai al lavoro. Ma la legge non sempre dà loro ragione: perché il lavoratore autonomo è svincolato, per definizione, da qualsiasi responsabilità altrui. Va tutto bene fino a quando non inciampi. O cresci. Chi ieri si accontentava di un paio di lavoretti per arrotondare, domani potrebbe decidere di mettere su famiglia. 

Che cos'è la Gig Economy?
L'espressione deriva dal mondo della musica, in particolare del jazz: la parola gig è molto probabilmente la contrazione di engagement, ingaggio. Come i musicisti dei primi anni del Novecento chiamati a esibirsi a serata, la gig economy si basa sul principio della richiesta: ti chiamo quando ne ho bisogno. Una regola aurea nell'economia delle relazioni umane, ma forse ancora non del tutto adatta al nostro mercato del lavoro. Una definizione e alcuni dati qui.

Su cosa si espresso il tribunale di Torino?
Si è espresso su una causa intentata da sei lavoratori che hanno chiesto alla multinazionale tedesca Foodora di riconoscere il loro impiego come subordinato e non autonomo. Il tribunale ha respinto il ricorso dei rider, negando il risarcimento di 20000 euro richiesto per violazione della privacy e di 100 euro al giorno per il mancato rispetto delle norme antifortunistiche. L'azienda si è difesa così

Hai voluto la bicicletta? Ora pedala.
Pedalo sì, dicono i lavoratori di alcune grandi aziende specializzate nella consegna di pranzi e cene a domicilio, ma non lo faccio per hobby: quello del rider è un lavoro. Non lo è ancora in Italia, ma lo è in Spagna, dove l'ispettorato del lavoro di Valencia ha definito i ciclofattorini come lavoratori dipendenti, e, passando dalle due alle quattro ruote, in Gran Bretagna. La situazione nel resto d'Europa è, più o meno, ancora questa.

Volevate ascolatare il parere di Riccardo Staglianò, questa mattina, ma non ci siete riusciti...
Alcune mattine facciamo di tutto per avere in trasmissione quell'ospite: perché ci sembra la persona più adatta, perché lo abbiamo già sentito parlare o abbiamo letto i suoi libri e ci è piaciuto. Così a volte, nell'immediatezza della diretta, accettiamo la sfida contro il nemico numero uno di ogni collegamento telefonico: le gallerie. Oggi abbiamo perso la sfida e ci scusiamo. Roberto Staglianò, giornalista e autore del libro Lavoretti (Einaudi, 2018), era in treno: se non abbiamo potuto ascoltarlo, possiamo comunque leggerlo.


L'illustrazione è di Roberto Cigna

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Rai Radio 1 Sport

Rai Radio 2 Indie

Canali Overview

Nessun risultato per