Pascal

88: La lunga strada

Un viaggio per consegnare delle bomboniere e di una vita vissuta in mezzo al traffico

Playlist puntata:

Standing in the way of control - Gossip
A new England - Billy Bragg
on the road - Tom Waits
on the road again - Bob Dylan

Prima storia: Il viaggio di una vita di Angelica De Stefano

Consegnare delle bomboniere per un matrimonio può essere considerata una missione che vale il viaggio di una vita? Sì, se siamo nel '90, se le bomboniere partono da Potenza -al tempo cittadina del sud ancora più sconosciuta di oggi- per arrivare a Chesterfield (Derbyshire, Midlands orientali del Regno Unito) ancorate al portapacchi di un camper al suo primo viaggio popolato da tre generazioni di una stessa famiglia: la mia. Sette persone stipate in poco più di 5 mq, 4 ruote, 2.400 km attraverso 4 paesi (l'Italia vale uno anche se bisogna percorrerla tutta e da Potenza lo stivale sembra ancora più lungo), 3 lingue straniere, 1 attraversamento della Manica, ma soprattutto almeno 3 frontiere e dogane da attraversare.
L'occasione erano le nozze di una mia cugina, figlia del fratello di mia nonna, emigrato in Inghilterra 30 anni prima e sposatosi in contumacia (ma questa è un'altra storia) con una giovane ragazza potentina da cui sono nati 3 figli. Partecipare a quel matrimonio era più di una festa, era l'occasione per permettere a mia nonna e ai miei zii, di cui uno disabile, di vedere il mondo oltre i dintorni delle loro vite, di riabbracciare il fratello adorato, di testimoniare la volontà e la possibilità di avere sempre una famiglia anche se la vita ti porta altrove, e te ne regala un'altra.
Era giugno, avevo 8 anni, la scuola era appena finita e quel viaggio aveva il sapore di qualcosa che avrebbe condito la mia vita per sempre. Il desiderio espresso da Rosy, la cugina promessa sposa, era quello di offrire ai suoi ospiti inglesi i sacchettini di confetti così tipici per gli italiani. Un desiderio diventato una missione per mia nonna, classe '27, che si era fatta carico della responsabilità della riuscita di una parte tra le più importanti di quel matrimonio: il ricordo. Per quelle bomboniere mia nonna ha vestito per tutto il viaggio i panni di una sentinella lucana a servizio di sua maestà il confetto, scrutando le peggiori intenzioni negli occhi dei più impavidi avventori di aree di servizio, pronta a imbracciare cucchiai di legno e strofinacci da cucina contro ogni potenziale ladro di bomboniere. Ricordo una mattina al risveglio mentre scorgeva dalla finestra con una espressione di meraviglia il lago di Ginevra, era divertita nel seguire i giochi delle paperelle nell'acqua senza tuttavia risparmiare sospetti sui viandanti a suo parere troppo incuriositi dal portapacchi del camper. Oppure quando finalmente imbarcati sulla nave che da Calais ci avrebbe portati in Inghilterra ha quasi inscenato un sit-in di protesta perché lei ?da quel camper non sarebbe scesa neanche se glielo avesse ordinato il comandante della nave?. Mio padre riuscì a convincerla con la promessa della vista delle bianche scogliere di Dover dal ponte della nave, era il suo primo viaggio in nave e il momento in cui avrebbe riabbracciato il fratello era sempre più vicino. Anche una cittadina delle remote midlands inglesi sa di casa quando sai che da qualche parte di quelle vie di case a schiera tutte uguali ci sono gli affetti, quelli veri, ad attenderti. Si supera l'assenza dei cellulari, dei navigatori, dell'inglese più che maccheronico, della pioggerellina costante, l'immancabile.
La festa, quella vera, si è consumata sul vialetto di una di quelle case a schiera, negli abbracci infiniti con gli occhi colmi di gioia, nell'orgoglio per una missione compiuta che è valsa il viaggio che mia nonna non avrebbe mai pensato di compiere in quella vita o che aveva popolato solo i suoi sogni. Molti anni dopo trovandomi a Londra un'estate ho preso un autobus e sono tornata a Chesterfield a trovare il fratello di mia nonna, sua moglie e Rosy con suo marito e i suoi 2 figli, in quella casa che per me sa di confetto, di autostrade, di navi, di avventure, di racconti, di risate, di gioia, di andate e di ritorni.

Seconda storia: una vita fermi nel traffico

"Niente si muoveva. Eravamo finiti in un ingorgo totale.
L'acompagnatore scese dal van e andò a parlare con altre persone bloccate nel traffico e scoprì che era in corso una massiccia riparazione stradale, che aveva ristretto l'autostrada a una sola corsia. Un gruppo di camion aveva cercato di forzare le barriere e si erano incastrati l'un l'altro creando una catena di ingorghi e incidenti. Al ritorno al furgone l'accompagnatore non era nè arrabiato nè scocciato, era come se la cosa fosse normale.
"Era completamente rassegnato" racconta louisa "eravamo già farmi da circa un'ora e nessuno si muoveva, ma soprattutto non c'era nessuna via di fuga.
Io non riuscivo a accettare l'idea di dormire in quel piccolo furgone con tutte queste persone nel mezzo del nulla per tutta la notte. Ma ero soprattuto molto preoccupata.  All'inizio di quella settimana infatti, avevamo letto un articolo in ufficio su alcune persone che in Cina  erano state bloccate in un ingorgo per cinque giorni e cinque notti di fila".

Louisa Lim è una reporter che lavora per la BBC in Cina. nel settembre 2004, stava attraversando la provincia di Ningxia per intervistare un sindaco. Durante quel viaggio rimase bloccata nel traffico per 12 oree da quella esperienza uscì la storia che vi stiamo raccontando stasera. Noi l'abbiamo ascoltata la prima volta in "Expect Delays" di This American Life. Ascoltatela anche voi! https://www.thisamericanlife.org/629/expect-delays


(foto via Flickr, "Shanghai, P.R. of China - October, 2015" di PROKonrad Lembcke)

Puntate

18/01/2018

94: Cose che non esistono

Una visione nel gran canyon e un apprezzato ristorante che non esiste

17/01/2018

93: A tanto così da una celebrità

Una telefonata sorprendete e di un papà che ricordava molto Roger Moore

16/01/2018

91: Uomini che fanno paura

Un'aggressione immotivata e del premio nobel più maledetto di tutti

15/01/2018

91: La difficile impresa di trovare l'amore

Un adolescente alle prese coi primi amori e di un grippo religioso che può sposarsi solo tra confratelli

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Canali Overview

Nessun risultato per