Gettoni

Jane Austen | Niente donne perfette, per favore

Jane Austen - Niente donne perfette, per favore

Florinda Fiamma racconta la vita di Jane Austen. Le altre puntate

Jane Austen 1 - Chi è la Lady misteriosa
Jane Austen 2 - Una porta che cigola
Jane Austen 3 - Niente donne perfette, per favore
Jane Austen 4 - L'incantatrice di bambini
Jane Austen 5 - La serenità dell'isolamento



Un pezzetto d’avorio su cui lavoro con un pennellino tanto fine da produrre ben poco effetto nonostante tutta la fatica”, così Jane Austen descrive il suo mestiere di scrittrice. Un pennellino con cui racconta le complesse relazioni tra emozioni private e società. La Austen teme di non essere originale, tanto che all’indomani dell’uscita di Ragione e sentimento cerca con trepidazione il romanzo di una contemporanea, Mary Brunton, dal titolo Self Control, perché ha paura di scoprirci trame e personaggi simili ai suoi. Ma poi si conforta e nel 1816 in un’altra lettera scrive: “Devo rimanere fedele al mio stile e proseguire a modo mio per la mia strada”. L’uso di scrivere romanzi era diffuso tra le giovani donne dell’Inghilterra vittoriana e non costituiva un ostacolo al matrimonio, a patto di restare solo un divertimento, senza ambizioni letterarie, che invece Jane Austen ha e continua a scrivere e a pubblicare. Il 29 gennaio1813 confessa a sua sorella in una lettera: “Cara Cassandra, sono felice di annunciarti che da Londra è finalmente arrivato il mio caro bambino: ho ricevuto una copia di Orgoglio e pregiudizio via diligenza”.

Jane Austen ha scritto sei romanzi, moltissimi racconti e oltre 3000 lettere, anche se a noi ne sono arrivate solo 160, perché sua sorella Cassandra ha gettato nel camino tutte le altre per timore che Jane, ormai famosa, dopo la sua morte potesse diventare oggetto di curiosità. Nell’epistolario le sorelle Austen parlano di balli, abiti e frivolezze, e anche di loro stesse, che alle feste danzanti si vestono di tutto punto e indossano cuffiette nuove di zecca. Nelle lettere Jane fa degli ironici resoconti di feste, e caustici apprezzamenti di abiti e critica alcuni cliché della buona società di provinciali. Sempre ironicamente chiosa: “Preferisco le persone poco gradevoli, mi risparmiano la fatica di doverle amare”. 

E in una lettera alla sua amata nipote Fanny, mentre parla di trame di romanzi e scimmiotta i comportamenti di eroine esemplari, commenta: “Niente donne perfette, per favore, come sai, mi danno il volta stomaco”. Del resto c’è chi ritiene che Emma Woodhouse, protagonista del suo romanzo Emma, sia la prima eroina moderna, perché è dotata di amor proprio, esattamente come Jane Austen, che l’ha creata. La Austen nei suoi romanzi racconta di matrimoni e amori ma lei non si è mai sposata. Pare abbia avuto una forte delusione amorosa a vent’anni, dopo il corteggiamento di Tom Lefroy, un giovane irlandese di cui lei si invaghisce. A impedire l’unione dei due ragazzi fu la loro diversa estrazione economica e sociale, visto che lei era priva di dote. E Jane sceglie un’esistenza familiare, e dedicata alla scrittura.

 

Da leggere, per approfondire

Niente donne perfette, per favore di Jane Austen, (L’Orma Editore)

Jane Austen di Virginia Woolf (Elliott)

Ricordo di Jane Austen di James Edward Austen-Leigh, a cura di  Giuseppe Ierolli (Elliot)

Puntate

18/12/2017

Anton Checov | Una bottega sul mar d’Azov

Un bambino seduto su un baule piange, perché suo fratello, più grande di lui, non vuole essere suo amico e lo guarda in modo sprezzante. La loro camera è piccola, povera. I vetri sono opachi, il pavimento sporco.

19/12/2017

Anton Checov | La prima volta al teatro

A tredici anni, Anton Cechov vede per la prima volta un palcoscenico e delle scenografie. Il teatro, a Taganrog, conserva ancora il lustro dei vecchi tempi, quando arrivavano attori da Mosca o San Pietroburgo. Un teatro di provincia, con le quinte polverose e le poltrone antiquate.

20/12/2017

Anton Checov | Il medico scrittore

Il volto magro, con le guance scavate, i capelli folti, una barba leggera, un’aria modesta. Tolstoj diceva di lui: “Cammina come una fanciulla”.

21/12/2017

Anton Checov | Come nasce Ivanov

Una sera d’autunno del 1887, Anton Cechov, ventisettenne, brillante autore di racconti umoristici e del racconto La steppa che Tolstoj aveva giudicato una delizia, assiste a una prima al teatro Kors di Mosca. Non gli piace e va a dirlo al direttore che gli risponde: “Invece di criticare perché non scrivete una commedia nuova? Ve la metto in scena”. Anche gli attori lo incoraggiano dicendo “Tu sai stuzzicare i nervi degli spettatori”.

Caricamento...

Ascolta le dirette

Rai Radio 1

Rai Radio 2

Rai Radio 3

Rai Radio Tutta Italiana

Rai Radio Classica

Rai Radio Techetè

Rai Radio Live

Rai Radio Kids

Rai Isoradio

Rai Radio GR Parlamento

Canali Overview

Nessun risultato per