Prima pagina

Dall'Italia le bombe di Riad sui civili

l'inchiesta del New York Times - la Repubblica
[…] Le bombe che straziano le città yemenite, sganciate dai caccia sauditi, sono prodotte in Italia, dalla Rwm Italia, una fabbrica sarda di Domusnovas di proprietà della tedesca Rheinmetall. Tutto legale? Secondo il New York Times, no. Il quotidiano americano ha ricostruito la storia degli ordigni MK, raccogliendone i resti, identificando la provenienza e dimostrando che sono stati usati contro civili nei raid che l’IOnu condanna come “indiscriminati”. Nel 2017 queste esportazioni sono aumentate in modo massiccio: secondo NYT il governo italiano autorizza vendita di armi per quasi 500mln/€, di cui oltre 400 mln per le bombe. 
Ora il giornale accusa: l’esportazione a Paesi in guerra è vietata da accordi internazionali, e la legge italiana 185 del 1990 non solo conferma il divieto di vendita ai Paesi sottoposti a embargo internazionale, ma lo estende anche a quelli in conflitto armato.
Ma in Italia nessuno sembra deciso a chiarire o a smentire. La vicenda della RWM è nota, le camere sono sciolte, il palleggio della responsabilità è fin troppo facile, anche di fronte alla tragedia yemenita, con quasi novemila morti, 50mila feriti e oltre cinque milioni di sfollati. Alla Difesa vige il silenzio assoluto: la ministra Roberta Pinotti ha incassato le sue critiche per un viaggio dell’ottobre 2016 in Arabia Saudita che i pacifisti definivano “propagandistico” e non replica al NYT perché la decisione sull’esportazione di armamenti spetta al ministero degli Esteri, in particolare all’Unità per le autorizzazioni di materiali d’armamento. Ma nella valutazione va tenuto conto, per legge, dei pareri tecnici dei vari ministeri, fra cui la Difesa. Diverso è stato il caso dell’invio di armi ai combattenti curdi contro l’Isis, per il quale la stessa Pinotti aveva chiesto il parere delle commissioni: si trattava di armi di proprietà della difesa e provenienti da sequestri.
La Farnesina ricorda che “la valutazione per autorizzazioni a Paesi extra-Ue e Nato coinvolge diversi ministeri”; come dire: non abbiamo deciso da soli”. Il ministro degli Esteri ricorda che “l’Italia si adegua sempre alle prescrizioni dell’Onu o dell’Unione europea”, che l’export di armi verso Riad è inferiore a quelle di altri paesi Ue e che al momento “l’Arabia Saudita non è soggetta al d alcuna forma di embargo, sanzione o altra misura restrittiva internazionale o europea”. In altri termini: le perplessità sono politiche, la decisione è stata anch’essa politica. […]

A poco sono servite le denunce dei pacifisti, che oggi ribadiscono con Francesco Vignarca, portavoce di Rete Disarmo: “Da tempo denunciamo che le autorizzazioni della Farnesina sono illegittime. Vogliamo davvero continuare ad essere complici dei bombardamento su civili e della più grave crisi umanitaria oggi in corso?”

sito di la Repubblica

Puntate

22/01/2018

PRIMA PAGINA del 22 gennaio 2018

con Andrea Fabozzi

21/01/2018

PRIMA PAGINA del 21 gennaio 2018

con Pierluigi Vercesi

20/01/2018

PRIMA PAGINA del 20 gennaio 2018

con Pierluigi Vercesi

19/01/2018

PRIMA PAGINA del 19 gennaio 2018

con Pierluigi Vercesi

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Canali Overview

Nessun risultato per